Mercoledì 22 Maggio 2019 | 14:37

NEWS DALLA SEZIONE

Il giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
La storia
Bari, anziano a digiuno per giorni, picchiato e isolato in casa: arrestata badante

Bari, anziano a digiuno per giorni, picchiato e isolato in casa: arrestata badante

 
La decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
Il naufragio
Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 100 nuove parti civili

Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 61 nuove parti civili

 
La sentenza
di cosola

Bari, 27 condanne clan Di Cosola: 21 anni a fratello boss

 
Sanità
Politecnico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

Policlinico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

 
L'ecomostro
Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

 
La protesta
«Fascista!»: a Lecce cori e proteste contro il comizio di Salvini

I cori contro Salvini: a Lecce «Fascista!» e a Bari: «Vaff...»

 
Dopo una lite
Conversano, ha problemi economici e tenta di uccidere figlio neonato: in cella 40enne

Conversano, ha problemi economici e tenta di uccidere figlio neonato: in cella 40enne

 
Alle 10.14
Nordbarese: due scosse di terremoto, sisma avvertito anche a Bari

Terremoto in Puglia, trema la Bat. Paura e scuole chiuse FOTO
Trani, crolla timpano chiesa FOTO

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
TarantoIl caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mattinata, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento, sospetta agevolazione mafiosa

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 
BatSanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 

i più letti

L'allarme

Bitonto, l'ex ospedale in balia dei vandali

L'ultima denuncia arriva dal consigliere regionale Damascelli: cibo, bottiglie, siringhe ed escrementi, bisogna intervenire

Bitonto, l'ex ospedale in balia dei vandali

L’ex ospedale di Bitonto in balia dei vandali notturni. L’ultima denuncia, in ordine di tempo, arriva dal consigliere regionale Domenico Damascelli che, nei giorni scorsi, ha effettuato un sopralluogo nel presidio territoriale assistenziale e ha raccolto le testimonianze del personale in servizio.
«Nottetempo, alcuni reparti e alcune zone della struttura sanitaria - così Damascelli - diventano ricovero per senzatetto, sbandati e tossicodipendenti, e al mattino, gli operatori sanitari trovano di tutto». Cioè? «Dalle siringhe agli escrementi, passando per avanzi di cibo e bevande evidentemente consumati qui».
Particolarmente frequentati gli ambienti al seminterrato e alcune zone di passaggio fra un corpo di fabbrica e l’altro. Le segnalazioni non sono nuove. Da anni, infatti, l’ex ospedale cittadino di notte è del tutto incustodito e lasciato così alla mercé di vandali e ladri, che passano, bivaccano, distruggono, portano via ciò che ritengono possa valere: dagli spiccioli della cassa del Centro unico di prenotazione, ai pc degli ambulatori, passando per la Fiat Panda di servizio, rubata dal parcheggio interno, fino ad arrivare ai furti milionari e su commissione di apparecchiature mediche e, soprattutto, di farmaci antitumorali e ormoni della crescita, sottratti a più riprese dalla farmacia territoriale.


Disarmante la facilità con cui i ladri hanno accesso alla struttura, che dalle 20 alle 8 rimane aperta, visto che il Punto di primo intervento funziona ancora h24, ma è quasi del tutto vuota, perché gli ambulatori chiudono i battenti alle 20.
Niente di più facile, così, per malintenzionati o nullafacenti che entrare nella struttura e gironzolare, senza dove rendere conto a nessuno. In molti casi è stato sufficiente forzare una porta o una finestra per aver accesso indisturbato a tutto l’edificio. Le pressanti richieste di un servizio di vigilanza a tutela della struttura, avanzate negli anni dai politici locali e dalle sigle sindacali, sono rimaste al momento senza risposta: un investimento troppo grande per una struttura sanitaria che è stata negli anni ampiamente declassata e progressivamente svuotata di servizi e personale.
«Questa situazione - riprende Damascelli - non è più tollerabile. In quello che dovrebbe essere un luogo in cui si tutela la salute, gli ambienti sono malsani e insicuri, sia per chi ci lavora sia per chi viene qui a farsi curare». Già pronta un’interrogazione da presentare in Consiglio regionale e indirizzata al presidente Michele Emiliano e al direttore generale della Asl, Antonio Sanguedolce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400