Lunedì 19 Agosto 2019 | 07:31

NEWS DALLA SEZIONE

Guardia costiera
Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli

Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli. L'Ordinanza

 
Politica
L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

 
Bollino rosso
Bari, auto in fiamme sull'A14: coda lunga 4 km e traffico in tilt

Bari, auto in fiamme sull'A14: coda lunga 4 km e traffico in tilt

 
Disagi in spiaggia
Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

 
«The Nest»
La Puglia sbanca nel mondo horror: ecco l'opera del cineasta De Feo

La Puglia sbanca nel mondo horror: ecco l'opera del cineasta barese De Feo

 
Il caso
Choc a Monopoli, una «Maria nera» ruba la scena alla «Madonna della Madia»

Choc a Monopoli, una «Maria nera» ruba la scena alla «Madonna della Madia»

 
Anche in Provincia
Bari, i cani bagnino di Pane e Pomodoro quest'anno vanno in tour

Bari, i cani bagnino di Pane e Pomodoro quest'anno vanno in tour

 
La denuncia di Radicali e Penalisti
«Bari ha bisogno di un nuovo carcere»: solo 299 posti, mai i detenuti sono 428

«Bari ha bisogno di un nuovo carcere»: solo 299 posti, ma i detenuti sono 428

 
Lo spettacolo
«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

 
Il giorno di Ferragosto
Bari, dipendente negozio alimentari prende a sprangate cliente dopo lite: arrestato

Bari, dipendente negozio alimentari prende a sprangate cliente dopo lite: arrestato

 

Il Biancorosso

Coppa Italia
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceVandalismo
Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

 
HomeGuardia costiera
Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli

Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli. L'Ordinanza

 
FoggiaLa polemica
Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

 
BrindisiIl caso
Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

 
HomeIncidenti stradali
Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

Puglia, domenica di sangue sulle strade: 4 morti a Laterza, Trinitapoli e Veglie

 
GdM.TVIl ritrovamento
Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

 
PotenzaIl caso
Castelmezzano, Rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

Castelmezzano, rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

 
BatL'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 

i più letti

L'intervista

Caringella: «Sulle inchieste giudiziarie si è passati dall'indignazione all'indifferenza

Il consigliere di Stato presenterà il film Non sono un assassino al Bif&st di Bari, tratto da un suo romanzo

Caringella: «Sulle inchieste giudiziarie si è passati dall'indignazione all'indifferenza

«Davanti alle inchieste giudiziarie si è passati dalla indignazione alla indifferenza»: il monito e la riflessione pacata sul cortocircuito tra indagini, politica e media è di Francesco Caringella, consigliere di Stato e scrittore, magistrato penale a Milano durante Mani Pulite. Il 28 aprile, nel Bif&st, ci sarà la prima del film «Non sono un assassino» al Petruzzelli di Bari, tratto da un suo romanco.


Caringella, ha scritto con Raffaele Cantone «La corruzione spuzza». Il tema in Italia resta di grande attualità.
«Dopo aver curato un libro sulla corruzione, scriveremo un saggio sulla giustizia. Se la giustizia non funziona, è colpa della gente, non dei processi o dei giudici o degli avvocati. La vera giustizia funziona fuori dal tribunale, con l’applicazione spontanea delle leggi da parte dei cittadini. In Italia c’è illegalità e conflittualità diffusa, la macchina della giustizia viene invasa da domande insopportabili».


Le inchieste in Umbria e Puglia sui governatori Marini e Emiliano che impatto hanno sull’opinione pubblica?
«Vivo a Roma e ho percepito come la Capitale ha vissuto le inchieste legate al Comune: i casi Marino, Raggi o De Vito. A Milano nel 1992 c’era una indignazione popolare. L’invettiva fine a se stessa, non accompagnata da una consapevolezza critica dei cittadini del bisogno di una cultura di rispetto delle regole e degli interesse pubblico è stata una azione sterile. Certi politici dopo le elezioni non cambiano antropologicamente: rispecchiano la scarsa sensibilità verso la legge che è una cifra culturale con cui dobbiamo fare i conti. La società allora si riteneva migliore della classe politica. Una nomenclatura è stata spazzata via e quella nuova non si è dimostrata migliore».


Adesso c’è un sentimento dominante?
«La rassegnazione. Un misto di indifferenza e pigrizia. L’indifferenza è una forma di connivenza. Diceva Paolo Borsellino che le mafie sono problemi culturali che si nutrono della rassegnazione della gente. Ogni parola produce conseguenze, e i silenzi pure».


La politica ha bisogno di risorse per le proprie attività. Bisognerebbe tornare al finanziamento pubblico?
«Il finanziamento pubblico nonostante i suoi abusi è un sistema per certi versi più trasparente di quello privato sotterraneo. Ha senso il finanziamento privato se è tracciabile. Quello sotterraneo o misterioso significa sostanzialmente asservimento della politica al finanziatore occulto, con il rischio che si tutelino interessi privati e non il bene comune».


Poi c’è il nodo della lentezza dei processi…
«Da quello per Marino ai precedenti di Mastella o Del Turco, la sentenza arriva dopo molti anni, con gli indagati poi assolti eclissati dalla politica. Il problema è la tempistica. Un processo lento è già una pena: in Italia dura otto anni, in Germania sei mesi. Il mix tra lentezza giudiziaria e giustizialismo, per cui un avviso di garanzia è già una condanna, è letale. L’assoluzione dopo molti anni finisce per essere ammissione di un errore giudiziario che ha già prodotto i suoi frutti».


A Bari ci sarà il 28 la prima di «Non sono un assassino». Gli scrittori a volte non sono contenti della trasposizione della propria opera al cinema 
«Non sono tra i romanzieri che chiedono “fedeltà coniugale” al proprio testo. Il regista Zaccariello ha firmato alcune variazioni che danno più suspense. Gli attori? Riccardo Scamarcio l’ho corteggiato con un pranzo a base di pesce a Roma «Da Pierluigi» e ha accettato: è perfetto come protagonista. La Gerini è un pm straordinario, Alessio Boni è il «giudice etico», Edoardo Pesce l’avvocato gigioneggiante. Non dico altro…».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie