Giovedì 16 Luglio 2020 | 18:20

NEWS DALLA SEZIONE

sanità
Asl Bari assume 30 medici nei pronto soccorso per periodo estivo

Asl Bari assume 30 medici nei pronto soccorso per periodo estivo

 
la condanna
Bari, quasi 14 anni di carcere per 2 banditi seriali: a loro attributi 11 colpi in supermercati

Bari, quasi 14 anni di carcere per 2 banditi seriali: a loro attributi 11 colpi in supermercati

 
Turismo
Mola, B&b: nasce un Comitato per stanare le strutture abusive

Mola, B&B: nasce comitato per stanare le strutture abusive

 
a livello nazionale
Un'app per curare la demenza: Asl Bari in finale a concorso su tecnologie innovative

Un'app per curare la demenza: Asl Bari in finale a concorso su tecnologie innovative

 
Disservizi
Bari, in fila all’Agenzia delle entrate . «Ma molti servizi sono on line»

Bari, all’Agenzia delle entrate la tecnologia non basta: «Servizi online, ma la gente si mette in fila dalle 6»

 
Giustizia svenduta
Magistrati arrestati, sequestrate bombe e armi a poliziotto a Corato

Magistrati arrestati, sequestrate bombe e armi a poliziotto a Corato

 
Il meeting
Regionali 2020, Cesa: «In Puglia l'Udc sostiene Raffaele Fitto»

Regionali 2020, Cesa: «In Puglia l'Udc sostiene Raffaele Fitto»

 
Anniversario
Bari, PoPizz, compie cinque anni. La radio custode della baresità

Bari, PoPizz, compie cinque anni: la radio custode della baresità

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari-Carrarese, la fabbrica del gol duello di arieti con numeri e primati

Bari-Carrarese, la fabbrica del gol: duello di arieti con numeri e primati

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barisanità
Asl Bari assume 30 medici nei pronto soccorso per periodo estivo

Asl Bari assume 30 medici nei pronto soccorso per periodo estivo

 
Tarantoil provvedimento
Taranto, approvato schema per istituzione Parco Mar Piccolo

Taranto, approvato schema per istituzione Parco Mar Piccolo

 
Potenzafase 3
Riaprono al pubblico altri 2 musei a Metaponto e Maratea

Riaprono al pubblico altri 2 musei a Metaponto e Maratea

 
Leccel'identificazione
Gallipoli rissa davanti a discoteca, 10 nei guai: si cerca autore lesioni ad un napoletano

Gallipoli rissa davanti discoteca, 10 nei guai: si cerca autore lesioni a napoletano

 
FoggiaUniversità
Gabriele, dott. in Economia a 20 anni con il sogno di fare il commercialista

Foggia: Gabriele, dottore in Economia a 20 anni con il sogno di fare il commercialista

 
Brindisil'annuncio
Brindisi, al Cara di Restinco positivo al Covid uno degli 80 migranti trasferiti

Brindisi, al Cara di Restinco positivo al Covid uno degli 80 migranti trasferiti

 
BatArte
Bisceglie, l’arte dipinta sui muri. Pin in azione

Bisceglie, l’arte dipinta sui muri: Pin in azione

 
Materadalla polizia
Matera, tenta di violentare donna in un vicolo: arrestato

Matera, tenta di violentare donna in un vicolo: arrestato

 

i più letti

L'intervista

Caringella: «Sulle inchieste giudiziarie si è passati dall'indignazione all'indifferenza

Il consigliere di Stato presenterà il film Non sono un assassino al Bif&st di Bari, tratto da un suo romanzo

Caringella: «Sulle inchieste giudiziarie si è passati dall'indignazione all'indifferenza

«Davanti alle inchieste giudiziarie si è passati dalla indignazione alla indifferenza»: il monito e la riflessione pacata sul cortocircuito tra indagini, politica e media è di Francesco Caringella, consigliere di Stato e scrittore, magistrato penale a Milano durante Mani Pulite. Il 28 aprile, nel Bif&st, ci sarà la prima del film «Non sono un assassino» al Petruzzelli di Bari, tratto da un suo romanco.


Caringella, ha scritto con Raffaele Cantone «La corruzione spuzza». Il tema in Italia resta di grande attualità.
«Dopo aver curato un libro sulla corruzione, scriveremo un saggio sulla giustizia. Se la giustizia non funziona, è colpa della gente, non dei processi o dei giudici o degli avvocati. La vera giustizia funziona fuori dal tribunale, con l’applicazione spontanea delle leggi da parte dei cittadini. In Italia c’è illegalità e conflittualità diffusa, la macchina della giustizia viene invasa da domande insopportabili».


Le inchieste in Umbria e Puglia sui governatori Marini e Emiliano che impatto hanno sull’opinione pubblica?
«Vivo a Roma e ho percepito come la Capitale ha vissuto le inchieste legate al Comune: i casi Marino, Raggi o De Vito. A Milano nel 1992 c’era una indignazione popolare. L’invettiva fine a se stessa, non accompagnata da una consapevolezza critica dei cittadini del bisogno di una cultura di rispetto delle regole e degli interesse pubblico è stata una azione sterile. Certi politici dopo le elezioni non cambiano antropologicamente: rispecchiano la scarsa sensibilità verso la legge che è una cifra culturale con cui dobbiamo fare i conti. La società allora si riteneva migliore della classe politica. Una nomenclatura è stata spazzata via e quella nuova non si è dimostrata migliore».


Adesso c’è un sentimento dominante?
«La rassegnazione. Un misto di indifferenza e pigrizia. L’indifferenza è una forma di connivenza. Diceva Paolo Borsellino che le mafie sono problemi culturali che si nutrono della rassegnazione della gente. Ogni parola produce conseguenze, e i silenzi pure».


La politica ha bisogno di risorse per le proprie attività. Bisognerebbe tornare al finanziamento pubblico?
«Il finanziamento pubblico nonostante i suoi abusi è un sistema per certi versi più trasparente di quello privato sotterraneo. Ha senso il finanziamento privato se è tracciabile. Quello sotterraneo o misterioso significa sostanzialmente asservimento della politica al finanziatore occulto, con il rischio che si tutelino interessi privati e non il bene comune».


Poi c’è il nodo della lentezza dei processi…
«Da quello per Marino ai precedenti di Mastella o Del Turco, la sentenza arriva dopo molti anni, con gli indagati poi assolti eclissati dalla politica. Il problema è la tempistica. Un processo lento è già una pena: in Italia dura otto anni, in Germania sei mesi. Il mix tra lentezza giudiziaria e giustizialismo, per cui un avviso di garanzia è già una condanna, è letale. L’assoluzione dopo molti anni finisce per essere ammissione di un errore giudiziario che ha già prodotto i suoi frutti».


A Bari ci sarà il 28 la prima di «Non sono un assassino». Gli scrittori a volte non sono contenti della trasposizione della propria opera al cinema 
«Non sono tra i romanzieri che chiedono “fedeltà coniugale” al proprio testo. Il regista Zaccariello ha firmato alcune variazioni che danno più suspense. Gli attori? Riccardo Scamarcio l’ho corteggiato con un pranzo a base di pesce a Roma «Da Pierluigi» e ha accettato: è perfetto come protagonista. La Gerini è un pm straordinario, Alessio Boni è il «giudice etico», Edoardo Pesce l’avvocato gigioneggiante. Non dico altro…».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie