Mercoledì 24 Aprile 2019 | 20:22

NEWS DALLA SEZIONE

Il premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 
Nel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
emergenza in puglia
Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanze per bloccare il batterio

Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanza per bloccare il batterio

 
Approvato dal Ministero
Teatro Petruzzelli a Bari, ok al Piano di risanamento

Teatro Petruzzelli a Bari, ok al Piano di risanamento

 
Il retroscena
Scommesse online, «scuola barese» nel mirino: fa girare tanti soldi

Scommesse online, «scuola barese» nel mirino: fa girare soldi

 
L'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
le proposte dell’anas
Tangenziale da «liberare» tre opzioni da Bari a Mola

Tangenziale da «liberare» tre opzioni da Bari a Mola

 
Nuovi collegamenti
Bari più vicina ad Atene: da giugno voli diretti per la capitale greca

Bari più vicina ad Atene: da giugno voli diretti per la capitale greca

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Il riscatto

Valenzano, la coop «Semi di Vita» si prende i terreni tolti alla mafia

La coop sociale con sede a Japigia vince bando per l’assegnazione di 26 ettari

Angelo Santoro Semi di vita

BARI - Sarà un lavoraccio. Un impegno che costerà fatica. Così complesso che non molti se ne farebbero carico: ridare vita ad un bene confiscato alla mafia, non è mai una cosa semplice. Se poi di tratta di 26 ettari di terreno, abbandonati da quasi 30 anni e da rendere produttivi, allora il gioco si fa veramente duro. Ma ad Angelo Santoro questi «giochi» non spaventano, tanto è vero che da 5 anni gestisce una cooperativa sociale, «Semi di vita», che a Japigia su un terreno avuto in concessione, produce prodotti agricoli bio.
«Cinque anni di impegno senza risparmio – spiega sorridendo – anche quando tutti mi davano del matto. Coltivare la terra a Japigia sembrava una follia. Certo, ancora non riesco a pagarmi lo stipendio, ma la soddisfazione di tutto quello che fino ad ora sono riuscito a costruire è grande».
Una esperienza quella di Semi di vita che ha visto tanti attorno ad Angelo, anche solo a dare una mano, una palestra che oggi ha portato la cooperativa a vincere un bando per l’assegnazione di 26 ettari nel Comune di Valenzano. Beni confiscati ad un prestanome del clan Parisi-Stramaglia in seguito all’inchiesta Domino e che ora torneranno a nuova vita.

IL BANDO Semi di vita il 6 febbraio di quest’anno si è riuscita ad aggiudicare il bando con un giudizio pieno di 100/centesimi per il progetto, riconosciuto dalla commissione straordinaria.
«A concorrere siamo stati in quattro – sottolinea Santoro -, due sono stati scartati perché non avevano tutti i requisiti richiesti, l’altro concorrente ha ottenuto 64/centesimi».
Per il progetto di rinascita del terreno Semi di vita ha raccolto attorno a sé 19 partner, tra Istituzioni, Enti, aziende. «Diciannove partner che svolgeranno un ruolo attivo nel progetto – spiega Santoro -, tra i quali la facoltà di Veterinaria e di Agraria. E visto quello che faremo, avremo bisogno di tutto l’aiuto possibile».

IL LUOGO Il terreno in questione è praticamente alle spalle della facoltà di Veterinaria. Anticamente era un uliveto con migliaia di alberi, ma l’incuria e i furti hanno portato via quasi tutto. Oggi rimangono circa 600 ulivi in gran parte malconci; tutto attorno al perimetro si è creata una discarica abusiva con gettati materiali edili di scarto, amianto e plastiche. Capita di vedere qualche gregge brucare e persone che raccolgono cicorie selvatiche.

IL CRONOPROGRAMMA «Come prima azione entro un mese sistemeremo i cancelli. Serve anche per indicare che non è più una proprietà in abbandono. Poi il Comune di Valenzano si occuperà di pulire l’area. Ci vorranno un paio di mesi per venirne a capo. A questo punto con la facoltà di Agraria inizieremo ad analizzare il terreno, per verificare che tipo di terra è. Contemporaneamente dovremo realizzare un pozzo, perché non si può fare agricoltura se non c’è acqua».
Solo per il pozzo saranno necessari investimenti per almeno 20mila euro. «Utilizzeremo tutto quello che riusciremo a vendere dei prodotti di Semi di vita che già abbiamo, ma sarà solo l’inizio: dovremo prendere un trattore più grande di quello che abbiamo al momento, attrezzi… ecco diciamo che sarà allora che “i duri incominceranno a giocare”… ». Ride Angelo, di una risata contagiosa che è una delle sue qualità più belle.
«Per trovare il denaro necessario stiamo partecipando ad altri bandi per l’assegnazione di fondi proprio per gestire beni confiscati alla mafia. Per quest’anno puntiamo a salvare tutti gli ulivi possibili, dovremmo farcela almeno con 200 alberi, poi semineremo per vedere come risponde il terreno. Ma il cronoprogramma è anche di carattere sociale. Noi non siamo i proprietari del bene, noi siamo quelli che lo gestiranno per riconsegnarlo alla comunità. Questo si fa con un bene tolto alla mafia, si restituisce più bello. Perché è la mafia che toglie proprietà comuni. Noi invece puntiamo a creare una comunità che gestirà questo terreno. Anche per questo organizzeremo biciclettate, iniziative con Agesci, Arci e Libera e con tutti i cittadini di Valenzano che vorranno stare con noi».

L’ESPERIENZA CON SEMI DI VITA Angelo Santoro non è nuovo a queste iniziative, per creare reti di comunità solidali. Con la cooperativa Semi di vita ha accolto e fatto lavorare ragazzi in disagio sociale, porta avanti progetti nelle scuole, come l’orto sociale al Lenoci, la fungaia al Gorjux o la cardoncelleria nel carcere minorile.
«Il progetto di Valenzano si chiama “La fattoria dei primi, il traguardo di un nuovo inizio”. Lo presenteremo ufficialmente il 29 marzo presso la nostra sede a Japigia e tutti sono invitati. Sarà un percorso lungo, che spero darà presto frutti: per fare tutto quello che il progetto prevede assumeremo 10 persone, per lavorare 26 ettari ci vorranno braccia capaci da riportare all’agricoltura. Ci sarà da zappare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400