Giovedì 27 Giugno 2019 | 00:58

NEWS DALLA SEZIONE

Nei pressi del San Nicola
Bari, 59enne travolta mentre va al concerto: perde una gamba, è in coma

Bari, una 59enne travolta mentre va al concerto: perde una gamba, è grave

 
A Japigia
Bari, morti da roghi ex discarica: famiglie si oppongono ad archiviazione

Bari, morti da roghi ex discarica: famiglie si oppongono ad archiviazione

 
Lo scontro finale
Università, elezioni rettore: sfida a due tra Bronzini e Bellotti

Bari, elezioni nuovo Rettore: sfida a due tra Bronzini e Bellotti

 
Vandalismo
Torre a Mare, vandali in azione al chioschetto della p.zza del Porto

Torre a Mare, vandali in azione al chiosco della piazza del Porto

 
Il caso
Ruvo, gli chiedono indicazioni stradali poi lo picchiano e gli rubano l'auto: un arresto

Ruvo, gli chiedono indicazioni stradali poi lo picchiano e gli rubano l'auto: un arresto

 
Estate
Ondata di caldo a Bari, venerdì giornata da bollino rosso

Ondata di caldo a Bari, venerdì giornata da bollino rosso

 
La manifestazione sabato
Bari Pride 2019: ponte Adriatico e fontana di p.zza Moro diventano arcobaleno

Bari Pride 2019: ponte Adriatico e fontana piazza Moro diventano arcobaleno

 
In via Campione
Bari, rapina in banca: minaccia cassiere con taglierino poi scappa con l'incasso

Bari, rapina in banca armato di taglierino: scappa con l'incasso

 
Comune di Bari
Ba29, poche candidature? «L’Isee è troppo basso»

Ba29, poche candidature? «L’Isee è troppo basso»

 
A sorpresa
Casellati al Petruzzelli: in platea per il figlio direttore della Tosca

Casellati a sorpresa al Petruzzelli per il figlio direttore della Tosca

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariNei pressi del San Nicola
Bari, 59enne travolta mentre va al concerto: perde una gamba, è in coma

Bari, una 59enne travolta mentre va al concerto: perde una gamba, è grave

 
LecceIl caso
Lecce, ergastolano tenta di uccidere compagno di cella: è in coma

Lecce, ergastolano tenta di uccidere compagno di cella: è in coma

 
FoggiaLa tragedia
Foggia, muore infilzato nel cancello della Sapienza: in centinaia ai funerali

Foggia, muore infilzato nel cancello della Sapienza: in centinaia ai funerali

 
Potenza Graduation day Unibas
Potenza, la Giornata del laureato in stile college: 130 nuovi "dottori"

Potenza, la Giornata del laureato in stile college: 130 nuovi "dottori"

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, la minaccia di Mittal: «Senza immunità, a settembre si chiude»E intanto parte il Cig per 1400 operai

Taranto, la minaccia di Mittal: «Senza immunità, il 6 settembre si chiude». Di Maio: no a ricatti. Salvini: no chiusura

 
GdM.TVIl rogo
Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva:  interviene il Canadair

Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva: distrutti tre ettari

 
MateraGiustizia
Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

 
BatIl caso
Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

 

i più letti

Musica

Tra web e radio dilaga il rap in salsa barese

«È difficile trovare case discografiche interessate»

Tra web e radio dilaga il rap in salsa barese

«A Bari c’è tanta roba adesso: rap, hip hop, trap. Sono aumentati gli artisti che non scrivono testi di impegno civile. Rispecchiano, diciamo così, la generazione dei più giovani, che, giustamente, fa cose diverse da quelle che abbiamo fatto noi. Ma va bene così. Nel rap, e in tutti i suoi sottogeneri, non c’è nessuno che può darti la patente di rapper o di hip hop».
Gaetano Occhiofino, in arte Torto, che ha militato nei Pooglia Tribe e nei Zona 45, confluiti poi nel collettivo Bari Jungle Brothers, racconta così l’attuale scena della musica rap a Bari e provincia, anche alla luce dei risultati dell’ultimo festival di Sanremo.


«Al festival non abbiamo visto rap di qualità ma di sicuro c’è stata una bella infornata di artisti giovani. E ci voleva. Soprattutto il rap è diventato mainstream, più accettato, convenzionale. Questo significa che, per certi versi, ha perso la sua rabbia, ha diluito le sue denunce, anche se è sempre esistito un rap più commerciale».
E a Bari? Cosa ne è del rap alla barese, dopo gli esperimenti degli inizi 2000, con Pooglia Tribe in duetto con gli Articolo 31, e delle canzoni dalla periferia di Max il Nano? «In città c’è un grande fermento, come c’è sempre stato. Si creano collettivi, si fanno contaminazioni. Forse si è perso un po’ di impegno civile ma anche questa perdita è espressione del mondo giovanile. Le radio locali continuano a sostenere questa musica, ci sono locali dove è ancora possibile esibirsi».
Ecco dunque Walk, al secolo Giovanni Mari, barista di giorno e rapper di notte, 13mila visualizzazioni su Youtube per il brano BMP: «Le mie canzoni sono esperienze personali, sono i miei svarioni mentali che nascono quando sono solo con me stesso, mi metto le cuffiette e parto. Dieci anni fa, è vero, il rap era più aggressivo, ora è più commerciale, vince a Sanremo e ad X-Factor. Ma anche i pezzi vanno a periodi: ci sono periodi più riflessivi, periodi più di denuncia».


Walk, poco più che ventenne, ha aperto quest’estate il concerto a Bisceglie di Sfera Ebbasta, una delle icone della musica trap italiana. «Sono divisioni molto particolari, sottogeneri diversi. Io ho cominciato a fare beatbox, cioè ricreando con la bocca i suoni della batteria, e poi sono passato a scrivere testi ma, per esempio, non faccio freestyle, cioè improvvisazione. Dieci anni fa, ci si ritrovava nel quartiere, uno faceva le basi, l’altro improvvisava. Adesso molto è cambiato, sia nella forma che nei contenuti. Si parla più di se stessi, delle proprie esperienze. Purtroppo non è molto facile trovare la casa discografica giusta, che sostiene il tuo lavoro. Bisogna andare fuori, a Roma, a Milano, a Torino. A Bari e dintorni c’è qualche locale che organizza le serate giuste e dà la possibilità di esibirsi ma è troppo poco».


Fra nuova e vecchia scuola, un ruolo fondamentale lo rivestono le radio che trasmettono produzioni locali. «Crediamo molto nei rapper locali e, nei tempi e nelle fasce orarie più adeguate, diamo loro molto spazio», spiega Renzo Belviso, editore di Radio PoPizz. «Anche nella nostra radio che, ricordo, è l’unica a parlare dialetto barese ai baresi, il rap è molto seguito e apprezzato. Penso, per esempio, a ‘J’apr l’ekk’ de il Nano o ‘Rime patate e cozze’ dei Bari Jungle Brothers. Dentro c’è un po’ di tutto: la denuncia sociale, il disagio giovanile, i problemi del quartiere o le difficoltà nelle relazioni fra le persone. È un linguaggio dei giovani e per i giovani, in cui la tecnica ha un enorme importanza. Ed è giusto che esprimano tutto ciò in musica. Diversa, invece, è la trap, che usa l’auto-tune per correggere i difetti della voce e dell’intonazione e che, per di più, lancia messaggi non condivisibili, come la violenza sulle donne e l’uso delle droghe».
Ma dopo la vittoria a Sanremo, anche a Bari ascolteremo più rap? «Non ne sono sicuro. I più adulti fanno comunque fatica a seguire il rap, senza melodia, senza musicalità e senza rime baciate».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie