Giovedì 21 Febbraio 2019 | 03:38

NEWS DALLA SEZIONE

Durante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
A spasso con Romito
La mattinata di Salvini a Bari: passeggiata, chiacchiere e selfie con una scolaresca

La mattinata di Salvini a Bari: passeggiata, chiacchiere e selfie con una scolaresca

 
Musica
Tra web e radio dilaga il rap in salsa barese

Tra web e radio dilaga il rap in salsa barese

 
Nel Barese
Rutigliano, l'agguato a fuoco per vendicare debito di droga fallì, identificati 5 responsabili

Rutigliano, l'agguato a fuoco per vendicare debito di droga fallì, identificati 5 responsabili

 
L'iniziativa
Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

 
Rapina aggravata
Bari, 16enni rapinarono market, incastrati dalle telecamere

Bari, 16enni rapinarono market, incastrati dalle telecamere

 
L'allarme
Siringhe in centro e al parco: è emergenza eroina a Bari

Siringhe in centro e al parco: è emergenza eroina a Bari

 
In programma giovedì 21
Nuova sede consiglio regionale Puglia, corsa contro il tempo per la prima riunione

Nuova sede consiglio regionale Puglia, corsa contro il tempo per la prima riunione

 
La lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
La rabbia del sindaco
Giovinazzo, imbrattano con spray il palazzo vescovile: «Gesto da mocciosi»

Giovinazzo, imbrattano con spray il palazzo vescovile: «Gesto da mocciosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

Ennesimo consiglio flop

Bari, al Comune si parla di emergenza lavoro: ma l'aula è deserta

Solo in 13 presenti: oltre ai consiglieri del centrodestra e i due pentastellati solo quattro della maggioranza, assenti gli altri 22

Bari, al Comune di parla di emergenza lavoro: ma l'aula è deserta

Il tema doveva essere l'emergenza lavoro e l'obiettivo varare due proposte di incentivo alle assunzioni alle imprese che assumono giovani disoccupati. Ma alla chiamata  del centrodestra - in 7 i consiglieri che hanno presentato una seduta monotematica - la maggioranza ha risposto con numeri da elemosina (quattro: Maiorano, Bronzini, Contursi, D'Amore) giusto per garantire il numero legale ed evitare di offrire su un piatto d'argento all'opposizione un motivo di critica su un argomento così spinoso. E così dai 13 consiglieri iniziale presenti il numero si è assottigliato a nove consentendo così di non votare neanche una delibera che avrebbe avuto un significato e nessun effetto pratico.

L'aula deserta (a 50 giorni dall'ultima seduta) parla da sè. I lavori - iniziati alle 17 - sono stati aperti dal consiglieri di Forza Italia, Giuseppe Carrieri, che ha ricordato qualche numero sul dramma lavoro a Bari: oltre il 20,3% il tasso di disoccupati, il 55% quello dei giovani under 29 (uno su due) e un trend negativo infinito negli ultimi 10 anni (nel 2007 il tasso di disoccupazione era al 10%). Carrieri ha proposto, a nome del gruppo dei consiglieri di centrodestra, due atti: il primo, esenzioni totali dal pagamento della Tari e riduzioni dell'Imu per 3 anni per le imprese che assumono giovani e donne disoccupate baresi; il secondo, la previsione nei bandi comunali per lavori pubblici superiori a 250 mila euro, di premialitá di punteggio e incentivi tributari per chi si impegna ad assumere disoccupati baresi per la realizzazione delle opere appaltate. Sul punto ha evidenziato anche come troppo spesso, e frequentemente, gli appalti vengono vinte da imprese napoletane.

Per Sabino Mangano, del Movimento 5 stelle «ben vengano le proposte» ma propone un ragionamento al contrario, partendo dagli strumenti messi a disposizione dal Governo con il reddito di cittadinanza e sulla «straordinaria opportunità a  partire dal 6 marzo (data di iscrizione on line al reddito di cittadinanza, ndr)». Pasquale Di Rella, portavoce di una sua lista civica in coalizione con il centrodestra, punta l'indice contro il tentativo dell'amministrazione di neutralizzare gli effetti della delibera con una serie di pareri tecnici contrari (tranne quella del direttore della Ripartizione attività economiche) «che in una delibera di indirizzo non sono richiesti, quindi «il parere - ha aggiunto Di Rella - non deve essere sventolato come forma di contrapposizione politica». Michele Picaro (Lega) si sofferma sulla risposta dell'aula ai problemi della città. «Da gennaio a oggi, su 6 consigli comunali 5 sono andati deserti. Da gennaio 2018, le sedute sono state 78, di cui solo 41 sono risultate valide mentre le altre (37) sono andate deserte». Michele Caradonna (Fratelli d'Italia) si è soffermato su «commercio e sui negozi che chiudono».

Marco Bronzini (Pd) spegne la polemica sull'assenza del sindaco ricordando come alla prima convocazione (ieri) Decaro fosse presente - anche se comunque non c'era il numero legale - concentrandosi sui numeri della minoranza (presente a metà) e considerando la proposta di «premialità proposta da Carrieri per quelle imprese che assumono residenti da cinque anni come una pericolosa deriva». Sulla riduzione della fiscalità invece, lo ritiene poco significativo tenuto conto degli sgravi già offerti dalle norme vigenti.

Dopo due ore di dibattito, al momento di votare in aula sono rimasti in nove: 4 hanno votato a favore (Carrieri, Di Rella, Caradonna e Picaro), tre contro (Bronzini, Contursi e Losito) e due astenuti (D'Amore e Colella).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400