Lunedì 27 Maggio 2019 | 03:26

NEWS DALLA SEZIONE

A Monopoli e Corato
Telefonini in cabina: due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

Telefonini in cabina, due denunce: «Mi dici come devo votare?»

 
Curiosità
Bari, «le donne ora non possono entrare»: code e proteste in un seggio

Bari, «Le donne per ora devono aspettare»: proteste al seggio

 
Ricerca
Fisica, i ricercatori dell’Università di Bari tornano al Polo Nord

Fisica, i ricercatori dell’Università di Bari tornano al Polo Nord

 
L'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
Verso il voto
Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

 
Verso il voto
Comunali Bari, Melini: «Più bel regalo? Donarmi alla città»

Comunali Bari, Melini: «Più bel regalo? Donarmi alla città»

 
Verso il voto
Comunali, Pani (M5s): «Voglio amministrare Bari ripartendo dai cittadini»

Comunali, Pani (M5s): «Voglio amministrare Bari ripartendo dai cittadini»

 
A San Girolamo
Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

Bari, l'arrivo della Vlora raccontato con una scultura in alfabeto morse

 
Dopo il comizio
Bari, il pm: «Striscioni contro Salvini? No offese, ma critica politica»

Bari, «Striscioni contro Salvini? Non sono offese»: così il pm boccia il sequestro

 
Nel quartiere Libertà
Bari, a 15 e 16 anni assaltano un market con coltello: arrestati

Bari, a 15 e 16 anni assaltano un market con coltello: arrestati

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Monopoli e Corato
Telefonini in cabina: due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

Telefonini in cabina, due denunce: «Mi dici come devo votare?»

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

Nessun feritoq

Bari, nel Palagiustizia cade finestrone, sfiorato il dramma

Vetro rigato, ma un giovane avvocato ha fatto in modo che non succedesse una tragedia

Bari, nel Palagiustizia cade finestrone, sfiorato il dramma

Un avvocato pensa di aprire un finestrone per far arieggiare l’ambiente. Del resto, il clima frizzante e la bella giornata di sole lo consentivano. Un refolo di vento ogni tanto è necessario, specie in aule di giustizia affollate e, come al solito, sempre solo con posti in piedi. Non sarebbe una notizia se improvvisamente l’anta non si fosse staccata all’improvviso. E, se il giovane legale non avesse avuto i riflessi pronti, si sarebbe potuto certamente fare molto male. Vetro rigato, grazie al cielo non andato in frantumi, un sospiro di sollievo e poi qualche battuta quando chi era lì si è reso conto del pericolo scampato.
È accaduto ieri mattina intorno a mezzogiorno sulle scale che portano dal quinto al sesto piano del vecchio Palazzo di Giustizia di piazza De Nicola.


L’anta si è staccata all’interno ed è rimasta praticamente tra le braccia del professionista «reo», si fa per dire, di aver aperto un finestrone che gli è rimasto in mano. Il vetro è rimasto integro. Né lui, né le altre persone che si trovavano in quel momento nelle immediate vicinanze, si sono fatte male. Il finestrone è stato adagiato orizzontalmente. Un incidente, per carità, che può accadere anche altrove. Ma tutto questo, ricordiamo, è avvenuto in un edificio pubblico per definizione qual è un Palagiustizia e che porta con sé i segni del tempo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400