Domenica 21 Aprile 2019 | 12:31

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervento
Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

 
Verso il voto
Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

 
L'intervista
Caringella: «Sulle inchieste giudiziarie si è passati dall'indignazione all'indifferenza

Caringella: «Sulle inchieste giudiziarie si è passati dall'indignazione all'indifferenza

 
In città
Bari: grosso nido d'api in via Salvemini, zona messa in sicurezza

Bari: grosso nido d'api in via Salvemini, zona messa in sicurezza

 
Il caso
Bari, chiude la gioielleria Trizio Caiati in via Sparano: addio a un altro negozio storico

Bari, chiude la gioielleria Trizio Caiati in via Sparano: addio a un altro negozio storico

 
Lo scontro
Incidente stradale sulla Terlizzi - Molfetta: muore una ragazza

Incidente sulla Terlizzi-Molfetta, auto si ribalta: muore una ragazza

 
In Tv
Palazzo Poli di Molfetta in un documentario di Michele Cristallo

Palazzo Poli di Molfetta in un documentario di Michele Cristallo

 
La storia a lieto fine
Dall'Argentina al trullo di Locorotondo: anziano migrante ritrova le sue radici

Dall'Argentina al trullo di Locorotondo: anziano migrante ritrova le sue radici

 
Sgominata banda
Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

 
Fishing for Litter
Molfetta, pescatori in prima linea contro un mare di plastica

Molfetta, pescatori in prima linea contro un mare di plastica

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'intervento
Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

 
HomeIl messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
LecceInchiesta Favori & giustizia
Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Il dibattito

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Giù mezzo edificio tra via Cairoli e via Calefati

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

(foto Luca Turi)

Una città ha mille sguardi ed altrettante anime. Per un turista non è mai semplice coglierne l'essenza, specie se il tempo è poco. È bello invece poter passeggiare senza meta, con il naso per aria per poter cogliere la bellezza di un cornicione, di un dettaglio nascosto. Più una città ha una lunga storia alle spalle, più queste esplorazioni sono vere e proprie cacce al tesoro, magari allontanandosi dai posti turistici classici che per Bari possono essere la Basilica, la cattedrale, i vicoli della città vecchia. Perché la grandezza della nostra città è anche nel suo centro murattiano con le sue case rosso pompeiano, il «Margherita», il «Petruzzelli» e tante altre costruzioni che magari non sono neanche segnate su una guida turistica, ma pure appaiono al viaggiatore più sensibile in tutto il loro fascino.


L'identità di una città è tutto questo. Ecco perchè un palazzo antico che viene demolito, per costruirne uno moderno, è sempre una ferita che si apre in un tessuto delicato, dove il tutto è sostanza. Un graffio in pieno volto che resterà per sempre.
«Purtroppo il Murattiano è un quartiere che da tempo sta subendo di questi scempi – dice Franco Neglia presidente dell'Associazione “Murattiano” -, Bari è una città che non sa conservare la sua storia. Per esclusiva speculazione edilizia è sempre pronta ad abbattere e ricostruire, senza rendersi conto che così perde l'anima».
«Ma abbiamo dimenticato come fu abbattuto il vecchio palazzo della “Gazzetta” in piazza Moro? Incuranti di tutto avvenne in una sola notte, nell'agosto del 1982. Purtroppo non si è imparato niente e si continua a non tener conto della nostra storia. L'ultimo (solo in ordine di tempo) – continua Neglia - è la demolizione che sta interessando un vecchio palazzo tra via Cairoli e via Calefati, non bello come la “Gazzetta” ma comunque una struttura antica realizzata tra la fine dell'800 e i primi del '900, un immobile angolare, dalle classiche murature rosse come è in gran parte il centro murattiano. Nelle scorse settimane è stato cantierizzato ed hanno iniziato a buttar giù il secondo piano. L'autorizzazione alla demolizione si può leggere nel prospetto con tutte le autorizzazione dell'impresa edile, rilasciata dal Comune il 31 maggio 2016, con tanto di disegno del progetto che verrà realizzato, un nuovo palazzo moderno a 4 piani. Solo che, dopo che i lavori di demolizione erano già avviati, è intervenuta la Sovrintendenza e tutto è stato fermato».


È inevitabile pensare che ora si aprirà un contenzioso a colpi di carte bollate per dimostrare la legittimità del progetto da una parte e dall'altra parte per dimostrare come i lavori non dovevano essere portati avanti.
«Una demolizione del genere fa perdere pezzi ad un intero quartiere – sottolinea Neglia –. Si abbatte un palazzo antico per cotruirne uno nuovo, inserire una maglia che stona in un tessuto che invece andrebbe preservato. Se c'è tutta questa frenesia di crescere anche a scapito della storia facciamo prima: bombardiamo tutto e ricostruiamo. Credo che da tempo ci sia una incapacità da parte della classe dirigente di questa città a saper conservare. Gli scempi edili non sono solo quelli di Punta Perotti (che pure avevano tutte le autorizzazioni in regola), ma anche questi più piccoli episodi. In città non c'è un regolamento per il rispetto dei colori, non c'è un elenco aggiornato per tutti gli edifici da tutelare. Oggi è intervenuta la Sovrintendenza e sappiamo come finirà: il cantiere fermo diventerà un monumento all'inefficienza chissà per quento tempo».
Con tutte le problematiche che un cantiere comporta in un centro urbano. «Quelle impalcature sono invasive – spiega Neglia -, limitano la visuale per chi attraversa la strada e per le auto in transito. Alcuni negozianti intorno già si stanno lamentando, come non dar loro ragione?».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400