Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 16:30

NEWS DALLA SEZIONE

Durante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
A spasso con Romito
La mattinata di Salvini a Bari: passeggiata, chiacchiere e selfie con una scolaresca

La mattinata di Salvini a Bari: passeggiata, chiacchiere e selfie con una scolaresca

 
Musica
Tra web e radio dilaga il rap in salsa barese

Tra web e radio dilaga il rap in salsa barese

 
Nel Barese
Rutigliano, l'agguato a fuoco per vendicare debito di droga fallì, identificati 5 responsabili

Rutigliano, l'agguato a fuoco per vendicare debito di droga fallì, identificati 5 responsabili

 
L'iniziativa
Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

 
Rapina aggravata
Bari, 16enni rapinarono market, incastrati dalle telecamere

Bari, 16enni rapinarono market, incastrati dalle telecamere

 
L'allarme
Siringhe in centro e al parco: è emergenza eroina a Bari

Siringhe in centro e al parco: è emergenza eroina a Bari

 
In programma giovedì 21
Nuova sede consiglio regionale Puglia, corsa contro il tempo per la prima riunione

Nuova sede consiglio regionale Puglia, corsa contro il tempo per la prima riunione

 
La lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
La rabbia del sindaco
Giovinazzo, imbrattano con spray il palazzo vescovile: «Gesto da mocciosi»

Giovinazzo, imbrattano con spray il palazzo vescovile: «Gesto da mocciosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
AnalisiL'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
LecceNel mirino della criminalità
Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

La storia

Corato, in un giorno nascono 4 bambini di etnie diverse: una fotografia del mondo

«Quattro storie differenti, quattro vagiti che invece hanno tutti lo stesso suono, il suono fragoroso della vita»

neonati

Corato: l’esatta rappresentazione del macrocosmo/microcosmo come nel sistema valentiniano. In questa piccola città murgiana è contenuto in scala ciò che (da tempo) succede in tutto il mondo: nell’ospedale Umberto I, in una manciata di ore, sono venuti alla luce quattro neonati ognuno di etnia diversa. Un nigeriano, un cinese, un marocchino, un italiano. Quattro pelli diverse, quattro storie differenti, quattro vagiti che invece hanno tutti lo stesso suono, il suono fragoroso della vita. Perché questo è il Paese nel quale viviamo, un luogo di convivenze malgrado i decreti. Un crocevia di popoli in movimento a dispetto delle barriere e delle fobie. «La vita ha tutti i colori del mondo che è di tutti, nessuno escluso», ha commentato Felice Spaccavento, tra i medici presenti alla nascita di uno dei quattro piccoli. «Ogni differenza è parte del mondo, è la speranza, è il futuro».


Ma vaglielo a spiegare ai nostalgici del Ku Klux Klan, ai teorici delle razze ariane, a chi ancora pretende di srotolare il filo spinato intorno all’inarrestabile potenza dei popoli in movimento.
Anzi, i fattori sono due e molti fanno finta di non capirli: la migrazione dei popoli e la contrazione delle nascite. Negli Stati Uniti di Donald Trump i neonati di origine bianca non-ispanica sono in numero inferiore a quelli delle cosiddette minoranze etniche. La stima è che tra poco più di vent'anni la minoranza in America saranno i cosiddetti wasp, le vespe, cioè i white anglo-saxon protestant i bianco anglo-sassone protestanti, cioè i cittadini statunitensi discendenti dei colonizzatori originari inglesi.
In fondo già oggi a Londra i bianchi autoctoni sono meno degli immigrati. Londra, sì, il cui sindaco laburista Sadiq Khan ha origini pakistane. Metaforico e immaginifico lo spot voluto dallo stesso Khan dopo la protesta di piazza che ha invaso Londra per chiedere un nuovo referendum su Brexit. Khan, com’è noto, si è sempre schierato contro la decisione di far uscire la Gran Bretagna dall’Unione europea. Ed ecco il suo messaggio virale «London is open», Londra è aperta, un video voluto per celebrare la diversità culturale (e non solo di Londra), una serie di porte che si aprono, una dopo l’altra, l’invito ad entrare, il gesto dell’accoglienza, lo stare insieme ciascuno a suo modo. Perché aprendo le porte si aprono le menti.


Ecco cosa si è consumato a Corato, per una straordinaria congiuntura del destino, con quei quattro maschietti venuti a popolare il mondo, quel reparto di Ostetricia divenuto all’improvviso la porta spalancata sul futuro. Un futuro inevitabile, bisognerebbe comprenderlo e riorganizzare in questa luce società, convivenza e cultura.
Ma esiste un sentimento talvolta più forte del prorompere dell’esistenza: la paura. Che non è solo l’elemento psicoanalitico dell'altro da sé. Dal 2001 in poi, da quelle torri devastate dagli aerei dell’odio, la nostra paura ha preso la forma solida di un nemico fisico venuto dal polo opposto, da un’altra civiltà, da una fede cieca. Il terrorismo è diventato una minaccia concreta, è diventato sangue e lutti aiutando i più intolleranti a legittimare il proprio fastidio fisico contro pelli, vestiti, odori, usanze sconosciuti.


«Continua la commedia della tolleranza, la bugia dell’integrazione, la farsa del pluriculturalismo», tuonava Oriana Fallaci dando voce a un Occidente che non vuole fratelli bensì avversari. Come potrai mai conciliare l'ostilità e la convivenza? Sembra impossibile, soprattutto se un processo che andrebbe gestito con sensibilità e lungimiranza lo avveleni con la propaganda, ed è ben noto che alimentare la paura è uno straordinario mezzo di governo.
Ma quei quattro bimbi nella piccola, grande Corato sono l'unica fiduciosa risposta. La risposta dell'ineluttabilità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400