Venerdì 18 Gennaio 2019 | 10:55

NEWS DALLA SEZIONE

L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 
L'evento
Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

Bari, in arrivo in Fiera 860 delegati e 1.500 ospiti per il congresso nazionale Cgil

 
Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
In un panificio
Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

Bari, in fiamme la friggitrice: panico a Torre a Mare

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
Il commento
Modello Emiliano, esame pugliese

Modello Emiliano, esame pugliese

 
Fermato dalla polizia
Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

Bari, droga e armi in casa: arrestato 22enne al quartiere Libertà

 
Il dibattito
Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

Antico palazzo demolito a Bari, proteste: «Ennesimo scempio»

 
Ha 44 anni
Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

Bari, M5S sceglie la musicista Elisabetta Pani come candidato sindaco

 
Dopo l'arresto di settembre
Bari, chiuse indagini su Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

Bari, chiuse indagini su ex patron Giancaspro, spunta anche l'accusa di estorsione

 

La decisione

Debiti fiscali con il Comune, massimo 5 anni di rate

Il consiglio comunale taglia le possibili dilazioni da 120 a 60 mesi. Rata minima 125 euro

Debiti fiscali con il Comune, massimo 5 anni di rate

Maggioranza e opposizioni (per una volta) a braccetto, passa il regolamento per il fisco più snello: i debiti tributari relativi alle imposte cittadine potranno essere rateizzati in 60 mesi (rispetto agli attuali 120).
L’aula Dalfino dà il via libera anche alla possibilità di anticipare l’invio dei bollettini della tassa rifiuti, anche prima dell’approvazione del relativo bilancio di previsione. In tal modo, gli avvisi bonari relativi alla Tari verranno inviati (verosimilmente al più tardi entro maggio) in modo da poter provvedere al pagamento dell’imposta entro la fine dell’anno di competenza.


Le modifiche introdotte mirano da un lato ad accorciare i tempi a vantaggio di incassi più celeri e puntuali, dall’altro rispondono alla necessità di raggiungere l’obiettivo posto e richiesto dalla Corte dei Conti di migliorare l’attività di riscossione dei tributi locali. Non più dieci anni quindi, ma soltanto cinque per mettersi in regola su imposte e tasse locali. Palazzo di Città avrebbe gradito abbassare il limite della dilazione a 36 mesi ma alla fine ha prevalso la mediazione proposta dal consigliere Michele Picaro (Lega). Il piano rateale non potrà quindi superare i 5 anni e l’ammontare della rata non potrà essere inferiore a 100 euro. Nello specifico, fino a 1.500 euro sarà possibile ottenere fino a un massimo di 15 rate mensili. Se invece l’importo da saldare è compreso tra il 1.500 e 25mila euro, il massimo della dilazione concessa sarà di 36 rate mensili. Oltre quota 25mila euro si arriva ad un massimo di cinque anni ovvero 60 rate mensili, ma è necessaria l’acquisizione preventiva di idonea garanzia a tutela del credito dell’ente. Il contribuente perderà il diritto al beneficio della rateizzazione in caso di mancato pagamento della prima rata o di tre rate consecutive. Il regolamento non è però tassativo: qualora il cittadino dimostri di essere in grave difficoltà finanziaria ed economica, gli uffici potranno decidere di concedere una rateazione anche più lunga nel tempo.


«Grazie alla collaborazione dei consiglieri comunali, sia d’opposizione sia di maggioranza, abbiamo raggiunto un’intesa che migliora il regolamento per la riscossione, consentendo all’amministrazione di salvaguardare l’obiettivo di miglioramento delle entrate tributarie», afferma l’assessore al Bilancio Alessandro D’Adamo. «Abbiamo individuato una soluzione che contempera l’interesse pubblico con quello di cittadini o di attività commerciali ed economiche in difficoltà prosegue -. Tale soluzione tiene conto dell’entità del debito da estinguere e offre una serie di possibilità in più, per cittadini». E conclude: «Il termine massimo delle 60 rate è una soluzione che consente a tutti di pagare e, contestualmente, permette all’Amministrazione di tenere sotto controllo la riscossione dei tributi e, quindi, e mette gli amministratori nelle condizioni di affrontare la programmazione della spesa con maggiore disponibilità per i servizi da erogare ai cittadini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400