Giovedì 21 Marzo 2019 | 20:41

NEWS DALLA SEZIONE

Comune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
Il caso
Teatro Petruzzelli, Corte d'Appello rigetta ricorso di Regione e Comune di Bari

Teatro Petruzzelli, Corte d'Appello rigetta ricorso di Regione e Comune di Bari

 
Subentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 
È diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
Il confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 
L'aggressione
Monopoli, lancia scrivania contro i medici del pronto soccorso: arrestato 44enne

Monopoli, lancia scrivania contro i medici del pronto soccorso: arrestato 44enne

 
L'inchiesta
Mercato nero della legna: un business malavitoso

Mercato nero della legna: un business malavitoso

 
Cassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
A Bari
Tentò di investire condomino e lo perseguitò per anni: divieto di avvicinamento per stalker

Tentò di investire condomino e lo perseguitò per anni: divieto di avvicinamento per stalker

 
Gratuito patrocinio
Bari, ex vittima stalking indagata per aver falsificato dichiarazioni dei redditi

Bari, ex vittima stalking indagata per aver falsificato dichiarazioni dei redditi

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariComune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
LecceEmergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
FoggiaCieli aperti
Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

 

Sanità

Bari, i prof di Medicina contro il Policlinico: «Non ci pagano»

Il Policlinico avrebbe dimenticato di versare parte di stipendio previsto per i professori di Medicina, che sono anche dipendenti dell’Ateneo

Oggi lo sciopero dei medicia rischio 40mila interventi

BARI - Pronti a incrociare le braccia i docenti e i tecnici-amministrativi dell’università di Bari, «prestati» al Policlinico. Per anni, dal 2000 ad oggi, l’azienda ospedaliera avrebbe dimenticato di versare una parte dello stipendio dovuto ai professori di medicina, dipendenti dell’ateneo, che fanno però anche attività assistenziale, negli ambulatori e reparti.
Nei giorni scorsi, al termine di una lunga assemblea, i docenti di medicina hanno approvato all’unanimità una mozione con la quale si richiede «improrogabilmente» il pagamento degli arretrati, annunciando azioni di protesta e di sciopero, in corsia e aule. Il documento porta in calce la firma delle sigle sindacali Arub, Cnu, Mues, RiUniBa e UssMo.
«La situazione riguarda circa 280 docenti di medicina - spiega Francesco Resta, docente di geriatria e gerontologia, membro dell’Arub, l’associazione ricercatori dell’Università di Bari, afferente al coordinamento dell’associazione docenti universitari - e dipendenti dell’Università di Bari che prestano parte del loro servizio nell’azienda ospedaliero-universitaria».
Oltre all’attività di didattica e ricerca, oltre alle lezioni in aula, questi docenti universitari svolgono attività assistenziale in ospedale, avendo al proprio fianco gli studenti di medicina. Queste attività assistenziali, in virtù della convenzione fra Università e Policlinico, sono a carico del Policlinico che dovrebbe poi versare il dovuto all’Università che, a sua volta, prepara le buste paga dei docenti universitari. Solo che, a detta dei docenti, buona parte di questa attività assistenziale non è stata retribuita.
«Si tratta di circa 20mila euro a docente - stima Resta - la maggior parte del credito, circa 12mila euro a testa, è maturata negli ultimi 8 anni. Anche se le situazioni sono molto variegate, possiamo calcolare circa 300 euro in meno al mese per ognuno dei docenti universitari coinvolti».
La situazione è migliore per i docenti ospedalieri, cioè per i medici in servizio al Policlinico che fanno anche attività di didattica e ricerca che, almeno in parte, hanno già incassato le somme dovute. «Gli arretrati degli ultimi 8 anni sono stati già remunerati ai colleghi ospedalieri - spiega Resta -. Lo stesso dicasi per le indennità accessorie, come guardie, reperibilità, notturni e festivi che sono stati regolarmente versati, dal 2005 ad oggi, ai colleghi ospedalieri ma non agli universitari».
Se non otterranno dal Policlinico quanto dovuto, i docenti di medicina si dicono pronti da subito a rinunciare ai carichi didattici non dovuti ed eccedenti il minimo e a ridurre l’attività in reparto e negli ambulatori secondo quanto previsto per legge.
Il termine ultimo fissato per rimettere in pari gli stipendi arretrati è il 31 ottobre. Da novembre, poi, scatteranno le azioni di protesta, con uno sciopero dell’attività assistenziale. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400