Martedì 23 Ottobre 2018 | 15:34

NEWS DALLA SEZIONE

Delinquenza minorile
Bari, scippano la borsa ad una donna in pieno giorno: denunciati 3 minorenni

Bari, scippano la borsa ad una donna in pieno giorno: d...

 
Lo studio del Sole 24 ore
Crimini in calo fra Bari e provincia

Crimini in calo fra Bari e provincia

 
Denunciato un ristoratore
Polignano, nel menu tonno frescoA tavola prodotto scaduto e scongelato

Polignano, nel menu tonno fresco, a tavola prodotto sca...

 
L'ultimo saluto
Incidente a Libertà, muore 17enne: «Ciao Andrea, ci mancherà il tuo sorriso»

Incidente a Libertà, muore 17enne: «Ciao Andrea, ci man...

 
emergenza roghi
Terra dei fuochi, in prima linea i comitati e le associazioni

Terra dei fuochi anche a Bari: in prima linea i comitat...

 
Ad Altamura (Ba)
Cava abusiva sequestrata nel Parco dell'Alta Murgia

Cava abusiva sequestrata nel Parco dell'Alta Murgia

 
Ad acquaviva delle fonti (Ba)
Nascondeva eroina in un muretto a secco: ai domiciliari un 34enne

Nascondeva eroina in un muretto a secco: ai domiciliari...

 
L'evento annullato
Noci, «Bacco nelle Gnostre» non si farà e scoppia la polemica

Noci, «Bacco nelle Gnostre» non si fa, polemica

 
Lavoro
Formazione professionale, Puglia verso l'emergenza: scadono 280 contratti

Formazione professionale, Puglia verso l'emergenza: sca...

 
Protesta a Bari
Disabili, addio palestra: la squadra di basket in carrozzina in strada:«Comune Bari accontenta gli amici»

Disabili, squadra  di basket in carrozzina per strada. ...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Indagine dal Veneto

Pedofili si scambiavano foto su Skype: retata in tutta Italia anche a Bari

Una persona è stata arrestata: l'inchiesta partita da Roma nel 2013

polizia postale

Erano una trentina gli utenti che si scambiavano in rete materiale pedopornografico scoperti da un’indagine della Polizia Postale del Veneto, che ha portato a perquisizioni domiciliari e informatiche nei confronti di otto persone, ora indagate, residenti in varie città italiane. Tra queste un sessantenne di Nuoro, che è stato arrestato per detenzione di una ingente quantità di materiale pedopornografico. Il giro di immagini e file avveniva per lo più tramite la piattaforma Skype.

Si tratta di un’attività che la Polizia postale del Veneto ha avviato dopo le evidenze emerse da un processo scaturito da un’indagine condotta dal servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma ancora nel 2013. Attraverso una complessa attività di indagine, diretta dalla Procura della Repubblica di Venezia è stato possibile risalire alle reali identità delle persone che continuavano a scambiare file pedopornografici in rete. Sono così scattate, fra il 3 e il 4 ottobre, le perquisizioni nei confronti di otto soggetti residenti nelle province di Benevento, Pavia, Bari, Bergamo, Milano, Nuoro, Aosta, Livorno e Pesaro. Gli agenti hanno trovato elementi di riscontro in ordine alle responsabilità degli indagati, e uno di loro è stato raggiunto dalla misura cautelare. Sono stati inoltre sequestrati numerosi dispositivi informatici utilizzati per l’archiviazione e la diffusione dei file incriminati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400