Lunedì 17 Dicembre 2018 | 07:56

NEWS DALLA SEZIONE

A Polignano e Milano
Ambiente: Pescaria dice addio alla plastica

Ambiente: Pescaria dice addio alla plastica

 
5 sparatorie nell'estate 2015
Guerra tra criminali a Bitonto, 7 condanne con aggravante mafiosa

Guerra tra criminali a Bitonto, 7 condanne con aggravante mafiosa

 
La mostra
A Nudo, a Gioia del Colle la personale dell'architetto Egidio Patarino

A Nudo, a Gioia del Colle la personale dell'architetto Egidio Patarino

 
Strade pulite
Cani, a Bari una moto per aspirare i bisognini

Cani, a Bari una moto per aspirare i bisognini

 
L'evento
Edilizia giudiziaria e dl anticorruzione, a Bari summit nazionale dei penalisti

Edilizia giudiziaria e dl anticorruzione, a Bari summit nazionale dei penalisti

 
Fermato dalla Digos
Terrorismo: somalo fermato a Bari aveva foto del Vaticano nel telefono

Terrorismo: somalo fermato a Bari aveva foto del Vaticano nel telefono

 
Il caso
Polemica sul documentario antiaborto al liceo: la scuola avvia le verifiche

Monopoli, scoppia la polemica sul documentario antiaborto: verifiche nel liceo

 
La decisione del Riesame
Clan e scommesse online, Tommy Parisi scagionato dall'aggravante mafiosa

Clan e scommesse online, Tommy Parisi resta in cella ma non per mafia

 
Lotta allo spaccio
Castellana Grotte, spacciava hashish e metadone: arrestato giornalaio

Castellana Grotte, spacciava hashish e metadone: arrestato giornalaio

 
La rivolta
Bari, migranti danno fuoco ai moduli per il rimpatrio al centro di permanenza

Bari, migranti incendiano locali Centro di permanenza: 5 feriti

 
Il villaggio
San Nicola in Fiera a Bari: tra folla e polemiche

San Nicola in Fiera a Bari: tra folla e polemiche

 

Il vertice al Petruzzelli

Bari-Mosca, è idillio: pronto il gemellaggio

Delegazione russa stregata da San Nicola e dall'olio

Bari-Mosca, siglato accordo nei campi della farmaceutica e della medicina, ma si punta anche a rapporti per cultura, sport, turismo e arte

Nel foyer del Petruzzelli il tavolo del vertice bilaterale tra la Puglia e Mosca

Nel foyer del Petruzzelli il tavolo del vertice bilaterale tra la Puglia e Mosca

Bari-Mosca, l’amicizia si rafforza e punta in alto. Non solo, anzi sempre più, nel segno di San Nicola. Un legame economico ma soprattutto culturale e di popoli, frutto del lavoro diplomatico degli ultimi vent’anni, avviato dal sindaco Simeone Di Cagno Abbrescia e coltivato da Michele Emiliano e Antonio Decaro, passando per il vertice bilaterale italo-russo del 2007 nel capoluogo, la restituzione della Chiesa russa e il «prestito» di una reliquia del Santo al Patriarcato di Mosca.

Se poi a dare nuova linfa al rapporto tra Bari e la Russia ci si mette anche l’olio extravergine di Puglia, capace con la sua fragranza di ammaliare il ministro Cheryomin Sergey Evgen’jevich, la missione-friendship si può ritenere completata con successo. A quanto pare, il direttore del Dipartimento dei rapporti economici esterni e internazionali, a guida della delegazione di Mosca in visita a Bari, è stato conquistato dall’aroma dell’olio della nostra terra, tanto da ottenere di poter visitare un frantoio nella vicina Bitonto.

Aneddoti marginali ma non secondari, come l’ammirazione per Bari vecchia ed i suoi vicoli, la visita a sorpresa al teatro Margherita e la dovuta e voluta escursione nel territorio della Basilica di San Nicola. Il vertice bilaterale tra la delegazione pugliese guidata dal presidente della Regione Puglia e dal sindaco Decaro, e la delegazione del Governo di Mosca è anche questo, oltre l’attesa firma di intese per la promozione delle relazioni imprenditoriali ed economiche, istituzionali e culturali, concretizzatasi nello scenario fin de siecle del foyer del teatro Petruzzelli.

Intanto, nel 2019, Bari si è guadagnata l’invito nella capitale russa, al fine di dare ufficialmente un gemellaggio, che si preannuncia proficuo ed importante, a dimostrazione, per dirla col Governatore pugliese, che «a volte la diplomazia dei popoli riesce meglio ad intuire la strada giusta prima ancora della diplomazia degli Stati». Decaro, che già in mattinata ha fatto gli onori di casa nelle sale della Città Metropolitana, pone l’accento sul valore di «queste giornate di cultura e dialogo che rafforzano ancora di più il rapporto di collaborazione e di amicizia tra le due città, testimonianza evidente di quel legame intenso che ormai lega le nostre comunità», afferma.

«Abbiamo creato un ponte, un ponte ideale, ma solido e strutturato che collega due popoli e due territori - prosegue il primo cittadino -. Un ponte sul quale camminano le migliaia di pellegrini che ogni anno dalla Russia arrivano a Bari per pregare e venerare San Nicola, e dove possono camminare anche tante idee, tanti progetti culturali e turistici e, soprattutto, tante opportunità economiche e commerciali per le imprese e gli operatori dei nostri territori».

Non va dimenticato che da non molto Bari e Mosca sono anche collegate con un volo diretto.

Il primo passo sono gli accordi sulla cooperazione negli ambiti della farmaceutica e della medicina tra responsabili del dipartimento della sanità del Comune di Mosca e le imprese pugliesi tra le più rilevanti del settore, con l’auspicio di estendere la partnership a cultura, arte e sport, come ha proposto il ministro russo, suggerendo la creazione di un festival comune con giovani talenti, pugliesi e moscoviti. «Mattone dopo mattone costruiremo le fondamenta della collaborazione con la Puglia», ha concluso il ministro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400