Venerdì 14 Dicembre 2018 | 14:10

NEWS DALLA SEZIONE

Da un'auto parcheggiata
Rubarono a Bari chiavi di una casa a Molfetta e la svaligiarono: arrestati

Rubarono a Bari chiavi di una casa a Molfetta e la svaligiarono: arrestati

 
L'iniziativa
Rutigliano: nel parco urbano giostrine per i bimbi disabili

Rutigliano: nel parco urbano giostrine per i bimbi disabili

 
Trasporti in Puglia
Ferrotramviaria, da gennaio riapre la Ruvo-Corato, per Andria servono 2 anni

Ferrotramviaria, da gennaio riapre la Ruvo-Corato

 
Università
Intelligenza artificiale e Big Data al Politecnico di Bari: progetto pilota con Microsoft

Intelligenza artificiale e Big Data al Politecnico di Bari: progetto pilota con Microsoft

 
Occupazione
Bari, protesta dei lavoratori Cara: rischio tagli del 50% sulle pulizie

Bari, protesta dei lavoratori Cara: rischio tagli del 50% sulle pulizie

 
Il caso
Bari, bimbo morto per polmonite in ospedale: oggi l'autopsia

Bari, bimbo morto in ospedale: l'autopsia conferma il decesso per polmonite

 
Dalla digos
Terrorismo: fermato somalo a Bari per pericolo di fuga

Terrorismo: fermato somalo a Bari per pericolo di fuga

 
IL caso luminarie
Meraviglioso Natale: tra le 'casette' carenze igieniche e irregolarità, multe dei Nas

Polignano, blitz dei Cc: multe e irregolarità igieniche al Villaggio di Natale

 
La storia
Niente più carri a Carnevale: oggi Gino restaura presepi

Niente più carri a Carnevale: oggi Gino restaura presepi

 
Musica e letture
Il volo di Smikrà: a Bari omaggio alla compagna di D'Annunzio

Il volo di Smikrà: a Bari omaggio alla compagna di D'Annunzio

 

Al rione Japigia

Bari, il clan minacciava commesso
per i debiti della cocaina: 3 arresti

Il giovane tossicodipendente costretto a cedere abiti firmati e a chiedere un prestito di 12mila euro

Bari, il clan minacciava commesso  per i debiti della cocaina: 3 arresti

Il comando provinciale dei carabinieri di Bari ha eseguito 3 ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal gip del Tribunale barese, su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di tre persone ritenute responsabili, a vario titolo, di estorsione continuata e cessione continuata di sostanze stupefacenti con l’aggravante del metodo mafioso: si tratta di L. M. 29enne, C. A. 37enne e C. G., 46enne, quest’ultimo affiliato allo storico clan “Parisi”.

I provvedimenti scaturiscono da un’indagine svolta nell’agosto del 2018 a seguito della presentazione di una denuncia da parte di un giovane che assumeva sostanze stupefacenti. L’attività investigativa ha fatto luce sul rapporto di compravendita di droga tra la vittima e gli indagati, e sulle modalità di cessione e pagamento, frequenza di approvvigionamento ed interessi applicati in caso di ritardo nella dazione del danaro. E’ stato così accertato che gli aguzzini avevano reiteratamente minacciato la vittima di procurargli lesioni fisiche, per fiaccarne la resistenza e indurlo a pagare i debiti maturati.

In particolare i Carabinieri sono riusciti a dimostrare che  la vittima  si riforniva di cocaina da due degli arrestati e che, lavorando come dipendente presso un negozio di abbigliamento del centro cittadino, spesso acquistava a suo nome,  a prezzi scontati rispetto al pubblico, prodotti firmati che poi cedeva in cambio della droga ai propri fornitori. Inoltre, per far fronte ai debiti per l’approvvigionamento della sostanza stupefacente, la vittima è dovuta ricorrere anche ad un finanziamento di 12mila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400