Venerdì 19 Ottobre 2018 | 18:20

NEWS DALLA SEZIONE

E' ai domiciliari
Bari, a spasso con 50 grammi di cocaina nei boxer: in manette

Bari, a spasso con 50 grammi di cocaina nei boxer: in m...

 
Commercio
Bari, dopo 66 anni chiudestorica salumeria De Carne«Il marchio lo porto con me»

Bari, dopo 66 anni chiude storica salumeria De Carne «I...

 
Il nodo intramoenia
Ospedali, il giallo visite a pagamentodei medici: le Asl non forniscono i dati

Ospedali, il giallo visite a pagamento dei medici: le A...

 
Svolta nelle indagini
Pizzaiolo di Gravina uccisoa Ravenna: fermato straniero

Pizzaiolo di Gravina ucciso a Ravenna: fermato stranier...

 
Operazione Ragnatela
Bari, blitz della Finanza contro usurai: 5 arresti, sequestrati beni

Bari, blitz della Gdf contro clan usurai Capodiferro: 5...

 
Aveva 31 anni
Bari, cadavere di georgianopescato nel molo S. Antonio

Bari, cadavere di georgiano
pescato nel molo S. Antonio

 
Il bando
Bari, sfrattati e sostegno agli affitti: il Comune stanzia 300mila euro

Bari, sfrattati e sostegno agli affitti: Comune stanzia...

 
Il riconoscimento
Il fotografo barese Luca Turi riceve la cittadinanza onoraria di Durazzo

Il fotografo barese Luca Turi riceve la cittadinanza on...

 
La proposta
Test d’ingresso a Medicina? Abolirli (per ora) è impossibile

Bari, test d’ingresso a Medicina? Abolirli (per ora) è ...

 
Il reportage
Bari, gli alloggi abusivi traslocano dal Libertà a San Pasquale

Bari, gli alloggi abusivi traslocano dal Libertà a San ...

 
In via Corridoni
Senzatetto abbandona valigia per fare doccia: falso allarme bomba a Bari vecchia

Senzatetto abbandona valigia per fare doccia: falso all...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Al rione Japigia

Bari, il clan minacciava commesso
per i debiti della cocaina: 3 arresti

Il giovane tossicodipendente costretto a cedere abiti firmati e a chiedere un prestito di 12mila euro

Bari, il clan minacciava commesso  per i debiti della cocaina: 3 arresti

Il comando provinciale dei carabinieri di Bari ha eseguito 3 ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal gip del Tribunale barese, su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di tre persone ritenute responsabili, a vario titolo, di estorsione continuata e cessione continuata di sostanze stupefacenti con l’aggravante del metodo mafioso: si tratta di L. M. 29enne, C. A. 37enne e C. G., 46enne, quest’ultimo affiliato allo storico clan “Parisi”.

I provvedimenti scaturiscono da un’indagine svolta nell’agosto del 2018 a seguito della presentazione di una denuncia da parte di un giovane che assumeva sostanze stupefacenti. L’attività investigativa ha fatto luce sul rapporto di compravendita di droga tra la vittima e gli indagati, e sulle modalità di cessione e pagamento, frequenza di approvvigionamento ed interessi applicati in caso di ritardo nella dazione del danaro. E’ stato così accertato che gli aguzzini avevano reiteratamente minacciato la vittima di procurargli lesioni fisiche, per fiaccarne la resistenza e indurlo a pagare i debiti maturati.

In particolare i Carabinieri sono riusciti a dimostrare che  la vittima  si riforniva di cocaina da due degli arrestati e che, lavorando come dipendente presso un negozio di abbigliamento del centro cittadino, spesso acquistava a suo nome,  a prezzi scontati rispetto al pubblico, prodotti firmati che poi cedeva in cambio della droga ai propri fornitori. Inoltre, per far fronte ai debiti per l’approvvigionamento della sostanza stupefacente, la vittima è dovuta ricorrere anche ad un finanziamento di 12mila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400