Lunedì 26 Ottobre 2020 | 17:50

NEWS DALLA SEZIONE

Emergenza contagi
Acquaviva, focolaio Covid al Rosa Luxemburg: sei studenti positivi

Acquaviva, focolaio Covid al Rosa Luxemburg: sei studenti positivi

 
Paura contagio
Bari, emergenza Covid: da domani classi sdoppiate tra aula e casa

Bari, emergenza Covid: da domani classi sdoppiate tra aula e casa

 
Coronavirus
Bari, contagi Covid in due scuole elementari: cancelli chiusi per una

Bari, contagi Covid in due scuole elementari: cancelli chiusi per una

 
intervento dei CC
Modugno, aggredisce operatori con coltello in Rsa: arrestato ospite 52enne

Modugno, aggredisce operatori con coltello in Rsa: arrestato ospite 52enne

 
l'emergenza
Bari, contagio Covid a scuola: chiusa la «Tommaso Fiore» a Poggiofranco per sanificazione

Bari, contagio Covid a scuola: chiusa la «Tommaso Fiore» a Poggiofranco per sanificazione

 
La decisione
Valenzano, un positivo Covid in chiesa: chiusa San Lorenzo

Valenzano, un positivo Covid in chiesa: chiusa San Lorenzo

 
coronavirus
Emergenza contagi: sue bambini di 3 anni positivi al Covid a Bitonto e Acquaviva

Emergenza contagi: due bambini di 3 anni positivi al Covid a Bitonto e Acquaviva

 
Il virus
Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

 
L'emergenza
Dopo Dpcm i ristoratori pugliesi sono in agitazione: al vaglio serie di proteste

Dopo Dpcm i ristoratori pugliesi sono in agitazione: al vaglio serie di proteste

 
L'emergenza
Dpcm, le parole di Decaro: «Necessario saldare un patto tra cittadini e Stato»

Dpcm, le parole di Decaro: «Ci vuole un patto tra cittadini e Stato. I sindaci fermeranno le violenze»

 
Il safe tracer
L'idea di un'azienda barese: basta un «bip» per garantire i distanziamenti

L'idea di un'azienda barese: basta un «bip» per garantire i distanziamenti

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari tocca a te: alle 21 contro il Catania vietato fallire

Bari tocca a te: alle 21 contro il Catania vietato fallire

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariEmergenza contagi
Acquaviva, focolaio Covid al Rosa Luxemburg: sei studenti positivi

Acquaviva, focolaio Covid al Rosa Luxemburg: sei studenti positivi

 
PotenzaControlli dei CC
Malfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

Melfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

 
Covid news h 24Coronavirus
Foggia, 4 poliziotti positivi al Covid: 6 agenti della Questura in isolamento

Foggia, 4 poliziotti positivi al Covid: 6 agenti della Questura in isolamento

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 
Tarantoil furto
Taranto, rubano Dpi per operatori Covid da auto Asl: «Atto deplorevole»

Taranto, rubano Dpi per operatori Covid da auto Asl: «Atto deplorevole»

 
Covid news h 24la provocazione
Taviano, #iorestoaperto: gestore cinema sfida norme Dpcm

Taranto, nuovo Dpcm: titolare palestra si incatena. E nel Leccese gestore cinema: #iorestoaperto

 
Materacontrolli della ps
Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

 
Brindisiopere pubbliche
Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

 

i più letti

Sanità

Vaccini, fioccano le ordinanze, ma per la Regione Puglia: «Sono inutili»

Già tre sindaci pugliesi impongono il «no» alle autocertificazioni. L’assessorato: vale il decreto Lorenzin, qui i certificati non servono

Vaccini, fioccano le ordinanze, ma per la Regione Puglia: «Sono inutili»

BARI - Ordinanze comunali per imporre a scuole dell’infanzia e asili nido di non accettare autocertificazioni relative all’obbligo vaccinale. Sono già tre i sindaci pugliesi (Maruggio, Lucera e da ultima anche Mola di Bari) che hanno scelto il provvedimento di urgenza per chiedere l’applicazione del decreto Lorenzin sul proprio territorio e dunque obbligare i genitori a depositare all’atto dell’iscrizione i certificati che attestano l’assolvimento dell’obbligo vaccinale. «Quelle ordinanze sono inutili - ripetono però dalla Regione - perché la legge non è cambiata, e in più in Puglia sono le Asl a trasmettere ai presidi le informazioni sull’obbligo, senza necessità di richiedere alcun certificato».

Le ordinanze dei primi cittadini, fatte senz’altro a fin di bene, rischiano dunque di produrre solo ulteriore confusione. Il sindaco di Maruggio, Alfredo Longo, è peraltro un medico e la sua decisione ha incassato il plauso dell’Ordine, che ne ha colto il senso ultimo: quello di insistere sull’importanza del vaccino come strumento di prevenzione, contro l’approccio grillino che aveva portato il ministro della Salute, Giulia Grillo, ad emanare la (ripudiata) circolare sull’autocertificazione.

Il valore delle ordinanze comunali, già ribattezzate «sì-vax», è soprattutto politico. Ribadiscono infatti che va applicato il decreto Lorenzin, senza alcuna eccezione e senza poter ricorrere all’ipotizzata autocertificazione (che peraltro non è ammessa dalla legge in materia di salute). In mano ai sindaci, del resto, c’è la gestione delle sanzioni, perché è nella fascia 0-6 (quella delle scuole dell’infanzia, quasi tutte gestite dai Comuni) che la legge prevede l’espulsione per chi non è in regola con i vaccini senza giustificato motivo. I sindaci, dunque, si preparano al possibile contraccolpo politico nei Consigli comunali dove sono presenti esponenti del Movimento 5 Stelle, che certamente non resteranno zitti di fronte a provvedimenti di allontanamento.

Cosa devono fare, dunque, i genitori? Nulla, a parte assicurarsi che i figli siano in regola con gli appuntamenti previsti dal calendario vaccinale. Già dallo scorso anno scolastico la Regione ha fatto in modo che il sistema informatico delle Asl sia in grado di segnalare ai presidi (che trasmettono l’elenco dei propri iscritti) le eventuali non conformità. Da maggio scorso, inoltre, i servizi vaccinali delle Asl lavorano senza prenotazione per evitare che qualche furbetto possa giocare con la promessa di vaccinarsi. La gran parte degli studenti nella fascia dell’obbligo - fanno peraltro notare dalla Regione - è ormai in regola dopo lo screening effettuato nel primo anno di applicazione del decreto Lorenzin, e dunque non deve far nulla: fa eccezione ovviamente chi si iscrive a settembre per la prima volta e verrà controllato dalle Asl.

È chiaro che alla riapertura del Parlamento l’approvazione del decreto Milleproroghe potrebbe portare novità sul fronte delle sanzioni, ma non sull’ottemperanza entro il termine delle iscrizioni a scuola (che sarà già trascorso). In questa ipotesi anche la Puglia (come hanno annunciato alcune altre Regioni del centrosinistra) valuterà l’impugnativa davanti alla Corte Costituzionale. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie