Mercoledì 24 Ottobre 2018 | 06:41

NEWS DALLA SEZIONE

Puglia
Regione, nuove accuse sugli appaltiLiviano: ai soliti. Capone: ora querelo. Pugliapromozione: smentito dai dati

Regione, nuove accuse sulle gare. Liviano: ai soliti. Capone: querelo. Pugliapromozione: ecco i dati

 
Al Libertà
Bari, picchia i vigili che multano donna per i rifiuti: «Chi siete voi?»

Bari, picchia i vigili che multano
donna per i rifiuti: «Chi siete voi?»

 
L'annuncio
Bari, per il ministero: «Giustizia più rapida con gestione digitale delle pratiche»

Palagiustizia, Ministero: «Processi più rapidi con le pratiche digitali»

 
Delinquenza minorile
Bari, scippano la borsa ad una donna in pieno giorno: denunciati 3 minorenni

Bari, scippano la borsa ad una donna in pieno giorno: denunciati 3 minorenni

 
Lo studio del Sole 24 ore
Crimini in calo fra Bari e provincia

Crimini in calo fra Bari e provincia

 
Denunciato un ristoratore
Polignano, nel menu tonno frescoA tavola prodotto scaduto e scongelato

Polignano, nel menu tonno fresco, a tavola prodotto scaduto e scongelato

 
L'ultimo saluto
Incidente a Libertà, muore 17enne: «Ciao Andrea, ci mancherà il tuo sorriso»

Incidente a Libertà, muore 17enne: «Ciao Andrea, ci mancherà il tuo sorriso»

 
emergenza roghi
Terra dei fuochi, in prima linea i comitati e le associazioni

Terra dei fuochi anche a Bari: in prima linea i comitati e le associazioni

 
Ad Altamura (Ba)
Cava abusiva sequestrata nel Parco dell'Alta Murgia

Cava abusiva sequestrata nel Parco dell'Alta Murgia

 
Ad acquaviva delle fonti (Ba)
Nascondeva eroina in un muretto a secco: ai domiciliari un 34enne

Nascondeva eroina in un muretto a secco: ai domiciliari un 34enne

 
L'evento annullato
Noci, «Bacco nelle Gnostre» non si farà e scoppia la polemica

Noci, «Bacco nelle Gnostre» non si fa, polemica

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Rifiuti

Emiliano: ecco il nuovo piano. Strategia incentrata sugli impianti pubblici

Per il direttore del Dipartimento ecologia della Regione Puglia, Barbara Valenzano, «la nuova strategia sulla gestione dei rifiuti non prevede la realizzazione di nuove discariche e di nuovi impianti di incenerimento»

Emiliano, ecco il nuovo piano. Strategia incentrata sugli impianti pubblici

BARI- «Il nuovo piano dei rifiuti centralizza tutta la strategia sugli impianti pubblici ed è per questo rivoluzionario rispetto al passato». Lo ha spiegato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, presentando oggi a Bari il documento di proposta del piano di gestione dei rifiuti urbani e le attività di consultazione, con tre tavoli di confronto (il 26 ed il 28 giugno), nella 'casa della partecipazionè presso la Fiera del Levante.

«Alcuni grandi imprenditori speravano non avessimo la forza di presentarlo, ma a noi il coraggio non manca e voglio chiarire che il piano non ha intenzione di distruggere le aziende private che si occupano dei rifiuti in Puglia. Vogliamo sia chiaro - ha aggiunto Emiliano - che la strategia la realizza la Regione con i Comuni e che i privati devono obbedire agli interessi generali della popolazione. I privati sono insomma benvenuti, ma l’epoca in cui erano loro a costruire la strategia è finita. In questa maniera sarà più equilibrato e con maggiore concorrenza anche tutto il mercato della filiera del riciclo industriale».

Secondo Emiliano «servono adesso imprese che utilizzino i materiali provenienti dalla raccolta differenziata per farne oggetto di produzione industriale. E’ un aspetto che fa parte della legge sull'economia circolare che stiamo studiando per prevenire la produzione dei rifiuti e per utilizzare in maniera economicamente apprezzabile tutto ciò che si differenzia». Emiliano nel «ringraziare i cittadini per l’impegno nella raccolta differenziata, testimoniato dal balzo in avanti del 12-13% negli ultimi due anni», ha poi sottolineato che «la bozza del piano dei rifiuti sarà sottoposta all’applicazione della legge sulla partecipazione».
All’incontro sono intervenuti il commissario Ager, Gianfranco Grandaliano, il direttore del Dipartimento ecologia, Barbara Valenzano, e la consigliera per l’attuazione del programma regionale, Titti De Simone. Il documento di proposta, il calendario dei tavoli e l’invito alle consultazioni sono disponibili sul sito partecipazione.regione.puglia.it/piano-regionale-rifiuti-urbani.

Per il direttore del Dipartimento ecologia della Regione Puglia, Barbara Valenzano, «la nuova strategia della Regione Puglia sulla gestione dei rifiuti non prevede la realizzazione di nuove discariche e di nuovi impianti di incenerimento». «Non prevediamo nuovi inceneritori, ma semplicemente il riefficientamento degli esistenti ai fini del trattamento del combustibile solido secondario, nella logica dell’end of waste, nel rispetto delle migliori e ultime tecniche disponibili che prevedendo il rispetto di limiti inferiori, di diversi ordini di grandezza rispetto a quelli disposti dal Codice dell’Ambiente, per garantire la massima tutela della salute e degli ecosistemi».

Tra le principali novità Valenzano ha poi sottolineato che "il nuovo piano riguarda la gestione di tutti i rifiuti, non solo gli urbani ma anche gli speciali, oltre a quelli derivanti dalle attività di bonifica e quelli derivanti dal trattamento dei fanghi». «Abbiamo ampliato quindi - ha sostenuto - il campo d’azione rispetto al precedente piano. Prevediamo l’introduzione di nuovi impianti e tecnologie per il recupero di plastica, vetro, carta e cartone, Raee (apparecchiature elettriche ed elettroniche), imballaggi che nella Regione Puglia non sono attualmente presenti, ed il recupero dell’organico, unitamente ai fanghi».

«Con la realizzazione del nuovo piano rifiuti e quindi con l'introduzione di centri di raccolta, impianti di recupero materia, di trattamento e recupero di plastica/vetro/cartone, Raee, organico e soprattutto con impianti di trattamento meccanico più spinto, riusciremo - ha concluso la Valenzano - già nel 2020 a raggiungere il 65-70% di raccolta differenziata. Per il 2025 l’obiettivo è di avere al massimo il 10 per cento dei rifiuti in discarica e trattamento residuale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400