Mercoledì 04 Agosto 2021 | 01:21

NEWS DALLA SEZIONE

editoria
Da domani la Gazzetta si ferma

Da domani la Gazzetta si ferma

 
il punto
Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

 
Il punto
La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

 
Esperti a confronto
Bari, in città il futuro si chiama «mare»

Bari, in città il futuro si chiama «mare»

 
la riflessione
A che serve davvero il lasciapassare sanitario

A che serve davvero il lasciapassare sanitario

 
la riflessione
Quei cari banditori, altro che fake news

Quei cari banditori, altro che fake news

 
il punto
Se il vaccino diventa una questione politica

Se il vaccino diventa una questione politica

 
L'analisi
Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

 
Il commento
Le notti magiche seduti sul divano di casa

Le notti magiche seduti sul divano di casa

 
La riflessione
Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

 
il punto
Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più visti della sezione

i più letti

la riflessione

Da oggi in Europa una nuova corrente: il mancinismo

Da oggi in Europa una nuova corrente: il mancinismo

Da oggi in Europa c’ è una nuova corrente calcistica alla quale inchinarsi. È il «mancinismo». Cos’è il «mancinismo»? È la sublimazione di un concetto semplice: crederci. Credere di poter raggiungere il massimo, credere di poter giocare alla pari contro tutti, credere di poter battere anche chi da tre anni è in vetta al ranking Fifa. La vittoria sul Belgio, dunque l’eliminazione di una delle favorite del campionato europeo, è la certificazione di quanto la Nazionale sia cresciuta sotto l’aspetto mentale. Perché da un punto di vista tattico, i nostri calciatori e i nostri tecnici, nulla hanno da imparare, bensì da insegnare. Il gap psicologico nei confronti delle «grandi» è stato colmato, e il merito non può non essere ascritto al tecnico. E ai suoi uomini.

Da oggi in Europa c’è una nuova aspirante al trono, l’Italia. Far fuori il Belgio è stato un vero e proprio capolavoro. Si è parlato di un girone di qualificazione semplice, di un ottavo di finale in discesa. Ma questo quarto di finale superato di slancio, certifica e rilancia le ambizioni degli Azzurri. L’obiettivo gridato da Mancini, cioè il raggiungimento delle semifinali, è in cassaforte. Ma siccome l’appetito viene mangiando, e questa Italia ha dimostrato di avere molta fame, nessun traguardo oggi può dirsi precluso. La Spagna non sembra un avversario insormontabile, di certo non è la Spagna di qualche anno fa. Nel processo di ricostruzione, l’Italia sembra un passo avanti, forse di più rispetto agli iberici. E’ una semifinale, insomma, molto più facile, sulla carta, rispetto al quarto di finale vinto contro i belgi. Certo, il calcio è indecifrabile. Ma una cosa è altrettanto certa: questa Italia non abbassa la testa davanti a nessuno. La strada per la finale di Wembley è tracciata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie