Lunedì 14 Giugno 2021 | 02:38

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Una riforma della giustizia per ridare fiducia ai cittadini

Una riforma della giustizia per ridare fiducia ai cittadini

 
L'analisi
Quei sindaci «bersagli mobili» da mettere in sicurezza

Quei sindaci «bersagli mobili» da mettere in sicurezza

 
L'analisi
Più chiarezza sui vaccini non si può morire a 18 anni

Più chiarezza sui vaccini non si può morire a 18 anni

 
La riflessione
I doveri nascosti dietro l’ambiente in Costituzione

I doveri nascosti dietro l’ambiente in Costituzione

 
La riflessione
Più del 40% dei fondi: ora il Sud alza la voce in Europa

Più del 40% dei fondi: ora il Sud alza la voce in Europa

 
L'analisi
La giustizia nel nome del popolo indignato

La giustizia nel nome del popolo indignato

 
Il punto
Mettiamoci d’accordo sul significato di ambiente

Mettiamoci d’accordo sul significato di ambiente

 
la riflessione
Una città svenduta agli appetiti di pochi

Una città svenduta agli appetiti di pochi

 
in basilicata
C'era una vola il Parco della Grancia

C'era una vola il Parco della Grancia

 
L'analisi
Matera ci riprova con i ministri del G20

Matera ci riprova con i ministri del G20

 
La riflessione
«Bella ciao» canto popolare non un inno obbligatorio

«Bella ciao» canto popolare non un inno obbligatorio

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, De Laurentiis: «Polito è qui per vincere»

Bari, De Laurentiis: «Polito è qui per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIn via Cerignola
Foggia, tamponamento a catena manda il traffico in tilt: 4 veicoli coinvolti, ci sono feriti

Foggia, tamponamento a catena manda il traffico in tilt: 4 veicoli coinvolti, ci sono feriti

 
BariIl fatto
Bari, rapper 41enne Toki trovato morto in casa: Procura apre indagine

Bari, rapper 41enne Toki trovato morto in casa: Procura apre indagine

 
PotenzaNel Potentino
Melfi, scritte e atti vandalici contro sede del Pd. Letta su Twitter: «Non ci fermiamo»

Melfi, scritte e atti vandalici contro sede del Pd. Letta su Twitter: «Non ci fermiamo»

 
TarantoLadro seriale
Taranto, 22 auto danneggiate in una sola notte per rubare dagli abitacoli: 57enne in carcere

Taranto, 22 auto danneggiate in una sola notte per rubare dagli abitacoli: 57enne in carcere

 
LecceIl gip: manca la prova
Covid, «Non contagiò paziente in studio»: archiviazione per un medico salentino

Covid, «Non contagiò paziente in studio»: archiviazione per un medico salentino

 
BrindisiIl virus
Covid 19, a Brindisi due casi accertati di variante indiana

Covid 19, a Brindisi due casi accertati di variante indiana

 
Materafelicità
Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

 

i più letti

L'editoriale

Gli italiani al tempo del libro usa e getta

Una discarica a portata di mano. E noi siamo i viaggiatori con un passato reietto, che sognano un grande futuro senza il corrimano della memoria

Libri

Libri

Entro in libreria non sempre con un titolo in mente da acquistare,ma solo attratto dall’odore della carta. Un tarlo o un vampiro della cellulosa. Le torri librarie e gli scaffali traboccano e solo l’aiuto di un commesso mi fa da filo di Arianna. Mi assale un senso di sconcerto,perché aldilà di pochi classici il resto è tutta produzione di giornata la cui qualità mi è ignota. Una montagna nella quale neppure un addetto ai lavori sa farsi strada. Né mi aiutano le indicazioni dei quotidiani, che sono perlopiù drogate , perché additano come migliori di stagione solo i libri più venduti. Spesso superficiali nella progettazione e nelle finalità e rapidi da sfogliare. Ma intanto, anche dalla parte dell’autore c’è sconcerto.

Ti affanni a scrivere un libro, ci impieghi uno due anni,(certi instant book nascono in tre notti e inseguono gli eventi e le mode) ne segui la diffusione,attendi trepidante le recensioni, eventuali notiziole televisive, un premio che ne faccia parlare, intanto godi a vederti lì, su uno scaffale o se hai fortuna in vetrina. Dopo tre settimane il tuo titolo,poco venduto, scivola in seconda fila, e poi in magazzino, prima di essere reso. Kaputt. La vita del tuo libro è durata tre mesi. Sommerso da un’altra caterva di titoli. Di stagione in stagione. Come un tempo la frutta. Come a sera un quotidiano. Mi chiedo allora cosa sia cambiato dall’età di Manzoni a oggi. C’era nell’Ottocento una fetta di lettori molto risicata, pochi borghesi che acquistavano e leggevano. Una delle poche forme di intrattenimento in una società senza televisione e senza cinema. Con scarsi quotidiani. Manzoni per tutta la vita lavorò a uno stesso romanzo. Un libro, una vita. Pochi scritti, spesso grande qualità, perché avvolta in profonda riflessione e non soggetta alla fretta editoriale. Non credo che lo scrittore di Milano, che pure con ipocrita pudicizia parlava di soli venticinque acquirenti,avrebbe mai potuto pensare che un giorno non lontano i libri sarebbero nati in un giorno e in quantità spasmodica per finire immediatamente a sera peggio di una bottiglia di plastica o di un quotidiano . Che in più è utile per incartare il pesce. Giorni fa, forse per lo sfratto di una vecchia abitazione ho trovato affianco ai cassonetti quattro casse di libri. Causa Covid li ho solo guardati da lontano. Ma ho riflettuto sul destino dei libri sia vecchi che di fresca edizione.

Come le bottiglie e i piatti di plastica, i fazzolettini di carta, i vestiti della stagione passata, i barattoli di pelati e di sottaceti,appena svuotati aspettano solo di essere gettati. Un riciclo senza rimpianti. La marea di gialli e di noir e di rosa, tutti hanno un identico destino. Sono diventati prodotti usa e getta. E noi ci affanniamo a scrivere! (Senza leggere). Libri ingombranti che non sai dove conservare. Di una carta fetida perché di petrolio e plastica! Non li vuole più manco la Biblioteca Nazionale. Il sogno accarezzato di una bibliotechina privata è svanito, diventa motivo di litigi in casa. I libri non sono più i migliori amici dell’uo - mo, come voleva Petrarca, ma vengono dopo abiti cani attrezzi sportivi soprammobili. Uno spreco pazzesco di alberi e di energie creative, di forza del pensiero. La società è magnetizzata solo dall’ansia di analfabetismo, di ritmo, di fuga, di denaro, di auto status symbol. Colpa di una tivù di gossip e dell’ultimora, dei social onnivori, della fretta e dell’odio per il silenzio e la meditazione, e di un complesso editoriale moltiplicatosi in maniera spaventosa e che deve produrre produrre e divorare di stagione in stagione ciò che ha prodotto. E colpa di una società senza memoria, che non fa in tempo a costruire personalità letterarie perché le ha già rimosse e dimenticate. Provate a trascrivere dieci nomi di poeti, di scrittori di pittori viventi o defunti. Carneade! Chi sono costoro? Tutto è usa e getta e non degno di essere ricordato. Perché la memoria è fuorimoda. Come la riflessione. Come i sentimenti duraturi. Usa e getta sono titoli,artisti, autori, lo sono oggi anche i nostri genitori, i parenti, gli amici non più frequentati, le tradizioni, i monumenti, le radici. Viviamo al limite di una discarica reale e metaforica. Una discarica a portata di mano. E noi siamo i viaggiatori con un passato reietto, che sognano un grande futuro senza il corrimano della memoria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie