Giovedì 01 Ottobre 2020 | 21:18

NEWS DALLA SEZIONE

Cinema
Puglia superstar: la cine-regione non va mai in vacanza

Puglia superstar: la cine-regione non va mai in vacanza

 
Il punto
Per il fisco parti invertite tra onesti e disonesti

Per il fisco parti invertite tra onesti e disonesti

 
Università
Il mio sogno nel cassetto dopo un anno speciale: parla il rettore dell'Uniba

Il mio sogno nel cassetto dopo un anno speciale: parla il rettore dell'Uniba

 
L'editoriale
Il Movimento 5 Stelle al bivio del futuro

Il Movimento 5 Stelle al bivio del futuro

 
La riflessione
Giovani talenti di questa terra quanti rimpianti senza impianti

Giovani talenti di questa terra quanti rimpianti senza impianti

 
L'analisi
Troppi sussidi fanno crescere malcostume e povertà

Troppi sussidi fanno crescere malcostume e povertà

 
Il punto
Il presidente dell'Inps e l'idea dei manager a basso costo

Il presidente dell'Inps e l'idea dei manager a basso costo

 
il punto
Il dilemma del Carroccio tra nazione e regioni

Il dilemma del Carroccio tra nazione e regioni

 
Il commento
Se la mascherina a Foggia è d'obbligo

Se la mascherina a Foggia è d'obbligo

 
L'ANALISI
Dove ancorarsi di fronte alla tempesta coronavirus

Dove ancorarsi di fronte alla tempesta coronavirus

 
Il commento
Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIL processo
Omicidio Valente a Bisceglie, 30 anni al killer assolto il boss Capriati ritenuto mandante

Omicidio Valente a Bisceglie, 30 anni al killer assolto il boss Capriati ritenuto mandante

 
PotenzaI dati
Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

 
TarantoTaranto
Ex Ilva, i sindacati dopo incontro al Mise: restano i nodi irrisolti

Ex Ilva, i sindacati dopo incontro al Mise: restano i nodi irrisolti

 
LecceNel Salento
Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

 
BatIl virus
Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

 
Foggiatra carapelle e orta nova
Frontale fra due auto nel Foggiano: 7 feriti, alcuni in gravi condizioni

Frontale fra due auto nel Foggiano: 8 feriti, alcuni in gravi condizioni

 
Materadalla polizia
Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

 
BrindisiLa vicenda
Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

 

i più letti

L'EDITORIALE

Il personale è «politica» soprattutto prima del voto

La carriera politica in Italia costituisce ormai il metodo più collaudato, forse l’unico, di promozione, di avanzamento sociale.

Il personale è «politica» soprattutto prima del voto

Sosteneva Eleanor Roosevelt (1884-1962), moglie del presidente americano artefice del New Deal e della vittoria contro il nazismo, che le grandi menti parlano di idee, le menti mediocri parlano di fatti e le menti piccole parlano di persone. Se la First Lady più longeva e influente di sempre (alla Casa Bianca) avesse l’opportunità di lasciare l’Aldilà per farsi un viaggio nell’Italia 2020, prenderebbe atto che la Penisola è affollata, stracolma di menti, diciamo così, piuttosto piccoline. Infatti. Di menti che parlano di idee se ne notano pochissime in giro. Di menti che parlano di fatti se ne vedono poche. Ma di menti che parlano di persone ce ne sono tante, tantissime: sono, andare sui social per verificare, la maggioranza rumorosa del Paese.

Le campagne elettorali costituiscono, di anno in anno, il campo d’osservazione più probante della tesi rooseveltiana. Discutere di idee? Manco per scherzo. Discutere di fatti? Solo per sbaglio. Discutere di persone, che poi significa discutere dei loro progetti di carriera? Sì, in continuazione, in ogni momento della giornata.

Eppure la storia e, a volte, anche la cronaca dimostrano che mentre ci si concentra sulle mosse, sulle scelte, sulle vicende personali di leader, presidenti, governanti e amministratori vari, la fascia più dinamica di una nazione cresce per conto suo, inventa prodotti, percorre altre strade produttive, affronta sentieri mai esplorati. Insomma, ignora i lacci e i condizionamenti del Sistema e del Contesto per porsi come traguardo una nuova frontiera che, spesso, neppure lei conosce. Del resto, il progresso dell’umanità storicamente è dipeso dal modello, dal fattore Cristoforo Colombo (1451-1506): si parte per le Indie, ma ci si può casualmente ritrovare altrove, in un nuovo mondo.

Purtroppo il basso indice di lettura di libri e giornali non giova alla formazione di grandi menti e di leadership culturali, quelle che vivono per le idee e per le soluzioni razionali (non emotive) dei problemi. Se non si legge, se non si studia molto, come si fa ad allenare la mente? Impossibile. Assai più comodo, assai più facile, appassionarsi alle singole persone, ai loro disegni arrivistici, alle loro polemiche più o meno interessate, alle loro esternazioni sempre più inconcludenti. Gli stessi giornali, spesso, cadono nella trappola della personalizzazione totale della politica, che poi significa occuparsi dei tornaconti, delle carriere dei singoli e non dei problemi di tutti. E quando la personalizzazione della politica si diffonde a tutti i livelli, la qualità della rappresentanza diventa un optional: se c’è bene, se non c’è pazienza. E sempre più di frequente non c’è. Conseguenze automatiche: un relativismo politico-etico-culturale se amiamo gli eufemismi; un carrierificio, un poltronificio plateale-spudorato-costoso se amiamo la franchezza lessicale.

Purtroppo la pandemia, imponendo misure di isolamento, ha contibuito ad aggravare il fenomeno, ossia ad allungare la distanza delle varie nomenklature dai altri problemi reali della gente. Cosicché la classe politica ha potuto continuare, indisturbata, a selezionare candidati e para-candidati solo sulla base del classico binomio fedeltà-voti, mentre fasce sempre più estese dell’opinione pubblica si sono adeguate al gioco, ossia ai sogni di carriera di legioni di candidati, senza informarsi, senza interessarsi minimamente della loro storia, delle loro idee, del loro livello culturale, della loro preparazione politico-amministrativa. Gli animi più comprensivi nei riguardi dell’andazzo in atto potrebbero obiettare che non è il caso di scandalizzarsi troppo dal momento che la carriera politica in Italia costituisce ormai il metodo più collaudato, forse l’unico, di promozione, di avanzamento sociale. E chi non ha alcuna intenzione di confrontarsi con le sfide della tecnologia, della modernità, sull’impervio terreno della conoscenza, sovente abbandonando i confini nazionali, non ha che da partecipare al più maestoso mega-concorso pubblico del globo, che poi sarebbe il voto made in Italy.

Il Grande Pubblico non è esente da colpe, perché partecipa al Grande Gioco, salvo poi borbottare o protestare quando la situazione peggiora o alcuni eletti palesano in maniera plateale i propri limiti. Altro che elezioni come selezioni di capacità.

Certo. La continua disaffezione al voto è la spia del profondo malessere che alberga in vasti settori del Belpaese. Ma di sicuro l’assenteismo non costituisce motivo di consolazione. Anzi. È una risposta peggiorativa del male, visto che delega a una minoranza agguerrita e ideologizzata decisioni di portata generale.

Non è facile trovare una via d’uscita alla personalizzazione assoluta della politica. Non è facile perché la soluzione dovrebbe partire dal basso, non dall’alto, dove gli interessi spingono in tutt’altra direzione.

Doveva essere la società dell’informazione. E così è stato. Così è. Ma questa è la società dell’informazione, il più delle volte gossipara, sulle persone, non già sui problemi del Paese. Tanti nomi, pochi fatti, pochissime idee.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie