Lunedì 13 Luglio 2020 | 13:10

NEWS DALLA SEZIONE

Il ricordo
Vernola, la politica per il bene comune

Vernola, la politica per il bene comune

 
L'Editoriale
Meglio giocare al più presto l’euro-partita del «Mes»

Meglio giocare al più presto l’euro-partita del «Mes»

 
Analisi
Senza mascherina? Sì, tengo famiglia

Senza mascherina? Sì, tengo famiglia

 
Analisi
Tanti candidati ma nemmeno uno straccio di programma

Tanti candidati ma nemmeno uno straccio di programma

 
Analisi
Il fascino della politica strega pure i virologi

Il fascino della politica strega pure i virologi

 
Il commento
Quei livelli di assistenza che massacrano il Mezzogiorno

Quei livelli di assistenza che massacrano il Mezzogiorno

 
L'Analisi
Didattica a distanza cioè scuola senza vicinanza

Didattica a distanza cioè scuola senza vicinanza

 
Analisi
Se il coronavirus smaschera i big

Se il coronavirus smaschera i big

 
Editoriale
Gli ostacoli al (doppio) binario della crescita

Gli ostacoli al (doppio) binario della crescita

 
Il punto
Quella voglia matta di tornare alle urne Prima pagina

Quella voglia matta di tornare alle urne

 
Analisi
Se basta un uccellino a far volare via la ferrovia

Termoli-Lesina: se basta un uccellino a far volare via la ferrovia

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari cerca una notte rock nel labirinto dei playoff

Bari cerca una notte rock nel labirinto dei playoff

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barinel barese
Monopoli, riuscita la simulazione di soccorso nel lago sotterraneo

Monopoli, riuscita la simulazione di soccorso nel lago sotterraneo

 
Foggiatruffa
Da Cerignola in Campania per vendere olio extravergine contraffatto: denunciato imprenditore

Da Cerignola in Campania per vendere olio extravergine falso: denunciato imprenditore

 
Leccela mostra
L’epico Laboratorio di Renzo Piano dedicato a Otranto

L’epico Laboratorio di Renzo Piano dedicato a Otranto

 
TarantoIl caso
Crispiano, Ippoterapia scomparsi due cavalli

Crispiano, scomparsi due cavalli per l'ippoterapia, sospetto furto

 
Materain zona san pardo
Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

 
BrindisiTrasporti
Brindisi, «Disservizi per navi e passeggeri. Si apra tavolo di concertazione»

Brindisi, stagione crocieristica: dopo luglio cancellati anche attracchi di agosto

 
Potenzanel Potentino
Venosa, carabinieri smantellano piazza di spaccio: 4 arresti

Venosa, carabinieri smantellano piazza di spaccio: 4 arresti. Pusher anche davanti alle scuole

 

i più letti

Il punto

La potenza della politica l’impotenza dei cittadini

Il secondo governo Conte è vittima del primo principio (di inerzia) della meccanica descritto da Galileo Galilei nel “Dialogo sopra i due massimi sistemi” e poi formulato da Isaac Newton.

Conte ottiene la fiducia alla Camera con 350 voti a favore, 236 contrari e 35 astenuti

Il secondo governo Conte è vittima del primo principio (di inerzia) della meccanica descritto da Galileo Galilei nel “Dialogo sopra i due massimi sistemi” e poi formulato da Isaac Newton. Se il corpo è fermo, dicono in sostanza i due grandi fisici, vuol dire che non è soggetto a forze oppure che la risultante delle forze che agiscono su di esso è nulla. Giuseppe Conte, che ha alle sue spalle le buone lezioni di filosofia del liceo classico, sicuramente conosce l’antecedente, lontano nel tempo ma saldo fino a Galilei, cioè la posizione di Aristotele che riteneva l’energia (oppure <impeto>) l’unica origine del movimento del corpo, sottovalutando così la reazione alle variazioni continue e contrastanti provenienti dall’interno e dall’esterno dell’organismo governo.

Energia o impeto, quindi, non sono sufficienti per camminare più o meno spediti se c’è chi agisce, consapevole o no, per bloccare ogni moto. Questo è stato il gioco nel primo governo Conte, ma anche nel secondo: il M5Stelle attore principale e instabile, Lega e Pd, in alternanza, nel ruolo di forza legittimante.
L’Italia è ferma da 25 anni dicono gli istituti, nazionali ed internazionali, che studiano le economie e le società. Anche su questo punto c’è da precisare. Se in una gara di marcia o di corsa un concorrente si blocca a causa di un malanno o perché non ce la fa più e gli altri procedono spediti, la distanza tra chi si ferma e chi continua la gara aumenta sempre più. Fermarsi significa scivolare sempre più indietro fino a perdere di vista non solo il drappello di testa ma anche gli altri concorrenti meno dotati. Questo sta accadendo all’Italia nella interminabile stagione di inerzia.
Le conseguenze sono varie, perniciose e sempre più difficili da riparare. La prima conseguenza, velenosa, è legata strettamente alle sorti dei diversi attori, singoli e gruppi, che dominano la politica. Sia gli attori della presunta maggioranza sia quelli delle opposizioni più o meno in attesa di scalzare chi sta al potere. In Italia agisce una malattia dalle cause profonde che nelle sue diverse fasi si rivela con sintomi costanti e a volte diversi. Ogni gruppo o élite come si dice oggi, vecchia o nuova che sia, si appella alla sua politica presentata come salvifica e si scaglia con veemenza distruttrice contro la politica dell’avversario.

Questo avviene, ogni giorno, da 25 anni in modo permanente e continuo. I gruppi che si sono alternati al potere e quelli che si candidano a occuparlo su tutto sono in disaccordo, ma su un punto convergono: la richiesta di maggiore poteri, cioè la richiesta di ridare potenza alla politica, così come è avvenuto nel corso del secolo scorso. Più politica significa più potere dei gruppi dominanti, cioè l’acquisizione di una potenza maggiore da utilizzare poi con <impeto> nel conflitto o con un semplice accentramento degli strumenti di potere. La richiesta di potenza è pervasiva, non solo nazionale. I poteri regionali e territoriali, le società di gestione dei servizi, la ramificazione delle influenze, tutto è arena di politicizzazione.

L’ infeudamento della società – ecco la seconda conseguenza - ha determinato il trasferimento di soldi e ricchezza dai singoli cittadini, dalle famiglie e dalle imprese allo Stato, sempre con la promessa di giustizia sociale, servizi e sicurezza. Maggiore potenza nefasta della politica e impoverimento degli individui, in un crescendo senza sosta, fino al collasso. Le risorse scarse, alimento dell’economia libera, finite nel corpaccione dello Stato, hanno provocato assuefazione, attesa e difesa delle aziende meno competitive. Terza conseguenza: la fuga di migliaia di giovani bravi, al Sud e al Nord, nei piccoli centri e nelle città medie, bloccati dalla fine delle risorse e dal mancato rinnovamento. La potenza della politica, infatti, è onnivora e non accetta freni. Due le alternative: l’accettazione del rapporto asimmetrico potere-individuo, aggiornamento moderno del rapporto padrone-servo; la rivendicazione e la testimonianza della libertà, fino al gesto eroico.

L’Italia soffre di asfissia. Non è che le altre democrazie godano di buona salute. Ogni Paese vive le sue contraddizioni, ma noi di contraddizioni e malattie ne abbiamo di più. La nostra mente è occupata dagli idoli accumulati nel tempo. Purtroppo i neuroni <spazzino> non ci hanno liberato dalle false divinità e dalla nostalgia dei miti mai esistiti. Solo superando i nostri vizi ritroveremo la vigoria delle generazioni migliori che in autonomia e con orgoglio hanno fatto dell’Italia un grande Paese. Potremo così costringere le rappresentanze politiche a porre fine alle false accelerazioni, alle spinte effimere, alle guerre delle false parole, per lasciare libero il campo all’iniziativa e ai sogni dei singoli, da soli o associati tra loro. In questo modo si batte l’inerzia della politica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie