Domenica 16 Dicembre 2018 | 14:27

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Le divergenze parallele di un rapporto innaturale

Le divergenze parallele di un rapporto innaturale

 
La riflessione
Matera capitale della cultura la scommessa dell’anno dopo

Matera capitale della cultura la scommessa dell’anno dopo

 
L'analisi
Squillino le trombe sul Sud senza voce

Squillino le trombe sul Sud senza voce

 
La riflessione
L’ Africa partner prezioso per l’Italia e per l’Europa

L’ Africa partner prezioso per l’Italia e per l’Europa

 
L'analisi
Mezzogiorno l’eterna «rivoluzione» mancata

Mezzogiorno l’eterna «rivoluzione» mancata

 
L'analisi
Se l’Europa scende in campo contro l’industria delle bufale

Se l’Europa scende in campo contro l’industria delle bufale

 
La riflessione
Lo studio è un dovere non solo un diritto

Lo studio è un dovere non solo un diritto

 
L'analisi
Il problema non è Renzi ma la politica del nuovo Pd

Il problema non è Renzi ma la politica del nuovo Pd

 
L'analisi
Il dovere di fare presto per salvare la Puglia verde

Il dovere di fare presto per salvare la Puglia verde

 
La riflessione
Genitore 1 e genitore 2: la vera discriminazione

Genitore 1 e genitore 2: la vera discriminazione

 
L'analisi
L’orizzonte nazional popolare del capitano

L’orizzonte nazional popolare del capitano

 

L'analisi

Italia finita per l'egoismo del Nord

Il progetto di autonomia del Veneto spaccherà il Paese e porterà povertà al Sud. Uno scandalo che passa nel silenzio generale.

Italia fuori dal Mondiale,  31enne strappa il Tricolore del monumento a caduto

Da lunedì 22 ottobre, l’Italia non esisterà più. Una fine che avviene nel silenzio generale benché manchino solo dieci giorni. Il 22 arriverà in Consiglio dei ministri il disegno di legge sull’autonomia del Veneto, per il quale il vicepremier Salvini ha già annunciato l’immediata approvazione. Ne seguirà a breve uno analogo per Lombardia ed Emilia. Un testo di legge che non potrà essere corretto in Parlamento, che sarà chiamato a un «sì» o «no» in blocco. E la maggioranza si è detta già d’accordo. Così dopo 157 anni sparirà un Paese nato male e finito peggio con la secessione dei ricchi.
Tanto perché si capisca bene, il Veneto, anzi la neonata Repubblica autonoma del Veneto, discuterà i dettagli direttamente col governo di Roma: da Stato a Stato. Addio Costituzione e nazione «una e indivisibile».

Una fine senza neanche manifestazioni di piazza come a Barcellona per l’indipendenza della Catalogna. Da noi il Paese serenamente si spegnerà un giorno di autunno, mentre un popolo indifferente riprenderà il lavoro dopo una fine settimana. Eutanasia col consenso di chi lo guida, attendendo eventualmente di sentire il presidente garante dell’unità.
Perché definire autonomia quella del Veneto è come dire che l’Italia muore, ma solo un po’. Non soltanto quella regione ex-italiana gestirà per conto suo le 23 materie finora in condominio con Roma, dai trasporti, alla sanità, all’ambiente. Ma lo farà contando sia sui fondi nazionali finora ottenuti, sia su una integrazione che gli dovrà lasciare sempre lo Stato. E perché? Perché più ricca di altre regioni. Il principio che un ricco ha più bisogno (diciamo pretende) di servizi pubblici di un povero. Deve avere più strade, più ospedali, più biblioteche. Un ribaltamento del principio dello Stato sociale che cerca di parificare chi meno ha. E il principio che il maggiore gettito fiscale, cioè le tasse pagate, determina un maggiore bisogno anche se non c’è. Insomma alla fine il gettito delle tasse venete deve restare per almeno i nove decimi in casa.

Se ne uscisse dall’Italia, il Veneto potrebbe fare ciò che gli pare. Ma non può più esistere una Italia con regioni più regioni delle altre. Perché se si dà di più a un territorio, non essendo la matematica una opinione, si toglie a qualche altro. Qualche altro meno ricco, vedi il Sud. Che così si vedrebbe ulteriormente ridotto il finanziamento a servizi che sono tutti già al di sotto del minimo essenziale, tranne rinfacciargli la minore qualità della vita invece di chiedergli scusa per l’inadempienza.
Si avvera così con qualche ritardo il sogno «padano» di distruggere il Paese, succhiandone però ancora una generosa e suicida mammella. Il sogno di Bossi e dello stesso Salvini dell’allora Lega Nord. Non è però che ci sarà una dogana fra Veneto ed ex Italia. Il Veneto (con le altre poi) continuerà ad arricchirsi anche grazie ai soldi della spesa pubblica nazionale, che vengono dalle tasse delle rimanenti regioni della ex-Italia. In più si vedrà lasciati i suoi, fatti però grazie anche all’appartenenza all’Italia quando era unita.

Smembrano un Paese, e lo chiamano federalismo differenziato. Che se tale fosse rimasto, non sarebbe stato la fine che è ora. Una maggiore autonomia nel gestire i propri affari regionali, sarebbe stata addirittura opportuna. Non per niente fra le prime a chiedere altrettanto è stata la Puglia, chissà se consapevole in cosa si ficcava. Ma altra cosa è il mitico «ci teniamo i nostri soldi». Perché viola quell’articolo della Costituzione in base al quale i diritti dei cittadini non possono essere diversi a seconda di dove nasci. Non puoi essere curato meglio perché sei un veneto e non un pugliese, non puoi avere più asili nido perché sei un bambino veneto e non uno lucano. In verità già avviene ora in questi ultimi giorni di Italia. Perché già ora la spesa pubblica dello Stato è più alta al Centro Nord che al Sud. Perché? Mah, perché siete brutti, sporchi e cattivi. Minore ricchezza come colpa da far pagare. Avverrà in una Italia non più Italia.

Per non parlare della scuola, decisiva per il futuro di un Paese. Dal 22 ottobre in Veneto non solo decideranno per conto loro i programmi (chessò, studiamo più il dialetto veneto che l’Italiano, o una Storia che dica peste e corna dei sudisti). Ma assunzioni e trasferimenti saranno solo locali, con loro concorsi i cui vincitori saranno pagati girandogli i soldi di Roma, ancora. Docenti che non potranno andare in altre regioni (pardon, altri Stati della penisola) se non dimettendosi.
Non una voce, come si è detto, si è levata. Non dalla ministra del Sud. Non dai Cinque Stelle votati soprattutto dal Sud. Non da Salvini, anzi lui d’accordo. Non dai resti della sinistra. Meno se ne parla, meglio è. Ci vorrebbe una «Marcia dei 40 mila» come quella che salvò la Fiat. Ammesso e non concesso che qualcuno voglia salvare un imbelle Paese chiamato Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Filippo Scrima

    14 Ottobre 2018 - 09:09

    La secessione è già avvenuta. Doveva essere formalizzata. Da trenta anni è il progetto portato avanti da tutte le forze politiche. L'ultimo atto del governo Gentiloni è stato l'OK all' "autonomia" di Veneto, Lombardia ed Emilia. Il Sud deve prenderne atto e comportarsi di conseguenza, cominciando a considerare "esteri" i prodotti settentrionali. Sud desertificato per essere assoggettato.

    Rispondi

  • Gogospa

    13 Ottobre 2018 - 21:09

    Fino a quando si vedrà che un ponte fatto da 10 giorni crolla grazia alla complicicita di tutti coloro in quei luoghi lascia che la malavita faccia ciò che vuole senza mai denunciare nessuno. Finché in quei posti ľillegalita e la sola regola da rispettare. Qindi continuare ad elemosinare e indecente. Anno le zone turistiche più belle del mondo e non fanno nulla per farne una risorsa economica e di lavoro, anzi. Ľunica cosa e sempre piangere e chiedere soldi ad altri. E vi sono molte altre cosa da dire, servirebbe una enciclopedia per descriverle.

    Rispondi

  • dinox

    13 Ottobre 2018 - 18:06

    meditate , meridionali che hanno votato e stanno con salvini, stanno portando in porto la divisione dell'italia

    Rispondi