Martedì 17 Settembre 2019 | 16:35

Il Biancorosso

Dopo Bari Reggina
Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
BariZona Cecilia
Modugno, dopo 50 anni sarà abbattuto lo storico «bubbone»

Modugno, dopo 50 anni sarà abbattuto lo storico «bubbone»

 
FoggiaSerie D
Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

 
BatArrestato
Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

 
MateraUna settimana di eventi
Pax Mater, la Città dei Sassi capitale della pace

Pax Mater, la Città dei Sassi capitale della pace

 
LecceIl duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
PotenzaA Londra
Birra lucana bissa titolo campione del mondo

Birra lucana bissa titolo campione del mondo

 
BrindisiIncastrata dai filmati
Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

 

i più letti

il racconto

Una graphic novel
sulle «leonesse»
di Monteleone

Volume pubblicato per i 130 anni della Gazzetta del Mezzogiorno

leonesse fumetto

Lo chiamavano «Lu Ribell» il drammatico evento che si verificò settantacinque anni fa, il 23 agosto del 1943, a Monteleone di Puglia. Nel paese più alto della regione un gruppo di donne coraggiose sfidò il potere del regime e per poche ore riuscì a togliere ogni potere all’autorità fascista. Quelle donne, citate anche da Radio Londra che diede notizia dell’accaduto, sono le protagoniste della graphic novel «Le Leonesse di Monteleone», edito da Hazard Edizioni, nell’ambito della collana a fumetti «Midi – Fumetti per il Sud», realizzata dalla Gazzetta del Mezzogiorno in occasione dei suoi 130 anni di vita.

L’episodio, per molto tempo caduto nel dimenticatoio, è oggetto negli ultimi tempi di un rinnovato interesse storico, grazie all’impegno dell’amministrazione comunale. Circa centosessanta persone, in prevalenza donne, occuparono il municipio e bruciarono la caserma dei carabinieri: a spingerle la fame e la disperazione in seguito all’ennesimo rifiuto del podestà di macinare il grano per farne farina e panificare. La rivolta fece intervenire la forza pubblica e le camicie nere agli ordini di Giovanni Dolfin, il prefetto di Foggia che sarebbe poi diventato segretario particolare di Mussolini nella Repubblica di Salò. Alcune furono ferite, altre morirono. Novantasei vennero, infine, catturate e incarcerate e solo nel 1950 fu concessa loro l’amnistia, in seguito ad una lunga e dolorosa vicenda giudiziaria.

Il fumetto, dove emergono le figure di una ragazza monteleonese e di un giovane carabiniere, coinvolti negli eventi di quei giorni e nella temperie che poi ne seguì, è opera di Marco Gastoni per la storia e di Luciano Ceglia per i disegni. Gastoni recentemente ha pubblicato due graphic novel «Come il colore della terra» (Eris Edizioni, 2015) e «Il buco nella rete» (Tunuè, 2017), con i disegni di Nicola Gobbi. Collabora con Hazard Edizioni e ha contribuito come curatore alla costituzione e al lancio della collana MIDI-Fumetti per il Sud. Luciano Ceglia, foggiano, ma ormai romano d’adozione, lavora come fumettista, dopo aver a lungo collaborato come scenografo, sia per il teatro lirico che per il cinema, iniziando una lunga collaborazione con lo scenografo premio Oscar Gianni Quaranta.
Quarantotto pagine, tutte rigorosamente a colori, rievocano il dramma di quell’episodio, il dolore delle donne che avevano gli uomini al fronte, lasciate sole a curare le famiglie, gli anziani, i figli e i campi: lo scorso 12 agosto sono state presentate alla cittadinanza con una mostra delle tavole originali e una rievocazione storica, a cura dell’associazione teatrale Tanino. La prefazione del volume è stata curata dal prof. Vito Antonio Leuzzi, direttore dell’Istituto Pugliese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea. [Enza Moscaritolo]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie