Sabato 24 Ottobre 2020 | 08:42

NEWS DALLA SEZIONE

L'omicidio
Lecce, fidanzati uccisi: la verità nel diario del killer in un romanzo dal titolo «Vendetta»

Lecce, fidanzati uccisi: la verità nel diario del killer e in un romanzo dal titolo «Vendetta»

 
La denuncia
Terlizzi, scempio a Pozzo Lioy: scarico abusivo di asfalto e rifiuti

Terlizzi, scempio a Pozzo Lioy: scarico abusivo di asfalto e rifiuti

 
L'inchiesta
Tensione Atene-Ankara, la Puglia rischia

Tensione Atene-Ankara, la Puglia rischia

 
L'incidente
Massafra, 16enne precipita in una scarpata: salvata dai vigili del fuoco

Massafra, mentre si fa un selfie 16enne precipita in scarpata: salvata dai vigili del fuoco

 
La decisione
Causa Covid è rinviato il concorso Arpal Puglia con 60mila candidati

Causa Covid è rinviato il concorso Arpal Puglia con 60mila candidati

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 19143 nuovi casi e 91 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia, 19143 nuovi casi e 91 morti nelle ultime 24 ore

 
pericolo
Lecce, più controlli anti-movida durante week end

Lecce, più controlli anti-movida durante week end

 
L'intervista
Nuoto, Benny Pilato: fra record e scuola, vi racconto la mia «bolla»

Nuoto, Benny Pilato: fra record e scuola, vi racconto la mia «bolla»

 
contagio
Ministro Boccia positivo al Covid: è asintomatico e in isolamento da giorni

Ministro Boccia positivo al Covid: è asintomatico e in isolamento da giorni

 
dati regionali
Covid Puglia, nuova impennata: 590 casi per vari focolai. Un morto. Altri 33 ricoveri (531)

Covid Puglia, nuova impennata: 590 casi per vari focolai. Un morto. Altri 33 ricoveri (531). Triggiano, focolaio in Rsa

 
La decisione
Bari, causa Covid 1 e 2 novembre al cimitero si accederà col contapersone

Bari, causa Covid 1 e 2 novembre al cimitero si accederà col contapersone

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, polemica tra Ghirelli e De Laurentiis: «Lega Pro chiede responsabilità»

Bari calcio, polemica tra Ghirelli e De Laurentiis: «Lega Pro chiede responsabilità»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'omicidio
Lecce, fidanzati uccisi: la verità nel diario del killer in un romanzo dal titolo «Vendetta»

Lecce, fidanzati uccisi: la verità nel diario del killer e in un romanzo dal titolo «Vendetta»

 
BariLa denuncia
Terlizzi, scempio a Pozzo Lioy: scarico abusivo di asfalto e rifiuti

Terlizzi, scempio a Pozzo Lioy: scarico abusivo di asfalto e rifiuti

 
HomeL'inchiesta
Tensione Atene-Ankara, la Puglia rischia

Tensione Atene-Ankara, la Puglia rischia

 
FoggiaIl caso
Foggia, picchiò donna che lo invitò a mettere la mascherina: condannato

Foggia, picchiò donna che lo invitò a mettere la mascherina: condannato

 
BatL'evento
DigithOn, Boccia: «Digitale e Stato insieme contro il virus»

DigithOn, Boccia: «Digitale e Stato insieme contro il virus»

 
PotenzaIn Basilicata
Petrolio, Total: «A Tempa Rossa produzione a 45mila barili»

Petrolio, Total: «A Tempa Rossa produzione a 45mila barili»

 
BrindisiControlli dei CC
Mesagne, in campagna nascondevano armi, droga e auto rubata: tre in manette

Mesagne, in campagna nascondevano armi, droga e auto rubata: tre in manette

 
MateraControlli dei CC
Calciano, positivo al Covid e in isolamento esce di casa: denunciato 63enne

Calciano, positivo al Covid e in isolamento esce di casa: denunciato 63enne

 

i più letti

la festa

Per i 130 anni della Gazzetta
pienone al teatro Curci di Barletta

Lino Banfi: questo giornale un punto di riferimento che porto nel cuore

 Per la festa della Gazzetta pienone al teatro Curci

di Giuseppe Dimiccoli

BARLETTA - «La Gazzetta a casa di mio padre non mancava mai. Ogni giorno era un rito doverla leggere. Ci faceva sapere quello che accadeva. Da sempre è un punto di riferimento che porto nel mio cuore». È commosso Lino Banfi nel camerino del teatro comunale Curci quando consegna al cronista le sue emozioni al termine della serata celebrativa dei 130 anni della Gazzetta del Mezzogiorno avvenuta ieri pomeriggio a Barletta.

Un momento che ha avuto il merito di evidenziare la stretta connessione tra la Gazzetta e il territorio della Sesta provincia. «Passione» la parola lungo la quale si è mosso l’appuntamento condotto da Nicoletta Virgintino.

Proprio in apertura dell’evento, seguito da un folto pubblico con una notevole presenza di giovani, il direttore Giuseppe De Tomaso ha rimarcato quanto proprio la Gazzetta «abbia anticipato la politica di un anno con l’istituzione della Provincia aprendo la redazione del Nord Barese».

«Chi è informato sfonda anche a livello economico - ha aggiunto De Tomaso -. I giornali e la televisione vivono una fase complicata, pertanto è indispensabile un surplus di passione. Il segreto è leggere, leggere e leggere. Noi lavoriamo con tanta passione per offrire una informazione di qualità utile per far crescere il nostro territorio».

Francesco Giorgino, capo redattore del Tg1 e docente di comunicazione alla Sapienza e alla Luiss di Roma, si è detto d’accordo con l’analisi di De Tomaso e ha raccontato il suo speciale rapporto con la Gazzetta: «Mio nonno Francesco, già direttore della filiale di Andria del Banco di Napoli, faceva entrare la Gazzetta in casa Giorgino ogni giorno». E poi: «La Gazzetta, con questa direzione, ha il pregio di aver invertito la narrazione del Sud e sul Sud. Fatto estremamente importante in questo momento storico».

È intervenuto a seguire Sergio Fontana, presidente del Consiglio di Zona di Confindustria Bari e Barletta-Andria-Trani e amministratore unico della Farmalabor di Canosa, azienda farmaceutica di indiscussa eccellenza. «Si può fare impresa al Sud senza i “se”, ma con i “nonostante” - ha sottolineato -. Abbiamo ottime università e tutta una serie di risorse umane e naturali uniche. Chiaramente la scuola e lo studio sono fondamentali. La Gazzetta è un punto di riferimento davvero speciale».

Pasquale Cascella, Nicola Giorgino e Amedeo Bottaro, sindaci di Barletta, Andria e Trani (Giorgino è anche presidente della Provincia), hanno espresso elogi nei confronti della Gazzetta. Cascella, sindaco e giornalista, ha riflettuto in merito alla necessità che «le istituzioni» siano «al servizio della comunità», processo agevolato «dal ruolo dell’informazione». «La nostra provincia è cresciuta di più grazie al ruolo della Gazzetta», ha affermato Nicola Giorgino. «La Gazzetta è un punto di riferimento. Ci aiuta a differenza delle notizie del web non completamente corrette», ha chiosato Bottaro. Apprezzato da tutti l’intermezzo musicale della biscegliese Erica Mou, virtuosa cantautrice, che ha fotografato la società con i brani «Svuoto i cassetti» e «Dove cadono i fulmini».

Standing ovation per Lino Banfi. Il «Lino nazionale» ha raccontato il suo rapporto molto speciale, alcune volte anche non corrisposto, con la Puglia e i suoi conterranei. Travolgente la passione nel descrivere la sua nuova avventura gastronomica, guidata sapientemente da Stefano Remigi, «Bontà Banfi». Un sigillo di pugliesità capace di rapire i palati di tutti. In chiusura, Marina Lalli (vicepresidente vicario di Federturismo) e il cavalier Giovanni Pomarico (amministratore delegato Megamark) hanno raccontato la loro capacità di ottenere successo grazie alla «credibilità». Proprio quella che la Gazzetta offre da 130 anni ai suoi lettori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie