Domenica 17 Gennaio 2021 | 05:26

NEWS DALLA SEZIONE

La rassegna
Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

 
Inediti e rarità
Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

 
nuove uscite
«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

 
Musica
«Ora», nuovo singolo dei tarantino Revortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

«Ora», nuovo singolo dei tarantini Arevortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

 
Musica
«Pezzo di cuore»: Emma e Alessandra Amoroso in un duetto tutto salentino

«Pezzo di cuore»: Emma e Alessandra Amoroso in un duetto tutto salentino

 
Musica
«Povera femmina», arriva il nuovo brano di Napoleone: una storia vera che dà voce a un mare in tempesta

«Povera femmina», arriva il nuovo brano di Napoleone: una storia vera che dà voce a un mare in tempesta

 
Nuova proposta
Vito Signorile mette in musica Bari e le sue tradizioni

Vito Signorile mette in musica Bari e le sue tradizioni

 
date e programmi
Bari, al Petruzzelli la musica continua ed è online per tutti

Bari, al Petruzzelli la musica continua ed è online per tutti

 
Il personaggio
Da Molfetta al teatro Ariston: il poeta visionario Gio Evan

Da Molfetta al teatro Ariston: il poeta visionario Gio Evan

 
il premio
Musici pugliesi: un riconoscimento ai Global music awards in in California

Musici pugliesi: un riconoscimento ai Global music awards in California

 
Martina Franca
Il Festival della Valle d'Itria celebrerà Napoli e Vienna

Il Festival della Valle d'Itria celebrerà Napoli e Vienna

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

L'intervista

«Boosta» Dileo: «Il mio concerto a ritmo lento»

«Una passeggiata tra le note»: il tastierista dei subsonica questa sera a Otranto

«Boosta» Dileo: «Il mio concerto  a ritmo lento»

Fa tappa in due castelli pugliesi il tour di Davide «Boosta» Dileo, tastierista dei Subsonica, che porta il progetto solista «Boostology» oggi nel Fossato del Castello di Otranto, per la rassegna Luce d’Oriente, e domani nel Castello Dentice di Frasso di Carovigno (Br), per il festival itinerante Piano Lab, entrambi promossi dall’associazione La Ghironda.

Un viaggio nella musica elettronica, attraverso pianoforti e sintetizzatori, che anticipa il nuovo album solista, inedito, con l’incursione di qualche cover e un paio di passaggi dalla colonna sonora della serie Sky «1992».

Lo definisce un concerto «passeggiato»: cosa si intende?

«È un viaggio musicale che non corre, si prende del tempo tra un pezzo e l’altro. Non significa noioso, anzi, permette di guardare meglio il panorama, di perdersi nelle sonorità, di chiudere gli occhi rimanendo concentrati e rievocando immagini magari dimenticate. Io mi occupo del suono, ma in un’estate così particolare ognuno merita di godersi un momento di tranquillità e fare largo al pensiero, al tempo lento, a spazi dilatati».

Coltivare un progetto solista senza lasciare una band: esiste, allora, un equilibrio?

«Da solo hai un peso maggiore, nella bellezza e nelle difficoltà. In gruppo il carico è condiviso, comprese le responsabilità. Ho trovato la mia quadra perfetta: faccio cose che adoro con la band, poi ho questa costola, una deriva che racconta altro. È un percorso musicale in cui cerco di rimanere il più onesto possibile: non ho la smania di diventare “famoso”, di avere tanti seguaci. Faccio la musica che mi piace e che racconta qualcosa di me, e la propongo a chi vuole ascoltarla, come se la stessi proponendo al mio migliore amico. Finché posso, cerco di tenere fede al mio codice, e questo mi dà serenità».

Secondo lei la pandemia ha catalizzato un po’ l’attenzione sul comparto musicale?

«Il mio pensiero è abbastanza lineare: c’è un misunderstanding di fondo. Per buona parte si è ancora convinti che le arti siano solo intrattenimento, divertire gli altri. Certo, siamo anche quello, ma la musica ha un ruolo sociale, molto solido nella vita delle persone. La filiera è stata trattata con sufficiente leggerezza, forse superficialità, senza capire a fondo il potenziale culturale che ingloba».

Se dovesse fare un bilancio di quest’estate?

«Procede bene. Anche se siamo in una dimensione diversa, siamo privilegiati, possiamo fare ciò che ci piace. Al netto del distanziamento, per questo tipo di musica che propongo, che ha più affinità con l’ascolto, mi sembra di aver visto molta più attenzione durante i live. Forse tornare ad ascoltare la musica era un’esigenza, c’è una maggiore predisposizione. È come se fossimo tutti grati di rivivere situazioni del genere».

Progetti imminenti?

«Con i Subsonica riprenderemo appena possibile tutta l’attività che abbiamo congelato. Nel frattempo mi godo questa “passeggiata” nella mia musica, aspettando l’uscita del disco. Se devo dirla tutta ho apprezzato molto questa stagione di concerti medio-piccoli, mi sto divertendo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie