Lunedì 24 Settembre 2018 | 19:11

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

il dolore

Chiesa gremita a Taranto per i funerali dell'operaio Ilva morto

Al rito funebre di Angelo Raffaele Fuggiano c'erano le autorità, il sindaco Rinaldo Melucci e alcuni assessori. Fuggiano è morto giovedì scorso in un incidente sul lavoro nel reparto Ima dell'Ilva

Il tempio di San Domenico Maggiore, nella città vecchia di Taranto, ha contenuto a stento le centinaia di persone, tra parenti, amici e colleghi, che questo pomeriggio, hanno preso parte al funerale di Angelo Raffaele Fuggiano, il 28enne operaio della ditta Ferplast dell’appalto Ilva, morto giovedì scorso in un incidente sul lavoro nel reparto Ima (Impianti marittimi), colpito alla schiena dalla carrucola di una fune d’acciaio.

Durante la messa, celebrata da mons. Alessandro Greco, vicario generale della Diocesi, è stato letto un messaggio dell’arcivescovo Filippo Santoro, impegnato all’assemblea generale della Cei. «In questi giorni - ha sottolineato il presule - tutti parlano dell’Ilva, in Italia e all’estero, ma vorrei che ogni discorso ripartisse da qui, da questa Pietà tutta tarantina, per rendere giustizia ad Angelo e a tutte le vittime del lavoro, per comprendere la sofferenza di una città che ha bisogno di certezze, che ha diritto alla vita. Invoco la benedizione di Gesù Buon Pastore su Angelo perché sia accolto dall’amore misericordioso del Padre».
Angelo Fuggiano lascia la compagna Celeste e due figli piccoli: una bambino di 5 anni e una bambina di 3.

Al rito funebre c'erano le autorità (il prefetto, il questore, il comandante dei carabinieri), il sindaco Rinaldo Melucci e alcuni assessori, esponenti politici di vari schieramenti rappresentanti sindacali e operai del Siderurgico e delle ditte d’appalto, come la Ferplast.

«La celebrazione che avviene - ha detto ancora nel suo messaggio mons. Santoro - nella Chiesa di san Domenico, lì dove è venerato il simulacro della Vergine Addolorata, la Madonna del popolo della Città dei Due Mari, ci richiama al di là di qualsiasi parola fuori posto, la dura realtà del dolore e della perdita. La presenza della Madre di Gesù trafitta dalla visione del Figlio suo morto sulla croce, colma ogni interpretazione e ci fa sentire uniti gli uni agli altri in un ecumenismo delle lacrime, che è difficile da spiegare, ma che imprime di per sé il moto del pellegrinaggio, del dolore sì ma non della rassegnazione, della verità della morte ma non della sua vittoria definitiva. Il Cristo che viene disprezzato, umiliato, ingiustamente condannato, che muore innocente, trova un’oasi di umanità e di affetto nello sguardo di sua madre ai piedi della croce».
«Oggi cerchiamo tutti insieme - ha puntualizzato mons. Santoro - quello sguardo, che ci ricorda che siamo Figli di Dio e quindi tutti figli degni e di pari dignità. Qui Angelo è accolto sulle ginocchia della Vergine Addolorata, a lei chiediamo il lume della fede e della speranza, che quel che oggi ci è tolto dal mondo, un giorno, ci sarà restituito da Dio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Taranto, gas radon nelle scuole, il Comune: «A lavoro su areazione»

Taranto, gas radon nelle scuole, il Comune: «A lavoro su areazione»

 
Ilva, il sindaco Melucci: «Inizia una nuova fase con la grande industria»

Ilva, il sindaco Melucci: «Inizia una nuova fase con la grande industria»

 
Taranto, Amianto killer all'Ilva: la Procura chiede il rinvio a giudizio

Taranto, Amianto killer all'Ilva:
Procura chiede rinvio a giudizio

 
Taranto, dubbi sulle ceneri usate da Cementir: «Più chiarezza»

Taranto, dubbi sulle ceneri usate da Cementir: «C'è bisogno di chiarezza»

 
Martinata, fucili di precisione e pistola in casa: in cella 53enne

Martina Franca, pistole a fucili di precisione in casa: in cella 53enne

 
Taranto, pesta a sangue un marocchino: in manette un 39enne

Lite tra due dipendenti del circo: in manette un 39enne, un ferito grave

 
Taranto, strage di Palagiano: autori ancora ignoti

Taranto, strage di Palagiano: autori ancora ignoti

 

GDM.TV

Bari, il coro dei 10mila che cantano: «Bari grande amore»

Stadio San Nicola, il coro dei 10mila canta: «Bari grande amore»

 
Bari, viale Traiano: è cominciata la demolizione del ponte

Viale Traiano a Bari: al via la demolizione del ponte

 
La Sancataldese in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

La Sancataldese (illusa) in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

 
Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 

PHOTONEWS