Sabato 19 Giugno 2021 | 02:59

NEWS DALLA SEZIONE

Notte della Taranta
Melpignano, la direzione artistica del Concertone 2021 all'Orchestra popolare

Melpignano, la direzione artistica del Concertone 2021 all'Orchestra popolare

 
Diritti
Bari si mobilita per la Giornata mondiale del Rifugiato

Bari si mobilita per la Giornata mondiale del Rifugiato

 
Libri
Roberto Emanuelli: lo scrittore delle emozioni si racconta

Roberto Emanuelli: lo scrittore delle emozioni si racconta

 
Nell'ambito del Climate Fest
«Elegy for the Arctic-Backstage Diary»: a Melpignano la mostra fotografica di Ludovico Einaudi

«Elegy for the Arctic-Backstage Diary»: a Melpignano la mostra fotografica di Ludovico Einaudi

 
L'evento
Puglia in musica: torna il Battiti Live, da metà luglio su Italia Uno

Puglia in musica: torna il Battiti Live, da metà luglio su Italia Uno

 
La curiosità
Chef Bruno Barbieri per 4 Hotel approda in Salento: al via la sfida tra i B&b di Lecce

Chef Bruno Barbieri per 4 Hotel approda nel Salento: al via la sfida tra i B&b di Lecce

 
Televisione
Matera, Imma Tataranni è tornata

Matera, Imma Tataranni è tornata

 
Sanità
San Giovanni Rotondo, bimba di 18 mesi salva dopo un intervento al cervello

San Giovanni Rotondo, bimba di 18 mesi salva dopo un intervento al cervello

 
Guardia di Finanza
Gravina, in casa antichi reperti archeologici: sequestrati

Gravina, in casa antichi reperti archeologici: sequestrati

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeCovid
Puglia, riunione d'urgenza per fronteggiare la variante indiana

Puglia, riunione d'urgenza per fronteggiare la variante indiana

 
LecceIl blitz
Carmiano, Faider fiuta la droga e scattano due arresti

Carmiano, Faider fiuta la droga e scattano due arresti

 
PotenzaMobilità
Potenza, verifiche sul Ponte Musmeci, traffico deviato

Potenza, verifiche sul Ponte Musmeci, traffico deviato

 
BariL'iniziativa
Bari, al via i lavori per il parchetto dei cani

Bari, al via i lavori per il parchetto dei cani

 
PotenzaL'emergenza
Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

 
Foggiail processo
Ucciso durante una rapina: Regione Puglia e associazione Panunzio parti civili

Ucciso durante una rapina: Regione Puglia e associazione Panunzio parti civili - Il 17enne confessa: «Non volevo ucciderlo»

 
BatGiustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
TarantoMonitoraggio
Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

 

i più letti

L'allestimento

Bari, a Santa Scolastica tesori in vetrina

A giugno torneranno fruibili i nuovi spazi allestiti nel museo archeologico

Bari - Eccolo, il prossimo, imminente regalo della Puglia in «zona gialla»: il museo e l'area archeologica di Santa Scolastica verranno restituiti ai baresi, più belli e più «ricchi» di prima. Ancora: gli imponenti lavori di completamento, restauro e valorizzazione rientrano in un progetto più ampio e articolato per il museo che fu istituito dalla deputazione Provinciale nel  1875 come un piccolo nucleo di reperti raccolti dal professor  Nitto De Rossi  nell’ istituto Tecnico di Bari. Al pubblico, il museo fu aperto nel 1890 nella sede del palazzo Ateneo dove è rimasto sino all’anno 2000. E nel 2001 le collezioni sono state trasferite nel complesso di  Santa Scolastica, nel cuore della città vecchia, imponente struttura militare difensiva del XVI secolo che rappresenta la porta d’ingresso a Barivecchia. 

L’ultimo tramezzo è stato demolito i primi di aprile ed ha rappresentato il passaggio per l’apertura della nuova esposizione permanente del museo archeologico di Bari. Un lavoro congiunto che ha visto l’impegno di Città metropolitana, Segretariato Regionale del ministero della Cultura per la Puglia e Soprintendenza archeologica Belle Arti e Paesaggio per la Città metropolitana per un museo che già custodisce una ampia ed articolata collezione archeologica preistorica, greca, latina, bizantina, medievale e moderna. Mercoledì il sindaco Antonio Decaro e il segretario regionale del ministero della Cultura per la Puglia, Maria Piccarreta, alla presenza del consigliere metropolitano delegato a Cultura, Musei, Biblioteca, Francesca Pietroforte, hanno firmato il verbale di consegna.

Il prossimo passo, dunque, è l’allestimento delle vetrine con i reperti che raccontano la storia della Terra di Bari, perché, dopo molti anni, la città ritrovi un luogo ricco di fascino e di cultura. Il progetto ha dunque previsto la destinazione del museo archeologico, di proprietà della Città metropolitana di Bari, negli spazi dell’ex Convento. Intanto è stato completato l’allestimento del percorso di visita al piano terra e al primo piano. I lavori, tempo due settimane saranno finiti. Poi si procederà con l’allestimento delle vetrine, cominciato ieri come si vede dalle foto. Dal nuovo ingresso su via Venezia, si accede al Museo accolti da una nuova reception corredata di book shop. Attraversando il vasto parlatorio del convento, che ha mantenuto l’originaria pavimentazione in selciato, si accede alle nuove sezioni espositive del Museo. La sala 1 a piano terra, «Iapigi e greci nella Puglia antica», ospita tre distinte sezioni, rispettivamente dedicate alle tre culture indigene attestate nella Puglia antica, quella peucezia, quella messapica e quella daunia.

La sala 2, sempre a piano terra, è dedicata alla «collezione Polese»: espone una selezione dei materiali un tempo esposti nel grande salone del museo archeologico a palazzo Ateneo e che appartengono ai vecchi fondi del Museo. La collezione Polese, acquistata dal museo nel 1925, è composta da circa 2000 pezzi in gran parte rinvenuti durante i lavori di costruzione della linea ferroviaria Bari-Taranto, soprattutto nella città di Bari e nella zona di Monte Sannace, a Gioia del Colle. Due ampie sale, la 1 e la 2 al primo piano, sono dedicate alla «Preistoria e protostoria della Puglia centrale». La sala 3 del primo piano è dedicata ai Peucezi, antiche genti di Puglia: dal VII al III sec.a.C. ossia sino agli esordi della romanizzazione. Il piano superiore sarà un cantiere aperto al quale verrà consentita la fruibilità del visitatore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie