Sabato 20 Ottobre 2018 | 20:59

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Tempesta in arrivo sui cieli di Sydney

Tempesta in arrivo sui cieli di Sydney

 
ROMA
Aperti i seggi elettorali in Afghanistan

Aperti i seggi elettorali in Afghanistan

 
ROMA
Dolore parenti vittime per incidente treno a Amritsar, India

Dolore parenti vittime per incidente treno a Amritsar, ...

 
Ombrelli rosa a sostegno della lotta al cancro ad Avila

Ombrelli rosa a sostegno della lotta al cancro ad Avila

 
Un campo di senapa bianca in fiore, Ungheria

Un campo di senapa bianca in fiore, Ungheria

 
Migranti Honduras attraversano fiume Suchiate, Guatemala

Migranti Honduras attraversano fiume Suchiate, Guatemal...

 
Il Dussehra festival a Dharamsala, in India

Il Dussehra festival a Dharamsala, in India

 
Creazione di Carla Fernandez al museo V & A di Londra

Creazione di Carla Fernandez al museo V & A di Londra

 
Protesta lavoratori Alcoa per chiusura stabilimento, Spagna

Protesta lavoratori Alcoa per chiusura stabilimento, Sp...

 
Cristina Ferreira al Portugal Fashion Week

Cristina Ferreira al Portugal Fashion Week

 
Un posto di blocco a Helmand

Un posto di blocco a Helmand

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Faida garganica

Vieste, 25enne freddato a colpi di kalashnikov sotto casa

Ottavo omicidio in tre anni, il secondo in poche settimane. Vieste ormai è diventata una polveriera

VIESTE - Ottavo omicidio in tre anni, il secondo in poche settimane. Vieste ormai è diventata una polveriera. L'ultimo delitto risale a mercoledì sera quando un il 25enne Antonio Fabbiano, è stato ucciso in serata a tarda ora da persone non ancora identificate mentre era davanti alla sua abitazione, in via Tripoli. Fabbiano, che, a quanto si è saputo, era legato al clan di Marco Raduano (il boss scampato a un agguato a colpi di mitra un mese fa), è stato investito da una pioggia di fuoco: i sicari, almeno due, avrebbero utilizzato due armi, un fucile kalashnikov e una pistola (trovati una ventina di bossoli).

Il giovane, ferito all'addome e all'inguine, a cause delle condizioni, apparse subito gravi, è stato trasportato presso la Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, dove è morto poche ore dopo.

L’agguato - secondo gli investigatori - sarebbe avvenuto nell’ambito della sanguinosa guerra di mafia che da anni si sta consumando tra due clan il lotta per il controllo del traffico di droga. Sull'omicidio indagano i carabinieri del Comando provinciale di Foggia: nella zona, non ci sarebbero telecamere di sorveglianza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400