Lunedì 27 Settembre 2021 | 16:00

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Le foto

Basilicata zona gialla: a Matera locali aperti e gente in giro

Primo giorno di cambio 'colore' per la regione

Da oggi la Basilicata torna ad essere «zona gialla», dopo che dallo scorso 11 novembre, per l’aumento dei contagi, è stata «zona arancione». Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha, infatti, firmato nella tarda serata di venerdì l’ordinanza che segna il passaggio nella «zona gialla» non solo della Basilicata ma anche della Lombardia, del Piemonte e della Calabria. La decisione è stata presa dopo il confronto con gli esperti dell’Istituto superiore di sanità e del Comitato tecnico scientifico sulla base dei risultati del monitoraggio riferito all’evoluzione della pandemia nell’ultima settimana, cioè dal 30 novembre al 6 dicembre. E proprio in base a questi dati la Basilicata è stata classificata a basso rischio, con un indice di contagiosità (Rt) che è risultato il più basso d’Italia e che si attesta sullo 0,66. A testimoniare il forte calo della curva di contagi basti pensare che solo lo scorso 20 novembre la Basilicata era la regione con il più alto Rt d’Italia che sfiorava il 2 per cento, per la precisione l’1,99. Per quanto riguarda la percentuale di incidenza, il dato della Basilicata, 137, 72 ogni centomila abitanti, è nettamente inferiore a quello della media nazionale che invece è di oltre il 193 per cento.

Gli altri parametri che hanno contribuito ad accelerare il passaggio alla «zona gialla» sono quelli relativi al numero dei focolai e alla tenuta del sistema ospedaliero. In Basilicata ci sono 14 persone in totale nelle terapie intensive e il numero complessivo dei ricoverati nei due ospedali di Potenza e Matera è attualmente di 128. Il che significa che è occupato il 17 per cento dei posti Covid in terapia intensiva e il 26 per centro negli altri reparti. Percentuali di gran lunga inferiori alla soglia limite del 30 per cento fissata dalla «Cabina di regia», il gruppo guidato dall’Istituto superiore di sanità che ogni settimana esegue il monitoraggio sull’andamento della pandemia. Il presidente della Regione, Vito Bardi, ha sostenuto che il passaggio alla «zona gialla» «è un traguardo raggiunto grazie alla misure messe in campo dalla Regione e al comportamento responsabile dei lucani». E per non vanificare questo risultato positivo il governatore ha fatto appello al senso di responsabilità dei lucani e ha sostenuto che occorre continuare a rispettare le regole e tenere alta la guardia.

Per quanto riguarda poi i dati del bollettino reso noto ieri dalla task force regionale, i nuovi positivi sono in tutto 102, dei quali 83 lucani, su 1.104 tamponi analizzati nella giornata di venerdì. Dopo i giorni scorsi caratterizzati da un numero considerevole di persone decedute, ieri c’è stata una sola vittima: una 92 enne di Abriola ricoverata all’ex «don Uva» di Potenza. Calano di tre unità i pazienti ricoverati che passano da 131 a 128 e continuano ad aumentare i guariti. Nel bollettino di ieri ne vengono conteggiati 53 che portano il numero totale delle persone uscite dall’incubo del Covid a 2.848, mentre il computo dei lucani attualmente positivi si attesta a 6.079. Intanto, mentre in diversi Comuni ci si attrezza per eseguire test anche in vista dei rientri per le festività natalizie continuano gli screening a tappeto in diversi centri.

(foto Genovese)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie