Martedì 15 Giugno 2021 | 17:10

Il Biancorosso

Biancorossi
Il Bari va in pressing su Mignani: l'ex Modena scelto da Polito

Il Bari va in pressing su Mignani: l'ex Modena scelto da Polito

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela tragedia
Lecce, detenuto morto in carcere. È suicidio?

Lecce, detenuto morto in carcere. È suicidio?

 
FoggiaIl caso
Azienda edile intimidita con cartucce e liquido infiammabile, il sindaco di Monte Sant'Angelo dice basta

Azienda edile intimidita con cartucce e liquido infiammabile, il sindaco di Monte Sant'Angelo dice basta

 
PotenzaLotta al Covid
Basilicata, in arrivo 5880 dosi Pfizer extra per i fragili

Basilicata, in arrivo 5880 dosi Pfizer extra per i fragili

 
TarantoDroga
Taranto, due arresti per spaccio

Taranto, due arresti per spaccio

 
Materala vicenda
Truffa dell'arrotino, una denuncia a Matera

Truffa dell'arrotino, una denuncia a Matera

 
BatNella Bat
Bisceglie, spacciano droga in casa: arrestati due giovani, sequestrato mezzo kg di cocaina

Bisceglie, spacciano droga in casa: arrestati due giovani, sequestrato mezzo kg di cocaina

 
BrindisiIl virus
Covid 19, a Brindisi due casi accertati di variante indiana

Covid 19, a Brindisi due casi accertati di variante indiana

 

i più letti

Xylella, contro il decreto Martina protesta associazioni dinanzi sede Rai di Bari

Contrari all'uso di pesticidi per contrastare la sputacchina vettore della xylella che sta uccidendo gli ulivi salentini, questa mattina un gruppo di associazioni hanno manifestato la loro contrarietà dinanzi alla sede Rai di Bari

Chiedono di fermare gli abbattimenti degli ulivi e di ogni albero nel raggio di 100 metri dalle piante infette da Xylella e l’uso obbligatorio di pesticidi, «compresi i neonicotinoidi, prodotti neurotossici dannosi per l'ambiente e pericolosi per la salute che l’Ue ha recentemente messo al bando». Per questo il comitato per la salvaguardia dell’ambiente e del territorio della Valle d’Itria e il 'Popolo degli Ulivi' hanno manifestato oggi a Bari contro il decreto Martina.
Il corteo si è fermato davanti alla sede Rai della Puglia per chiedere «un’informazione corretta e libera»; davanti alla Regione Puglia per ottenere la pubblicazione «delle sperimentazioni finanziate con bandi regionali» che «dimostrano la ripresa vegetativa e ritorno allo stato produttivo» degli ulivi delle zone infette, e davanti alla Prefettura per chiedere «di inoltrare al Viminale e al Consiglio dei Ministri la richiesta, supportata da dati scientifici in campo agrario, ambientale e medico, di abrogazione del decreto Martina».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie