Venerdì 18 Giugno 2021 | 16:35

NEWS DALLA SEZIONE

Giustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
l'appello
Bari, «I medici accanto a studenti e docenti»

Bari, «I medici accanto a studenti e docenti»

 
formazione
I giovani e il lavoro dopo la laurea: il Politecnico di Bari sopra la media Italia

I giovani e il lavoro dopo la laurea: il Politecnico di Bari sopra la media Italia

 
Il caso
Bari, ospedale in Fiera, 500 ricoveri in 3 mesi

Bari, ospedale in Fiera, 500 ricoveri in 3 mesi

 
L'arresto
Bari, maltratta la compagna: fugge ma viene arrestato

Bari, maltratta la compagna: fugge ma viene arrestato

 
Il fatto
Bitonto, sequestro ad imprenditore che imponeva a ditte edili lavori in subappalto

Lavori in subappalto ad imprese edili,  sequestro di beni ad imprenditore bitontino

 
Diritti
Bari si mobilita per la Giornata mondiale del Rifugiato

Bari si mobilita per la Giornata mondiale del Rifugiato

 
Il fatto
Monopoli, nasconde droga nel manichino ma i carabinieri lo arrestano

Monopoli, nasconde droga nel manichino ma i carabinieri lo arrestano

 
Formazione
UniSalento, Ingegneria Civile torna a respirare in cantiere

UniSalento, Ingegneria Civile torna a respirare in cantiere

 
L'emergenza
Carceri: sit-in penitenziari a Bari, «grave carenza agenti»

Carceri: sit-in penitenziari a Bari, «grave carenza agenti»

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl Bollettino
Potenza, 14 positivi su 660 tamponi esaminati

Potenza, 14 positivi su 660 tamponi esaminati

 
LecceLa tragedia
Surbo, intrappolato tra le fiamme: muore 64enne

Surbo, intrappolato tra le fiamme: muore 64enne

 
BatGiustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
BatLa curiosità
Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

 
MateraIl caso
Matera, donna di 90 anni truffata dal finto nipote del cuore

Matera, donna di 90 anni truffata dal finto nipote del cuore

 
FoggiaLa storia
Foggia, poliziotto accompagna all'altare una nigeriana che salvò 23 anni fa

Foggia, poliziotto accompagna all'altare una nigeriana che salvò 23 anni fa

 
Brindisinel brindisino
Oria, furgone in retromarcia senza freni: tragedia sfiorata

Oria, furgone in retromarcia senza freni: tragedia sfiorata

 
TarantoMonitoraggio
Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

 

i più letti

La storia

Bari, il grande cuore del Batman adelfiese Giuseppe Bruno

Con grande simpatia e benevolenza è riuscito a far divertire i bambini durante il lockdown

Bitonto - Un supereroe come antidoto alla pandemia e alle angosce che ne conseguono. Parliamo di Batman, l’uomo-pipistrello, in grado di combattere il Covid e molte altre malattie con i suoi superpoteri. Meglio di qualunque vaccino, meglio di qualsiasi farmaco.

Nei panni del personaggio c’è Giuseppe Bruno, 55 anni, adelfiese, dipendente di un’impresa di pulizie, sposato e padre di due figli già grandi. In questi mesi difficili in molti lo hanno ammirato nelle performance andate in scena ad Adelfia, Bitritto, Bari, Bitonto e non solo. Solitamente arriva in monopattino e dà spettacolo, a fin di bene. Tanti astanti hanno sorriso stupefatti alle sue incursioni, soprattutto quelli che di sorridere inteoria non avevano alcun motivo.
Durante il lockdown, il nostro Batman distribuiva un pizzico di buonumore negli adulti, infondendo speranza e allegria nei più piccoli.

Giuseppe Bruno è «figlio d’arte», per così dire. Negli anni ‘70 suo padre si vestiva da Babbo Natale e portava i doni ai bambini riscuotendo un enorme successo.

Poi ha ceduto il testimone a suo figlio. Il quale avvia egli stesso una carriera di trasformista, elaborando e arricchendo il personaggio di Santa Claus con tanto di slitta e renne che lo trainano. Pian piano allarga la sua squadra di «alias» e, in una specie di viaggio nella macchina del tempo, giunge a impersonare i protagonisti della storia romana, da Cesare ad Antonio all’imperatore Augusto.

Entra a far parte di un’associazione con base proprio nella capitale e, forte di un repertorio sempre più vasto, si esibisce in parecchie parti d’Italia e anche nel Sud della Francia. Poi la svolta.

Ce la racconta in prima persona, con il linguaggio della fantasia amato dai più piccini: «Babbo Natale incontra Batman e gli dice che nel periodo della pandemia i bambini non possono uscire di casa e nemmeno andare a scuola», racconta. I più piccoli in effetti sono molto tristi. Serve un supereroe. Batman fa al caso. Diventa la figura che annuncia la speranza che un giorno tutto questo finirà. Che un giorno i bambini potranno andare al mare come tutte le estati.

Il supereroe «fatto in casa» ormai dilaga sui social. In un video, un bambino dal finestrino di un’auto grida: «Batman salvaci tu. E il supereroe rassicura che tutto andrà bene e però raccomanda di mantenere le distanze, di lavarsi spesso le mani e di indossare sempre la mascherina.

«I bambini di intere scolaresche esplodono letteralmente di gioia quando arriva Batman», racconta con un pizzico di orgoglio. Bruno comincia a esportare il suo personaggio fuori dalle mura adelfiesi. Giunge sul lungomare del capoluogo, sulla spiaggia di Pane e Pomodoro, dove i passanti e i primi bagnanti lo vedono sfrecciare a bordo del suo monopattino, ovviamente «super». Ormai lo conoscono tutti, a Bari e provincia.

Un giorno organizza un «blitz» e attraversa le strade principali di Bitritto dove dai balconi, in pieno lockdown, decine di bambini con i loro genitori, urlano il loro auspicio: «Batman, salvaci tu». È il periodo più nero della pandemia, la cittadina piange i suoi morti dovuti a un focolaio che sembra inarrestabile. Nessuno può e deve circolare in strada, Bitritto è blindata come del resto tutta la nazione.

Una pattuglia delle forze dell’ordine lo ferma e gli commina una contravvenzione. Qui si verifica un miracolo, quasi. I genitori dei bambini bitrittesi insorgono a difesa dell’uomo mascherato, organizzano una colletta con cui mettono insieme 1.500 euro. La multa, 280 euro, viene regolarmente pagata ma il resto del danaro viene donato alle famiglie di due bambini gravemente ammalati, bisognosi di cure costose. Ecco, la missione di Batman si allarga. Con la forza evocativa del suo personaggio, sempre più spesso si dedica a cause nobili. Di tanto in tanto in queste operazioni-solidarietà lo affianca il suo «nemico» storico, Joker, sotto la cui parrucca scorgiamo un concittadino, Gianluca Fiore, operaio in un’azienda di imballaggi. L’unione più che mai fa la forza, in questi casi.

Batman-Bruno si congeda: «Oggi saluto con affetto i Carabinieri di Bitritto che giustamente mi multarono. A loro mi legano amicizia e rispetto per il lavoro che svolgono». L’uomo mascherato non si ferma. Giovedì, 10 giugno, sarà ospite al Comune di Bitonto dove il sindaco, Michele Abbaticchio, sta pensando a uno spettacolo per bambini. E i soliti bene informati giurano che la pattuglia dei supereroi si sta allargando con Spiderman, Robin, Superman e tanti altri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie