Mercoledì 17 Ottobre 2018 | 14:29

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Tatuaggi e rischio tumori

Salute & Benessere

Nicola Simonetti

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

I tatuaggi possono causare tumori. Un recente studio (Sci Rep online 2017) dimostra che i pigmenti impiegati nell’inchiostro da tatuaggio migrano sino ai linfonodi causandone ingrossamento cronico. 

Secondo Hiram Castillo Michel della European Synchotron Radiation Facility di Grenoble, le infezioni cutanee sono comuni effetti collaterali dei tatuaggi, e spesso provocano granulomi ed allergie, che compaiono direttamente nell’area tatuata.

L’inchiostro impiegato nei tatuaggi in genere contiene pigmenti organici, ma può includere anche nickel, cromo, manganese, cobalto o diossido di titanio, alcuni dei quali sono considerati cancerogeni o sensibilizzanti, e sono potenzialmente pericolosi per la salute.

Per dimostrare inconfutabilmente il rapporto tatuaggi-tumori sono  necessarie ulteriori indagini ma il sospetto rimane molto forte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400