Lunedì 13 Luglio 2020 | 10:45

NEWS DALLA SEZIONE

Un modello di sviluppo territoriale
Progresso turistico per comunità più floride

Progresso turistico per comunità più floride

 
TECNONIDI: incontro virtuale il 2 luglio alle 17
Innovazione e coesione: un binomio vincente

Innovazione e coesione: un binomio vincente

 
Quando è il teatro ad infondere nuove speranze
Sebastiano Somma e la “prima” al Teatro di Tor Bella Monaca

Sebastiano Somma e la “prima” al Teatro di Tor Bella Monaca

 
Declamava la Divina Commedia in siciliano
il professore Pino Leuci

Pino Leuci: umiltà e scienza al servizio della comunità

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari cerca una notte rock nel labirinto dei playoff

Bari cerca una notte rock nel labirinto dei playoff

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiamercato
spesa del contadino»

Foggia ancora città «low cost»: il 7% in meno sugli alimentari

 
TarantoIl caso
Crispiano, Ippoterapia scomparsi due cavalli

Crispiano, scomparsi due cavalli per l'ippoterapia, sospetto furto

 
Materain zona san pardo
Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

 
BrindisiTrasporti
Brindisi, «Disservizi per navi e passeggeri. Si apra tavolo di concertazione»

Brindisi, stagione crocieristica: dopo luglio cancellati anche attracchi di agosto

 
Leccebatterio Killer
Il secolare “albero del diavolo”

Salice Salentino, il secolare “albero del diavolo” ucciso dalla Xylella dopo 400 anni

 
Barigiornali e caffè
Gioia del Colle, il barista camerunense confessa «Senza la Gazzetta non so stare»

Gioia del Colle, il barista camerunense confessa: «Senza la Gazzetta non so stare»

 
Potenzanel Potentino
Venosa, carabinieri smantellano piazza di spaccio: 4 arresti

Venosa, carabinieri smantellano piazza di spaccio: 4 arresti. Pusher anche davanti alle scuole

 

i più letti

Quando è il teatro ad infondere nuove speranze

Sebastiano Somma e la “prima” al Teatro di Tor Bella Monaca

L'eco dell'ambiente

Federica Marangio

Federica Marangio

Uno spazio per stimolare la conversazione con i cittadini sull'eco dell’ambiente nella nostra salute. Commenti e opinioni a federicamarangio@gmail.com

Sebastiano Somma e la “prima” al Teatro di Tor Bella Monaca

“C’è una regola antica nel teatro. Quando hai concluso non c’è bisogno che tu dica altra parola. Saluta e pensa che quella gente, se tu l’hai accontentata nei sentimenti e nel pensiero ti sarà riconoscente”. Lo diceva spesso Dario Fo e deve essersi sentita proprio “riconoscente” e grata la gente che ha occupato le sedute del Teatro di Tor Bella Monaca, Roma, per la “prima” dopo un domicilio coatto gravoso e opprimente. Rispettando le misure precauzionali che prevedevano il dispenser di gel igienizzante, il termoscanner all’ingresso e una autodichiarazione di buona salute, su 280 posti a sedere, 70 sono stati gli eletti per una serata ricca di suggestioni, in cui pareva il primo giorno di scuola con quel misto di trepidazione, paura e attesa. Il reading teatrale per la regia di Sebastiano Somma, con adattamento di Lucilio Santoni, vanta tra gli attori, oltre allo stesso Somma, la figlia Cartisia Josephine e al violino il maestro Riccardo Bonaccini. Stimatissimo nel suo ambiente, Bonaccini nella sua carriera ha accompagnato, tra gli altri, il violinista Uto Ughi.

Tornare in teatro con un lavoro come “Il vecchio e il mare” di E. Hemingway offre un’ulteriore riflessione sul momento storico appena vissuto. Le similitudini non si contano, la solitudine, la sconfitta e la rinascita. Scorgere pur nelle difficoltà la forza di andare avanti attraverso un legame che restituisce la voglia di vivere è solo una delle innumerevoli analogie, ma è anche l’assioma del post-Covid. Ripartire dal teatro attenendosi alle misure di sicurezza è una necessità per tanti italiani che confidano nell’arte della satira per evadere dalla quotidianità. E non serve ricorrere a Fo, per comprendere il valore del teatro e di ciò che significa scegliere la storia da gustare, lontano dai rumori della città.

La produzione dello spettacolo è di Liberato Santarpino, Associazione Orchestra da Camera della Campania che replicherà nelle Marche nel mese di luglio. La produzione è la stessa che ha siglato alcuni precedenti lavori di Somma, come “Lucio incontra Lucio” e “Matilde Neruda”. Insomma, a cinque giorni dal solstizio d’estate, l’intuizione di Sebastiano Somma è di lanciare una speranza, dedicando, in occasione della riapertura dei teatri, una serata al desiderio di riprendere in mano la propria vita, assaporandone le asperità che, come nel romanzo breve di Hemingway, conducono alla primavera di un uomo che “può essere distrutto, ma non può essere sconfitto”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie