Giovedì 25 Febbraio 2021 | 12:33

NEWS DALLA SEZIONE

il progetto
AIESEC … Per uscire dalla propria zona di comfort

In viaggio con Aiesec, tra volontariato internazionale e nuove esperienze

 
La fortuna
Dalla dea bendata ai giorni nostri

Dalla «dea bendata» ai giorni nostri

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraGdF
Matera, ha fatto fallire 5 società: arrestato imprenditore

Matera, ha fatto fallire 5 società: arrestato imprenditore

 
Tarantoguardia di finanza
Truffa gasolio a Taranto; sequestrati 2 mln di beni a 5 imprese

Truffa gasolio a Taranto; sequestrati 2 mln di beni a 5 imprese

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
Barinel Barese
Gravina, fidanzamento osteggiato dalle famiglie sfocia in una rissa in strada: 4 arresti

Gravina, fidanzamento osteggiato dalle famiglie sfocia in una rissa in strada: 4 arresti

 
FoggiaI fatti a settembre
Foggia, tabaccaio ucciso durante rapina: 5 persone arrestate dopo 5 mesi

Foggia, tabaccaio ucciso in rapina: 5 persone arrestate dopo 5 mesi, anche un minore VD

 
LecceL'incidente
Auto travolge bici: muore ciclista 45enne in Salento

Auto travolge bici: muore ciclista 45enne in Salento

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

Quando è il teatro ad infondere nuove speranze

Sebastiano Somma e la “prima” al Teatro di Tor Bella Monaca

L'eco dell'ambiente

Federica Marangio

Federica Marangio

Uno spazio per stimolare la conversazione con i cittadini sull'eco dell’ambiente nella nostra salute. Commenti e opinioni a federicamarangio@gmail.com

Sebastiano Somma e la “prima” al Teatro di Tor Bella Monaca

“C’è una regola antica nel teatro. Quando hai concluso non c’è bisogno che tu dica altra parola. Saluta e pensa che quella gente, se tu l’hai accontentata nei sentimenti e nel pensiero ti sarà riconoscente”. Lo diceva spesso Dario Fo e deve essersi sentita proprio “riconoscente” e grata la gente che ha occupato le sedute del Teatro di Tor Bella Monaca, Roma, per la “prima” dopo un domicilio coatto gravoso e opprimente. Rispettando le misure precauzionali che prevedevano il dispenser di gel igienizzante, il termoscanner all’ingresso e una autodichiarazione di buona salute, su 280 posti a sedere, 70 sono stati gli eletti per una serata ricca di suggestioni, in cui pareva il primo giorno di scuola con quel misto di trepidazione, paura e attesa. Il reading teatrale per la regia di Sebastiano Somma, con adattamento di Lucilio Santoni, vanta tra gli attori, oltre allo stesso Somma, la figlia Cartisia Josephine e al violino il maestro Riccardo Bonaccini. Stimatissimo nel suo ambiente, Bonaccini nella sua carriera ha accompagnato, tra gli altri, il violinista Uto Ughi.

Tornare in teatro con un lavoro come “Il vecchio e il mare” di E. Hemingway offre un’ulteriore riflessione sul momento storico appena vissuto. Le similitudini non si contano, la solitudine, la sconfitta e la rinascita. Scorgere pur nelle difficoltà la forza di andare avanti attraverso un legame che restituisce la voglia di vivere è solo una delle innumerevoli analogie, ma è anche l’assioma del post-Covid. Ripartire dal teatro attenendosi alle misure di sicurezza è una necessità per tanti italiani che confidano nell’arte della satira per evadere dalla quotidianità. E non serve ricorrere a Fo, per comprendere il valore del teatro e di ciò che significa scegliere la storia da gustare, lontano dai rumori della città.

La produzione dello spettacolo è di Liberato Santarpino, Associazione Orchestra da Camera della Campania che replicherà nelle Marche nel mese di luglio. La produzione è la stessa che ha siglato alcuni precedenti lavori di Somma, come “Lucio incontra Lucio” e “Matilde Neruda”. Insomma, a cinque giorni dal solstizio d’estate, l’intuizione di Sebastiano Somma è di lanciare una speranza, dedicando, in occasione della riapertura dei teatri, una serata al desiderio di riprendere in mano la propria vita, assaporandone le asperità che, come nel romanzo breve di Hemingway, conducono alla primavera di un uomo che “può essere distrutto, ma non può essere sconfitto”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie