Lunedì 30 Marzo 2020 | 22:28

NEWS DALLA SEZIONE

I dati
Coronavirus: il particolato atmosferico accelera la diffusione dell'infezione

Coronavirus: il particolato atmosferico accelera la diffusione dell'infezione

 
AVIS: Donazioni record a San Pancrazio
E domani si bissa a Latiano, Oria e San Michele

E domani si bissa a Latiano, Oria e San Michele

 
Fibromi uterini: 1 donna su 3 ne è affetta
C’è correlazione fra micro inquinanti plastici e sviluppo di fibromi

C’è correlazione fra micro inquinanti plastici e sviluppo di fibromi

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl virus
Covid 19, focolaio in casa di riposo «Nuova Fenice» di Noicattaro: 25 contagi

Covid 19, focolaio in casa di riposo «Nuova Fenice» di Noicattaro: 25 contagiati 

 
TarantoIl caso
Arcelor Mittal, Usb denuncia: «A Taranto alto rischio contagio, azienda sorda»

Arcelor Mittal, Usb denuncia: «A Taranto alto rischio contagio, azienda sorda»

 
BrindisiIl focolaio
Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi»

Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi». 25 contagi anche a Noicattaro

 
PotenzaLieto fine
Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

 
Homeemergenza coronavirus
Soleto, focolaio contagio in casa di riposo: altri 2 anziani morti

Soleto, focolaio in casa di riposo: altri 2 anziani contagiati morti

 
Materaspeculazione
Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

 
Foggiala decisione
Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

 
Batemergenza coronavirus
Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

 

i più letti

L'intervista

Coronavirus, parla Susanna Esposito presidente infettivologi WAidid: «Ecco come difendersi»

La parola alla presidente dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici. Popolazione suscettibile al virus 100%, probabilità di morte 2,7%

L'eco dell'ambiente

Federica Marangio

Federica Marangio

Uno spazio per stimolare la conversazione con i cittadini sull'eco dell’ambiente nella nostra salute. Commenti e opinioni a federicamarangio@gmail.com

Coronavirus: la parola a Susanna Esposito, Presidente dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (WAidid).

È emergenza sanitaria mondiale. Lo dichiara l’OMS. L’Italia, uno dei paesi all’avanguardia per il monitoraggio delle infezioni, ha affidato la gestione dello stato d’emergenza al capo della Protezione Civile, Antonio Borrelli, stanziando 5 milioni di euro. Per un quadro completo sul virus “2019-n-CoV”, meglio noto come Coronavirus, abbiamo intervistato Susanna Esposito, professore ordinario di Pediatria all’Università di Parma e direttore della Clinica Pediatrica all’Ospedale Pietro Barilla dell’Azienda Ospedaliera-Universitaria di Parma, nonché Presidente dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (WAidid). Dall’inizio del secolo questa è la terza epidemia, dopo la SARS e la MERS.

Professoressa, è forte il rischio di un’epidemia o si stanno creando falsi allarmismi? Il morbillo è davvero più pericoloso?
È vero che l’influenza causa più morti dell’infezione da Coronavirus, ma la popolazione è suscettibile a questo agente infettivo, in quanto sconosciuto, al 100%, ma la probabilità di morte è pari al 2,7%. È fondamentale un atteggiamento precauzionale per evitare il rischio di pandemia. Non esiste ad oggi una terapia antivirale efficace o un vaccino specifico che possa combattere l’infezione, ma il Paese deve rimanere unito, garantendo un approccio univoco in tutte le Regioni di Italia con l’obiettivo di contenere il contagio attraverso misure preventive. Falsi allarmismi da una parte o eccessiva superficialità dall’altra sono da bandire. Il lavoro degli ospedali deve essere perfettamente integrato con il territorio, fornendo indicazioni nazionali precise. Un soggetto che presenta sintomi respiratori, febbre, tosse e catarro, e che nelle ultime due settimane non si è recato in Cina e non è entrato in contatto con un paziente contagiato, non ha motivo di preoccuparsi e presentarsi al Pronto Soccorso chiedendo l’esecuzione di test virologici specifici. Le Unità di Crisi allertate devono essere dedicate a divulgare informazioni corrette per evitare il dilagarsi del panico. 

Quali precauzioni possono essere applicate dagli italiani per limitare la diffusione del virus?Non si ravvisa la necessità di indossare mascherine di alcun tipo in assenza di malattia. Prioritario rimane assicurarsi una costante igiene delle mani per le malattie a trasmissione respiratoria o per contatto diretto. Intendo sottolineare che non vanno in alcun modo discriminate le popolazioni asiatiche perché i cinesi residenti nel nostro Paese che non si sono recati in Cina nelle ultime due settimane non sono potenziali vettori di infezione da Coronavirus né tantomeno il cibo cinese è in grado di trasmettere l’infezione.

Quali sono i pazienti esposti a maggiore rischio?
Tutti possono acquisire questa infezione, ma verosimilmente categorie con patologie respiratorie croniche, insufficienza di organo o soggetti immuno-compromessi come anche gli anziani e i bambini nei primi anni di vita, hanno un rischio più elevato di mortalità rispetto alla popolazione generale.

A proposito di bambini…
È interessante approfondire i dati dell’infezione in soggetti in età pediatrica, in quanto il numero dei bambini infetti in Cina è molto modesto.

Come si spiega questo, professoressa Esposito?
Probabilmente i bambini sono più spesso esposti a malattie respiratorie che a volte passano inosservate e, non accedendo al Pronto Soccorso accusando una sintomatologia lieve, risolvono il caso a domicilio. Un’altra ipotesi potrebbe essere che il sistema immunitario dei bambini, infettandosi nei primi anni di vita con altri virus, in un certo senso riconosce il Coronavirus, avendo una risposta immunitaria crociata – gli anticorpi diretti verso altri virus sono in grado di combattere il Coronavirus – .

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie