Cerca

Giovedì 24 Maggio 2018 | 13:26

l'intimidazione

Tre colpi di pistola a Leporano
contro l'abitazione del sindaco

Al vaglio dei carabinieri le immagini della videosorveglianza

Tre colpi di pistola a Leporano  contro l'abitazione del sindaco

di Mimmo Mazza

TARANTO - Tre colpi di pistola. Probabilmente di piccolo calibro o esplosi con un’arma ad aria compressa. Tre colpi di pistola scoperti ieri pomeriggio per caso e forse risalenti chissà a quanto tempo fa, considerato che nessuno - né i destinatari, né i vicini - ha sentito il rumore degli spari o ricorda di averlo fatto di recente. Tre colpi di pistola che fanno ulteriormente salire la tensione a Leporano dove questa volta a finire nel mirino della mala è stato addirittura il sindaco Angelo D’Abramo, dall’aprile del 2015 alla guida del paese di 8mila abitanti a una ventina di chilometri da Taranto.

È stato un familiare di D’Abramo ad accorgersi ieri pomeriggio che c’era qualcosa che non andava sul cancelletto rosso dell’abitazione del primo cittadino che si affaccia su via Salvo D’Acquisto, proprio di fronte all’ufficio postale. D’Abramo è sceso così in strada ed ha visto sul cancelletto carrabile tre fori, o meglio tre nitide impronte simili alle ogive. Ha così chiamato i Carabinieri della locale stazione che, guidati dal comandante Mario Tomasi, si sono recati sul posto per un sopralluogo, allertando intanto i militari della Compagnia di Taranto.

Fatti i rilievi del caso e sentiti i vicini di casa, i Carabinieri hanno iniziato le indagini per risalire all’arma che ha danneggiato il cancelletto dell’abitazione della famiglia del sindaco e individuare il periodo temporale nel quale quel danneggiamento è avvenuto. Il sindaco ha detto di non essersi accorto prima di quelle tre impronte, o almeno di non averci caso a differenza del suo familiare che ieri pomeriggio ha fatto la scoperta.

La collocazione temporale del fatto riveste una importanza non secondaria se si considera che lo scorso 17 gennaio qualcuno ha incendiato l’auto del vicesindaco Iolanda Lotta, una Fiat Panda che era stata parcheggiata nella centralissima via Roma e che fu completamente distrutta dalle fiamme. La stessa Lotta, peraltro, aveva già subito una intimidazione nel giugno del 2016, sempre ai danni della sua auto. C’è un legame tra gli attentati alla Lotta e l’intimidazione al sindaco D’Abramo? Saranno le indagini a stabilirlo nei prossimi giorni, magari anche grazie al meticoloso esame delle immagini riprese dal sistema di videosorveglianza attivo in quella zona del paese.

L’avvento di D’Abramo alla guida del Comune di Leporano fu segnato sia dal primo gesto intimidatorio nei confronti del vicesindaco Lotta che, nella seconda metà del 2015, da una serie di attentati incendiari contro l’azienda che si occupava del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani. Una serie di attentati a cui la giunta rispose con una marcia delle legalità che si svolse il 18 ottobre del 2015 e il cui spirito, evidentemente, è ancora valido considerato quanto è avvenuto in questo primo scorcio del 2017.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

agenzia turistica chiusa a taranto

L’agenzia viaggi non riapre e scattano le denunce

 

Un operaio Ilva scrive a Mattarella: la fabbrica deve cambiare, non siamo assassini

 
Usura e arresti, sei arrestati a Taranto

Usura e truffa, sei arrestati a Taranto

 
stabilimento Ilva

Ilva: trattativa in stallo, per i sindacati si va avanti

 
Taranto, prof picchiato da papàdi alunno che voleva sospendere

Taranto, prof picchiato da papà di alunno: voleva sospenderlo

 
«Forza Nadia», da bimbi Tarantoincoraggiamento per la Toffa

«Forza Nadia», da bimbi Taranto
incoraggiamento per la Toffa

 
Ilva, Arcelor vede sindacati. Si tratta ad oltranza

Ilva, Arcelor vede sindacati. Si tratta ad oltranza

 

MEDIAGALLERY

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

Foggia, rapinatori assaltano farmacia: sequestrati i dipendenti

 
Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

Melfi-Potenza, tragico scontro tra auto e un camion: un morto

 
Blitz a Taranto contro gang di narco rapinatori: «Te lo vuoi fare il dottore?»

Blitz a Taranto, le intercettazioni: «Te lo vuoi fare il dottore?»

 
Rapinatori cantanti incastratida un video su You Tube

Rapinatori cantanti incastrati
da un video su You Tube

 
Emergenza cinghiali a Bari22 catturati e trasferiti in riserva

Emergenza cinghiali a Bari
22 catturati e trasferiti in riserva

 
Restart, così i piatti del futuro di Ladisa  a Bari

Restart, così i piatti del futuro di Ladisa a Bari

 
In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

In due madre e figlio tentarono di uccidere un medico a Foggia: il mandante era il fratello della vittima

 
Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

Cinque spacciatori fermati a Bari, agivano vicino l'Ateneo

 
Molestie su minorenni, polizia arresta 51enne

Molestie su ragazzine, polizia arresta 51enne VIDEO

 

LAGAZZETTA.TV

Mondo TV
Usa: attenti a suoni sospetti in Cina

Usa: attenti a suoni sospetti in Cina

 
Spettacolo TV
I sogni che nascono in Armenia

I sogni che nascono in Armenia

 
Meteo TV
Previsioni meteo per venerdi', 25 maggio 2018

Previsioni meteo per venerdi', 25 maggio 2018

 
Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Italia TV
Dalle 12 le consultazioni con il premier incaricato

Dalle 12 le consultazioni con il premier incaricato

 
Calcio TV
Finito incontro, Ancelotti lascia sede Filmauro

Finito incontro, Ancelotti lascia sede Filmauro

 
Economia TV
Conti Pubblici, Bruxelles promuove l'Italia sul 2017

Conti Pubblici, Bruxelles promuove l'Italia sul 2017

 
Sport TV
Nadal a Roma, Re per l'8/a volta

Nadal a Roma, Re per l'8/a volta