Cerca

Venerdì 20 Ottobre 2017 | 18:14

il documento

Contro la tratta dei migranti
a Potenza firmato protocollo

protocollo a potenza contro tratta migranti

POTENZA - Un protocollo d’intesa «per l'identificazione ed il supporto delle vittime di tratta e sfruttamento all’interno dei percorsi rivolti ai richiedenti asilo» è stato firmato oggi, nella prefettura di Potenza, durante un incontro a cui ha partecipato anche il viceministro dell’Interno, Filippo Bubbico. Il documento è stato sottoscritto dal prefetto di Potenza, Giovanna Cagliostro, e da Don Marcello Cozzi del Cestrim (Centro studi e ricerche sulle realtà meridionali). Il protocollo «mira - è specificato in un comunicato - a sostenere i contenuti del progetto 'Persone, non schiave', che, presentato dal Cestrim alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, è stato ammesso a finanziamento con l'obiettivo, in particolare, di rafforzare le attività di emersione del fenomeno dello sfruttamento sessuale e lavorativo nella regione Basilicata ed a potenziare forme di sostegno e assistenza alle donne vittime di tratta».

Rispondendo alle domande dei giornalisti, Bubbico ha evidenziato che «il nostro Paese è fortemente impegnato a garantire la tutela dei diritti umani: tuttavia l’attenzione deve essere alta. La Presidenza del Consiglio, nell’ambito del Dipartimento pari opportunità - ha aggiunto il viceministro dell’Interno - ha definito un piano di azione e noi interloquiamo costantemente con gli organi internazionali e con quelli dell’Ue proprio per potenziare gli strumenti non solo in ambito nazionale ma anche in ambito europeo perché questo fenomeno possa essere sconfitto».
Secondo Bubbico, «è importante che un protocollo di natura operativa sia stato definito con la prefettura dal momento che i prefetti hanno precise competenze nell’ambito del Piano d’azione nazionale e che i questori hanno strumenti molto efficaci per agire al fine di contrastare questi fenomeni».

L’assessore regionale alle politiche della persona, Flavia Franconi, ha evidenziato che «la Regione Basilicata darà corrispondenza significativa allo sforzo del Governo nazionale sulle iniziative a tutela delle vittime di tratta e di sfruttamento dei recenti flussi migratori. A giorni - ha aggiunto - la Regione siglerà lo stesso protocollo per essere pienamente partecipe a questo importante progetto che conferma l’inclusività della Basilicata e della sua gente. E' una azione dovuta - ha concluso l’assessore - per queste donne disperate, vittime di violenze psicologiche e fisiche».

In un comunicato diffuso dall’ufficio stampa della Giunta lucana è inoltre sottolineato che «l'iniziativa prevede la creazione di una rete di collaborazione con l’obiettivo di realizzare interventi di promozione dei diritti rivolti alle possibili vittime di tratta. Si svolgeranno incontri periodici sull'evoluzione del fenomeno. Agli operatori del Cestrim sarà data la possibilità di poter accedere nelle strutture di accoglienza. Tra gli interventi previsti: la promozione dei diritti; consulenza e orientamento su piano sanitario, psicologico relazionale, giuridico, sociale; programmi di assistenza; accoglienza delle persone che intendono sottrarsi alla violenza e ai condizionamenti di soggetti dediti alla tratta di esseri umani e al loro sfruttamento». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione