Cerca

Tutti distrutti in pochi mesi

Cerignola, così l'autovelox
«diventa» cestino portarifiuti

Cerignola, così l'autovelox «diventa» cestino portarifiuti

CERIGNOLA - Lo scorso ottobre in città comparvero i rilevatori di velocità, dieci postazioni color arancio dislocate lungo le vie principali, che avrebbero dovuto evitare le “corse” spesso in atto lungo le arterie cittadine, soprattutto in tarda serata. Un’operazione che non fu vista di buon occhio dalla cittadinanza fin dall’inizio, poiché i rilevatori riducevano i limiti di velocità in alcuni punti fino a 30 Km/h attivando di fatto una politica sanzionatoria troppo rigida. E infatti fin da subito i fenomeni di vandalizzazione - da condannare - ne misero fuori uso la maggior parte.
A distanza di quasi sei mesi in alcuni punti della città sono ancora ancorate al suolo le basi dei tutor VeloOk, senza che nessuno, neanche quello posto dinanzi alla caserma dei carabinieri, sia in funzione.
Ancora in questi giorni quel che resta dei rilevatori giace per strada o viene ulteriormente vandalizzato e da alcuni trasformato anche in cassonetto per l’immondizia. Se da un lato si è data dimostrazione di poca civiltà, dall’altro è pur vero che simili strumenti, a forte impatto sanzionatorio, vengono spesso mal digeriti dai cittadini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tonino30

    13 Marzo 2017 - 11:11

    Questo a " beneficio " degli amministratori che pretendono di far " CASSA " sui già troppo VESSATI automobilisti, imponendo limiti assurdi !!!! Una macchina moderna, a 30 Km: ora , è praticamente FERMA !!!!! Meditate gente, MEDITATE !!!!!!

    Rispondi