Giovedì 29 Settembre 2022 | 22:22

In Puglia e Basilicata

La demolizione

Ruspe nella baraccopoli di Borgo Mezzanone: impegnati 209 agenti

Le ruspe stanno abbattendo una quindicina di strutture, occupate perlopiù da migranti irregolari

17 Aprile 2019

Redazione online

FOGGIA - Sono 209 le unità delle forze di polizia impegnate oggi nella demolizione delle baracche abusive di Borgo Mezzanone (Foggia), uno degli «insediamenti illegali più noti e grandi d’Italia. Le operazioni seguono lo sgombero di un altro ghetto tollerato per anni come quello di San Ferdinando a Reggio Calabria». Lo fa sapere il Viminale. 
Come mostrano le immagini, le ruspe stanno abbattendo una quindicina di strutture, occupate perlopiù da migranti irregolari. Tutte le persone con permesso di soggiorno saranno invece trasferite in idonee strutture nel foggiano.
Si tratta della terza fase della demolizione: i primi interventi erano avvenuti il 20 febbraio e il 27 marzo e avevano interessato strutture destinate ad attività illecite (per esempio una officina e una discoteca abusiva). Oggi vengono abbattute le baracche usate come abitazioni.
Sono impegnate anche 12 unità e tre ruspe del Genio Guastatori di Foggia, 10 unità e tre mezzi dei vigili del fuoco e tecnici dell’Enel per il distacco dell’energia elettrica. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725