Lunedì 21 Gennaio 2019 | 05:04

NEWS DALLA SEZIONE

La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Città che cambia
Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

Via Manzoni, basta auto: rifiorisce la via dello shopping

 
L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante buttato giù dalla bici, presi gli aggressori: «Non era razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 

Agivano nel quartiere Libertà

Bari, arrestati 7 vicini al clan Strisciuglio per estorsione: bruciarono locali ditta pompe funebri

L'ultimo dei 7 è stato fermato ieri all'aeroporto di Palese mentre tornava da Sharm-el-Sheikh

La polizia di Bari ha fermato 7 persone ritenute vicine al clan Strisciuglio per tentata estorsione aggravata, porto e detenzione illegale di armi da fuoco. Dei 7, l'ultimo è stato fermato ieri mattina all'aeroporto di Bari Palese, di ritorno da Sharm-el-Sheikh. Le indagini erano cominciate a novembre scorso, dopo l'incendio dei locali di una ditta di onoranze funebri del quartiere Libertà. È emerso che c'era stato un tentativo di estorsione di denaro, con minacce, che però il titolare non aveva soddisfatto. Al vertice del gruppo la Polizia colloca Ivan Caldarola, 19 anni, figlio di Lorenzo, ora in carcere, storico esponente di punta del clan Strisciuglio. 

Inoltre il gruppo criminale la sera del 24 dicembre scorso aveva esploso numerosi colpi di arma da fuoco verso una saracinesca di un circolo ricreativo dello stesso quartiere, probabilmente per intimidire la popolazione. Il capo dell'organizzazione poche ore prima di essere fermato aveva cercato di procurarsi un kalashnikov. Nel corso delle varie perquisizioni sono state sequestrate due pistole, 50 munizioni di vario calibro, un giubbotto antiproiettile, 300 grammi di eroina e 22 grammi tra hashish e marijuana. I 7 sono stati condotti in carcere: sono Antonio Raggi, di 19 anni, detto Tonio con gli occhiali, Federico D’Addiego, di 19, Simona Morea, di 20, incensurata, che ha accompagnato Ivan Caldarola nelle fasi preparatorie e antecedenti l’incendio, Giovanni Claudio Cassano, di 24, Vito Lamanuzzi, di 24, e Antonio Raggi, di 19, detto Il Biondo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400