Mercoledì 13 Novembre 2019 | 06:25

NEWS DALLA SEZIONE

il film Disney
Giuliano Sangiorgi nella colonna sonora di Frozen 2

Giuliano Sangiorgi nella colonna sonora di Frozen 2

 
l'iniziativa
Luci salentine per il Natale di Singapore

Luci salentine per il Natale di Singapore

 
televisione
«In Collegio ci tornerei anche domani»: parla la salentina Chiara Adamuccio

«In Collegio ci tornerei anche domani»: parla la salentina Chiara Adamuccio

 
idee in cucina
Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

 
cibo
Allarme da Gravina: «Il fungo cardoncello è a rischio estinzione»

Allarme da Gravina: «Il fungo cardoncello è a rischio estinzione»

 
La storia
Muro di Berlino, quel tunnel di 126 scavato da un ragazzo di Vieste

Muro di Berlino, quel tunnel della libertà di 126 metri scavato da un ragazzo di Vieste nel 1962

 
Dopo 27 tornei
Golf, il pugliese Laporta re del Challenge tour 2019

Golf, il pugliese Laporta re del Challenge tour 2019

 
musica e mala
De Martino, il neomelodico che canta «la mala» sceglie il San Paolo di Bari per il nuovo video: polemiche

De Martino, il neomelodico che canta «la mala» sceglie il San Paolo di Bari per il nuovo video: polemiche

 
teatro
Compagnia Dialettale Biscegliese: la storia diventa argomento di una tesi di laurea

Compagnia Dialettale Biscegliese: la storia diventa argomento di una tesi di laurea

 
le orme
Dinosauri? Passarono anche da Gravina

Dinosauri? Passarono anche da Gravina

 

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatPalazzo Della Marra
Maltempo a Barletta, si stacca pezzo di cornicione a Pinacoteca

Maltempo a Barletta, si stacca pezzo di cornicione a Pinacoteca

 
BrindisiIl vertice
Bomba a Brindisi, piano evacuazione per 50mila persone: c'è anche il carcere

Bomba a Brindisi, piano evacuazione per 50mila persone: c'è anche il carcere

 
TarantoL'inchiesta
Ilva, pm Milano chiede archiviazione accuse per fascicolo-madre sui Riva

Ilva, pm Milano chiede archiviazione accuse per fascicolo-madre sui Riva

 
Lecceil film Disney
Giuliano Sangiorgi nella colonna sonora di Frozen 2

Giuliano Sangiorgi nella colonna sonora di Frozen 2

 
BariLe iniziative
Bari, un giardino e il videomapping: l'Amgas prepara il Natale

Bari, un giardino e il videomapping: l'Amgas prepara il Natale

 
Foggianel Foggiano
S.Giovanni Rotondo, terapia innovativa su 22 bambini affetti da paralisi cerebrale

S.Giovanni Rotondo, terapia innovativa su 22 bambini affetti da paralisi cerebrale

 
Potenzala visita
Ministro Lamorgese a Potenza: «Reati diminuiti, ma vigiliamo»

Ministro Lamorgese a Potenza: «Reati diminuiti, ma vigiliamo»

 
Materameteo
Maltempo, tromba d'aria nel Materano, scuole chiuse

Maltempo, tromba d'aria nel Metapontino, acqua a fiumi per le strade. Domani scuole aperte

 

i più letti

L'iniziativa con Osservatorio Banche e Imprese

Sud, qui è in gioco l’Italia: il forum della Gazzetta sull'Autonomia

Coro di no al federalismo differenziato chiesto da tre regioni del Nord. Si spera in Mattarella, che ha da sempre a cuore l’unità del Paese. La parola a economisti e politici

BARI - Nei giorni in cui il Carroccio cerca di imprimere una accelerazione al processo autonomista che tocca, in primis, Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna, il Mezzogiorno continua a interrogarsi su prospettive (poche) e pericoli (tanti) offerti dal «federalismo rafforzato» di matrice leghista. E alza, in punta di diritto e dati alla mano, una barriera di obiezioni contro un’operazione che rischia non solo, banalmente, di premiare chi già è più forte, ma di mettere a repentaglio la stessa tenuta dell’unità nazionale.

Prospettiva, quest’ultima, denunciata dal forum - organizzato e ospitato dalla «Gazzetta del Mezzogiorno» in sinergia con l’Osservatorio Banche imprese Puglia - dedicato proprio all’autonomia rafforzata. Un momento di analisi e riflessione, non alieno dalla formulazione di proposte concrete, che ha messo a dialogo personalità del mondo del diritto, della politica e dell’economia, moderate dal direttore della «Gazzetta» Giuseppe De Tomaso. «È il tema più rilevante che si possa affrontare in questa fase - ha osservato quest’ultimo - e che di certo, più di altri, occuperà l’agenda del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, negli ultimi tre anni di mandato. D’altronde, è la stessa architettura di governo a reggersi su uno scambio che prefigura forme estremamente accentuate di autonomia al Nord e reddito di cittadinanza a Sud». A ragionare dopo le premesse, il presidente dell’Osservatorio Salvatore Matarrese, il presidente della Svimez, Adriano Giannola, lo storico dell’economia Federico Pirro, l’ex deputato Rocco Palese, già vicepresidente della Commissione Bilancio della Camera, l’economista siciliano Pietro Busetta, presidente della «Fondazione Curella», il docente napoletano Francesco Saverio Coppola, segretario generale dell’associazione internazionale «Guido Dorso», e l’esponente dei Riformatori Sardi, Pierpaolo Vargiu , l’economista Antonio Corvino, direttore dell’Obi (gli interventi sono riportati in dettaglio nel resto della pagine, ndr).

Un parterre composito per una questione, almeno nei suoi termini essenziali, già nota al grande pubblico: Veneto e Lombardia, seguite dall’Emilia, più defilata, chiedono competenza esclusiva su ben 23 materie, esigendo di finanziarla con il trattenimento sul territorio del cosiddetto «residuo fiscale», cioè la differenza fra le tasse versate a Roma dai contribuenti e quando rientrato in termini di spesa pubblica. Le ricadute, come emerso durante la discussione, potrebbero essere disastrose, soprattutto in assenza di una «legge quadro» capace di disciplinare l’intera faccenda. E permettere a tutti di accettare la sfida ad armi pari. Concetto quest’ultimo, secondo i relatori, finora non seguito dal governatore Michele Emiliano, orientato ad accettare la sfida dell’autonomia. I pericoli, come ovvio, non attengono solo ai nodi della fiscalità e al mantenimento dei livelli essenziali delle prestazioni civili e sociali, temi già essenziali, ma anche a quelli della formazione - il sistema scolastico nazionale rischia di disgregarsi - e del destino delle imprese meridionali. Far ripartire il Sud è dunque la parola d’ordine di un nuovo corso che, secondo gli intervenuti, dovrebbe muovere da una rinnovata sinergia tra i territori meridionali. 

Ecco il video integrale dell'incontro tra economisti e politici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie