Sabato 23 Gennaio 2021 | 05:22

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
Erica Mou canta «Soldi» di Mahmood con «inserti» in barese: il risultato fa impazzire il web

Erica Mou canta «Soldi» di Mahmood con «inserti» in barese: il risultato fa impazzire il web

 
Il video
«La vita è un sogno»: visioni dantesche con i Tamburellisti di Torrepaduli

«La vita è un sogno»: visioni dantesche con i Tamburellisti di Torrepaduli

 
Musica
«Era bella»: il video del salentino Manu Funk è una storia d'amore vista da un acquario

«Era bella»: il video del salentino Manu Funk è una storia d'amore vista da un acquario

 
Il disco
Quell'antica Puglia musicale che fece la «napoletana»

Quell'antica Puglia musicale che fece la «napoletana»

 
La notizia
È di Roberto Ottaviano il miglior cd del 2020

È di Roberto Ottaviano il miglior cd del 2020

 
Musica
Il nuovo Anteros, un talento pronto al primo album

Il nuovo Anteros, un talento pronto al primo album

 
L'intervista
Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

 
Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

 
La rassegna
Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

 
Inediti e rarità
Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Senegalese trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: indaga la Polfer

Uomo trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: si tratta di un senegalese, indaga la Polfer

 
BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Per la prima volta dal vivo

«Nada Contigo», gli Après la Classe collaborano con Alborosie: «Un momento di crescita reciproca»

La band ha eseguito il brano per la prima volta dal vivo al secret party del Cotriero di Gallipoli: ecco l'esibizione

È uscito oggi, venerdì 5 luglio, "Nada contigo", il nuovo singolo dei salentini Après la Classe insieme alla star mondiale del reggae Alborosie, un brano che è un inno alla vita, alla genuinità, un invito all'amore e alla spensieratezza. Per cogliere al meglio le sfaccettature di questa nuova collaborazione, che unisce ancora di più i suoni e le culture del Mediterraneo e del Centro America, abbiamo raggiunto telefonicamente il bassista del gruppo, Valerio «Combass» Bruno.

Come è nata questa collaborazione con Alborosie?

«Nel modo più naturale possibile. Ci seguiamo a vicenda da un bel po' di tempo, noi siamo suoi fan, è un punto di riferimento dello scenario reggae mondiale. Lui e Puccia (uno dei componenti degli Après la Classe, ndr.) si erano incontrati, poi pian piano ha cominciato a conoscere la nostra storia, il nostro passato, a seguire il progetto, e due anni fa ci ha coinvolti in una sua produzione. Quando ci siamo trovati tra le mani questo brano, abbiamo deciso di ricambiare il favore: la sua parte l'ha registrata in hotel, a Lecce, in un giorno libero, con uno studio mobile. Si è totalmente aperto a noi, pur essendo molto pignolo nella produzione si è fidato ciecamente»

Un sodalizio importante. Quanto conta per voi, che siete artisti già affermati?

«È un momento di crescita reciproca, trasversale, inevitabilmente si impara e si insegna. Per noi lui è un maestro, ma siamo sicuri di avergli lasciato qualcosa. Sono collaborazioni importanti da entrambi i lati, e per noi è fondamentale svilupparle quando c'è amicizia, conoscenza e stima reciproca. Farlo in maniera forzata, solo per business, sarebbe triste»

Cosa ne pensate dei tormentoni estivi, proprio voi sempre così fedeli al vostro genere?

«Non abbiamo mai voluto precludere un tipo di pubblico nel percorso di un singolo, anzi abbiamo cercato di fare più rumore possibile affinché arrivasse alle orecchie della gente. Penso che vada fatta una distinzione tra un brano frivolo e semplice creato per infondere spensieratezza, da un brano con un contenuto importante. Questa canzone esprime gioia di vivere, semplicità del momento, se diventa un tormentone va benissimo, il problema nasce quando c'è un brano orecchiabile che ha all'interno un messaggio, ma al pubblico arriva solo la melodia. È successo con "Fuori dal Tunnel" di Caparezza e "Occidentali's karma" di Gabbani. Non tutti le hanno capite»

Come sarà l'estate degli Après la Classe?

«In tour, come negli ultimi 22 anni! La band è ancora desiderata, anche più di prima, sono anni di rinascita e questo ci lusinga. Abbiamo molte date in programma, in Italia, in Svizzera, poi in autunno faremo un giro in Europa»

E quando tornate nel vostro Salento cosa provate?

«La storia degli Après la Classe parla chiaro: abbiamo fatto anche un brano che si intitola "Lu sule, lu mare, lu ientu", è bello esprimere l'essere pugliesi e salentini, l'anno scorso l'abbiamo fatto sul palco della Notte della Taranta, cantando un brano a sfondo umanitario, lo facciamo capire in tutti i modi, ci siamo anche professati tifosi del Lecce. Siamo palesemente innamorati della nostra terra»

(video Alex Caroppi)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie