Venerdì 30 Settembre 2022 | 14:24

In Puglia e Basilicata

Guardia di finanza

Bancarotta fraudolenta, sequestro beni per 9,6 mln a Taranto

Bari, imprenditore furbetto del Fisco: sequestro beni per 500mila euro

L'epilogo dell'attività investigativa in merito al fallimento di una società di produzione e commercializzazione di porte e infissi, con sede a Mottola

11 Agosto 2022

Redazione online

TARANTO - La Guardia di finanza ha notificato un decreto di sequestro preventivo di disponibilità finanziarie del valore complessivo di 9,6 milioni nei confronti di tre persone indagate a Taranto per bancarotta fraudolenta aggravata. Il provvedimento cautelare, emesso dal gip del tribunale di Taranto su richiesta di della Procura, rappresenta l'epilogo di una complessa attività investigativa svolta tra il 2017 e il 2018 in merito al fallimento di una società esercente l'attività di produzione e commercializzazione di porte e infissi, con sede a Mottola. L'indagine è partita dalla denuncia presentata nel 2017 da ex dipendenti della società in qualità di creditori privilegiati, per il mancato rispetto degli obblighi assunti dalla stessa società nell’ambito del preesistente concordato preventivo. Secondo l’ipotesi accusatoria, il fallimento della società sarebbe stato pilotato dagli indagati allo scopo di svuotare ogni asset dell’azienda e proseguire l’attività di produzione e vendita di infissi tramite un’altra srl intestata a "prestanome». Sarebbe così emerso che i legali appresentanti della società fallita avrebbero rinunciato a esigere crediti vantati nei confronti di una società controllata per un valore complessivo di oltre 8.750.000 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725