Mercoledì 24 Aprile 2019 | 20:22

NEWS DALLA SEZIONE

Ambiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
Primo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

 
La visita
Ex Ilva, Di Maio a Taranto: scatta il sit in oltre la zona rossa

Ex Ilva, Di Maio a Taranto: «Mai pensato di chiudere lo stabilimento» 
Associazioni vanno via: «È teatrino»

 
Le dichiarazioni
Ex Ilva, Fiom Taranto: «Di Maio chiarisca nuova mission»

Ex Ilva, Fiom Taranto: «Di Maio chiarisca nuova mission»

 
La festa non autorizzara
Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

 
L'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 
I nodi dell'acciaio
Taranto, Di Maio atteso domani all'ex Ilva: con sé porta 4 ministri

Ilva, si dimettono i commissari, arrivano i nuovi. Di Maio: «Capisco rabbia tarantini, ma voglio che mi ascoltino»

 
Il siderurgico
ArcelorMittal scrive al sindaco di Taranto: «Non c’è alcuna emergenza»

ArcelorMittal scrive al sindaco di Taranto: «Non c’è emergenza»

 
Il caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
Sanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
A taranto
Ex Ilva, ambientalisti Taranto: «Il 24 aprile presidio per arrivo Di Maio»

Ex Ilva, ambientalisti Taranto: «Il 24 aprile presidio per arrivo Di Maio»

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Il caso Taranto

Impatto ambientale ex Ilva, la Regione attacca il ministro Costa

La dirigente Barbara Valenzano scrive al ministro: «Questione tecnica. È il Governo ad essere inadempiente»

Ilva, nel piano Mittal Marcegagliaspuntano oltre 2400 esuberi

TARANTO - Resta bollente il confronto tra il ministro dell’Ambiente Sergio Costa e la Regione Puglia sul dossier-acciaio. L’altro giorno, come anticipato dalla Gazzetta, il ministro ha respinto la richiesta di riesame dell’Autorizzazione integrata ambientale dello stabilimento siderurgico gestito da ArcelorMittal firmata dal presidente Michele Emiliano e dal dirigente del dipartimento Ambiente Barbara Valenzano, sostenendo che non c’erano gli estremi per procedere in tal senso, aprendo però ad una collaborazione anche alla luce della sentenza di condanna dello Stato italiano emessa nelle scorse settimane dalla Corte europea dei diritti dell’uomo e degli ultimi dati sulle emissioni. La dirigente regionale Valenzano ieri però ha risposto al ministro con una lettera di 10 pagine, contenente rilievi nel metodo e nel merito. Nel metodo, la Regione Puglia chiede di sapere se «a fronte di una istanza di riesame formulata conformemente alle disposizioni del testo unico sull’Ambiente, la stessa istanza sia invece stata riscontrata piuttosto che dalla struttura tecnica a ciò preposta, dal solo esponente politico del Governo». Secondo l’ingegner Valenzano, infatti, la replica di Costa pare avere una connotazione prettamente politica, visto che nessuno degli elementi portati a sostegno dell’istanza di Riesame è stato valutato nel merito tecnico, così come peraltro richiede la normativa in materia.

La dirigente regionale ricorda che la sentenza della Cedu, a differenza di quanto sostenuto dal ministro, non riguarda «fatti e situazioni ambientali antecedenti al rilascio dell’Aia di competenza statale» ma, anzi, stigmatizza l’operato assunto dallo Stato italiano prima, durante e soprattutto dopo il rilascio del primo provvedimento di Autorizzazione Integrata Ambientale, stigmatizzando soprattutto il termine dei lavori di messa a norma prorogati al 2023. Per la dirigente regionale, la lettera del responsabile del dicastero all’Ambiente pare, invece, «un manifesto politico di apertura verso la posizione storicamente assunta dalla Regione Puglia, ma che rischia di rimanere privo di contenuti» se non ci saranno fatti concreti. E sul punto, ribadendo che il piano regionale per la qualità dell’aria è pienamente cogente, ricorda che proprio il ministero dell’ambiente aveva l’obbligo di elaborare, entro il 30 settembre scorso, il «Programma nazionale di controllo dell'inquinamento atmosferico» che avrebbe dovuto acquisire il parere della conferenza unificata, per poi essere approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri entro il 28 febbraio 2019. «Tale strumento si configura quale elemento fondamentale in quanto lo stabilimento siderurgico ex Ilva è da considerarsi una delle sorgenti più significative a livello nazionale ed europeo degli inquinanti». Strumento che però ancora non c’è e in assenza del quale il ministero avrebbe dovuto elaborare entro il 30 settembre 2018 e sviluppare limiti nazionali per le emissioni in atmosfera più severi per gli inquinanti richiamati: lacuna che impedisce alla Regioni l’aggiornamento dei propri piani di qualità dell’aria .

La dirigente regionale richiama lo «stato di grave inquinamento provocato» dallo stabilimento siderurgico e ampiamente dimostrato dai dati ambientali ed epidemiologici dell’area e che la valutazione integrata di impatto ambiente-salute, finanziata dal Ministero della Salute, in collaborazione con Ares Puglia, Asl Taranto, dipartimento di epidemiologia del Lazio e Arpae Emilia Romagna ha elaborato uno scenario emissivo nel quale si rileva «un rischio residuo non accettabile in termini di mortalità naturale per esposizioni a pm 2.5, in particolare a carico dei residenti del quartiere Tamburi».
In conclusione, al ministro Costa e al suo ministero viene chiesta una risposta formale all’istanza di revisione dell’Aia per l’acciaieria ArcerlorMittal, riservandosi qualsiasi azione giudiziaria in merito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400