Sabato 30 Maggio 2020 | 05:06

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Ginosa, picchia ed estorce soldi ai genitori anziani per l'alcool: arrestato

Ginosa, picchia ed estorce soldi ai genitori anziani per l'alcool: arrestato

 
OMICIDIO STANO
Manduria, anziano pestato a morte: 3 della baby gang rischiano fino a 20 anni di carcere

Manduria, anziano pestato a morte: 3 della baby gang condannati fino a 10 anni di carcere

 
Il siderurgico
Taranto, a Mittal, nessun accordo sulla Cassa: ma l'azienda va avanti

Taranto, a Mittal, nessun accordo sulla Cassa: ma l'azienda va avanti

 
il siderurgico
ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

 
controlli
Due motonavi straniere violano norme ambientali in porto Taranto: multate da Guardia Costiera

Due motonavi straniere violano norme ambientali in porto Taranto: multate da Guardia Costiera

 
dalla polizia
Taranto, violenze sessuali e minacce con coltello alla fidanzata e al suo ex: arrestato 23enne

Taranto, violenze sessuali e minacce con coltello alla fidanzata e al suo ex: arrestato 23enne

 
Il caso
Taranto, va in ospedale per un intervento e risulta positivo al tampone

Taranto, 13enne va in ospedale dopo caduta e risulta positivo al Coronavirus

 
nelle campagne di borgo perrone
Il casolare era market della droga: arrestati 4 cittadini africani nel Tarantino

Il casolare era market della droga: arrestati 4 cittadini africani nel Tarantino

 
fase 2
Taranto, più controlli anti-assembramento: vertice in prefettura con le forze dell'ordine

Taranto, più controlli anti-assembramento: vertice in prefettura con le forze dell'ordine

 
L'annuncio
Mittal Taranto, 114 dipendenti rientrano dalla cassa integrazione

Mittal Taranto, 114 dipendenti rientrano dalla cassa integrazione

 
Controlli della Ps
Taranto, spacciava pasticche di «turbodroga» sintetica Tesla: arrestato 22enne

Taranto, spacciava pasticche di «turbodroga» sintetica Tesla: arrestato 22enne

 

Il Biancorosso

Calcio
Il Bari resta nel limbo, spiraglio per la serie C

Il Bari resta nel limbo, spiraglio per la serie C

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaL'annuncio
Melfi, Fca conferma investimenti per l'ibrido di Compass e Renegade

Melfi, Fca conferma investimenti per l'ibrido di Compass e Renegade

 
LecceTriste episodio
Cavallino, una torta per «festeggiare» morte ex sindaco Gorgoni. Sdegno e indagini

Cavallino, una torta per «festeggiare» morte ex sindaco Gorgoni. Sdegno e indagini

 
BariMaltempo
Bari, temporali in arrivo nel week-end: scatta l'allerta meteo in provincia

Bari, temporali in arrivo nel week-end: scatta l'allerta meteo in provincia

 
BrindisiLa decisione
Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

 
MateraLa decisione
Fase 2 a Matera, il Fai riapre casa Noha per la Festa della Repubblica

Fase 2 a Matera, il Fai riapre casa Noha per la Festa della Repubblica

 
TarantoIl caso
Ginosa, picchia ed estorce soldi ai genitori anziani per l'alcool: arrestato

Ginosa, picchia ed estorce soldi ai genitori anziani per l'alcool: arrestato

 
BatLa decisione
Barletta, movida spericolata: chiuse due attività nel cuore della città

Barletta, movida spericolata: chiuse due attività nel cuore della città

 

i più letti

Il caso Taranto

Impatto ambientale ex Ilva, la Regione attacca il ministro Costa

La dirigente Barbara Valenzano scrive al ministro: «Questione tecnica. È il Governo ad essere inadempiente»

Ilva, nel piano Mittal Marcegagliaspuntano oltre 2400 esuberi

TARANTO - Resta bollente il confronto tra il ministro dell’Ambiente Sergio Costa e la Regione Puglia sul dossier-acciaio. L’altro giorno, come anticipato dalla Gazzetta, il ministro ha respinto la richiesta di riesame dell’Autorizzazione integrata ambientale dello stabilimento siderurgico gestito da ArcelorMittal firmata dal presidente Michele Emiliano e dal dirigente del dipartimento Ambiente Barbara Valenzano, sostenendo che non c’erano gli estremi per procedere in tal senso, aprendo però ad una collaborazione anche alla luce della sentenza di condanna dello Stato italiano emessa nelle scorse settimane dalla Corte europea dei diritti dell’uomo e degli ultimi dati sulle emissioni. La dirigente regionale Valenzano ieri però ha risposto al ministro con una lettera di 10 pagine, contenente rilievi nel metodo e nel merito. Nel metodo, la Regione Puglia chiede di sapere se «a fronte di una istanza di riesame formulata conformemente alle disposizioni del testo unico sull’Ambiente, la stessa istanza sia invece stata riscontrata piuttosto che dalla struttura tecnica a ciò preposta, dal solo esponente politico del Governo». Secondo l’ingegner Valenzano, infatti, la replica di Costa pare avere una connotazione prettamente politica, visto che nessuno degli elementi portati a sostegno dell’istanza di Riesame è stato valutato nel merito tecnico, così come peraltro richiede la normativa in materia.

La dirigente regionale ricorda che la sentenza della Cedu, a differenza di quanto sostenuto dal ministro, non riguarda «fatti e situazioni ambientali antecedenti al rilascio dell’Aia di competenza statale» ma, anzi, stigmatizza l’operato assunto dallo Stato italiano prima, durante e soprattutto dopo il rilascio del primo provvedimento di Autorizzazione Integrata Ambientale, stigmatizzando soprattutto il termine dei lavori di messa a norma prorogati al 2023. Per la dirigente regionale, la lettera del responsabile del dicastero all’Ambiente pare, invece, «un manifesto politico di apertura verso la posizione storicamente assunta dalla Regione Puglia, ma che rischia di rimanere privo di contenuti» se non ci saranno fatti concreti. E sul punto, ribadendo che il piano regionale per la qualità dell’aria è pienamente cogente, ricorda che proprio il ministero dell’ambiente aveva l’obbligo di elaborare, entro il 30 settembre scorso, il «Programma nazionale di controllo dell'inquinamento atmosferico» che avrebbe dovuto acquisire il parere della conferenza unificata, per poi essere approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri entro il 28 febbraio 2019. «Tale strumento si configura quale elemento fondamentale in quanto lo stabilimento siderurgico ex Ilva è da considerarsi una delle sorgenti più significative a livello nazionale ed europeo degli inquinanti». Strumento che però ancora non c’è e in assenza del quale il ministero avrebbe dovuto elaborare entro il 30 settembre 2018 e sviluppare limiti nazionali per le emissioni in atmosfera più severi per gli inquinanti richiamati: lacuna che impedisce alla Regioni l’aggiornamento dei propri piani di qualità dell’aria .

La dirigente regionale richiama lo «stato di grave inquinamento provocato» dallo stabilimento siderurgico e ampiamente dimostrato dai dati ambientali ed epidemiologici dell’area e che la valutazione integrata di impatto ambiente-salute, finanziata dal Ministero della Salute, in collaborazione con Ares Puglia, Asl Taranto, dipartimento di epidemiologia del Lazio e Arpae Emilia Romagna ha elaborato uno scenario emissivo nel quale si rileva «un rischio residuo non accettabile in termini di mortalità naturale per esposizioni a pm 2.5, in particolare a carico dei residenti del quartiere Tamburi».
In conclusione, al ministro Costa e al suo ministero viene chiesta una risposta formale all’istanza di revisione dell’Aia per l’acciaieria ArcerlorMittal, riservandosi qualsiasi azione giudiziaria in merito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie