Giovedì 21 Febbraio 2019 | 02:43

NEWS DALLA SEZIONE

Decide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
A taranto
Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

 
A taranto
Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

 
Nel Tarantino
Palagiano: abusa di una minorenne e la perseguita, in manette un 65enne

Palagiano: abusa di minorenne e la perseguita, in manette 65enne

 
Al Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
Accoltellato un libico
Non vuole pagare uno dei suoi lavoratori e tenta di ucciderlo: arrestato sudanese nel Tarantino

Non vuole pagare uno dei suoi lavoratori e tenta di ucciderlo: arrestato sudanese nel Tarantino

 
Dopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
L'annuncio
Arsenale militare Taranto, Borraccino: «Bisogna assumere 250 operai»

Arsenale militare Taranto, Borraccino: «Bisogna assumere 250 operai»

 
tra sabato e domenica
Massafra, vandali in azione: danneggiati sette scuola bus

Massafra, vandali in azione: danneggiati sette scuola bus

 
Si è impiccato
Taranto, si uccide in carcere 78ene che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

Taranto, si uccide in carcere 78enne che massacrò a coltellate la moglie a Trepuzzi

 
Le dichiarazioni
Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

L'inchiesta

Taranto, reddito di cittadinanza: da gennaio 600 richieste di cambi di residenza

I dati sospetti raccolti dal Comune con un boom di domande: furbetti all'opera?

Anziana viveva in casa tra rifiuti interviene il Comune di Taranto

TARANTO - Continuano ad aumentare le richieste per il cambio della residenza. Da gennaio ad oggi sarebbero circa 600 quelle pervenute all'ufficio Anagrafe generale del Comune di Taranto. Una media di circa 30 persone al giorno hanno, quindi, presentato formale domanda. Non si conoscono ancora i dati ufficiali, ma - se confermati - si tratterebbe comunque di un incremento notevole delle istanze rispetto all'anno precedente.
Sorge, dunque, l'inevitabile sospetto che, in alcuni casi, si tratti di un escamotage per ottenere il cosiddetto reddito di cittadinanza, che altrimenti non sarebbe dovuto. Ovviamente non si ha la certezza ma il dubbio, tra gli addetti ai lavoro, è piuttosto radicato.

Del resto, il rischio di imbattersi in centinaia di furbetti, era stato già messo in conto. Il sussidio di Stato, vero cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle, è infatti una misura governativa con la quale si offre un aiuto economico alle famiglie più povere.
Il contributo, che può arrivare a 780 euro mensili, è destinato a chi ha un Isee sotto i 9.360 euro annui. L'importo massimo del reddito di cittadinanza in quanto tale arriva fino a 500 euro. A questa cifra, si somma poi un importo di 280 euro se si è titolari di un contratto di affitto o 150 euro se si vive in una casa di cui si sta pagando un mutuo. Diversamente, se ad esempio si vive in una casa di proprietà, la cifra si aggira tra i 400 e i 500 euro. Una somma integrativa sarà inoltre riconosciuta alle famiglie che hanno al loro interno una persona diversamente abile.
A partire da marzo sarà possibile inoltrare la domanda di accesso al reddito. Intanto, come già succede in diverse zone d'Italia è corsa ai Caf (centri di assistenza fiscale) per la compilazione del modello Isee e agli uffici comunali per il cambio di residenza. Proprio quest'ultima, come accertato anche in altre città, sarebbe una scorciatoia per cercare di restare nella soglia massima prevista dal decreto sul reddito di cittadinanza.

Non sono pochi i casi, anche a Taranto, in cui alcune coppie avrebbero deciso di separarsi fittiziamente o escludere i figli dal nucleo familiare dei genitori e spostarli in quello di altri parenti, così da abbassare o addirittura dimezzare l’Isee.
Tuttavia, in questi mesi, spesso è bastato effettuare controlli per respingere decine di richieste, alle volte improponibili, suscitando anche polemiche e accese rimostranze nei confronti dei dipendenti comunali, da parte di alcuni richiedenti.
Ben più facile aggirare le disposizioni del decreto legge per i lavoratori a nero che sono quindi fortemente incentivati a non pretendere, anzi a volte a rifiutare, un regolare contratto di assunzione, per mantenere un reddito basso e dimostrarsi idonei alla concessione del sussidio.
Paradossalmente, ad avere la peggio sembrerebbero essere proprio le persone più oneste, quelle che ogni giorno, con enormi sacrifici tentano affannosamente di guadagnarsi da vivere, ma senza sotterfugi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400