Lunedì 10 Dicembre 2018 | 06:59

NEWS DALLA SEZIONE

L'annuncio
Ex llva, parchi minerali, completato primo arco copertura da 300 mln di euro

Ex llva, parchi minerali, completato primo arco copertura da 300 mln di euro

 
Stalking
Taranto, perseguitava l'ex compagna: arrestato 28enne

Taranto, perseguitava l'ex compagna: arrestato 28enne

 
L'inaugurazione il 30 dicembre
Riapre il teatro Fusco a Taranto: interventi da 4,2 milioni

Riapre il teatro Fusco a Taranto: interventi da 4,2 milioni

 
Rapina a mano armata
Taranto, rapinano con un coltello il bar della stazione: 2 arresti

Taranto, rapinano con un coltello il bar della stazione: 2 arresti

 
La stangata
Taranto, ecco come si impiegheranno i soldi delle multe dei Vigili

Taranto, ecco come si impiegheranno i soldi delle multe dei Vigili

 
Taranto
Call center, negata maternità a 31enne: azienda non versa contributi

Call center, l'Inps nega la maternità a 31enne: azienda non versa contributi

 
Taranto
Ex Ilva, azienda firma appalto e aumenta ore di lavoro

Ex Ilva, azienda firma appalto e aumenta ore di lavoro

 
Arrestato un giovane
carabinieri

Pulsano, dopo lite picchia due fratelli e a uno gli frattura il cranio

 
L'arresto
Massafra, in cella un 49enne: aggrediva e violentava la moglie

Massafra, in cella un 49enne: aggrediva e violentava la moglie

 
Maltrattamenti in famiglia
Taranto, pichciavano le moglie e segregavano figli: due uomini al confino

Taranto, picchiavano le mogli e segregavano i figli: due uomini al confino

 

L'inchiesta

Taranto, morti sul lavoro il video in mano ai pm

Avviata l'indagine contro ignoti e nominato un perito

Taranto, due operai cadono da impalcatura in quartiere Tamburi

TARANTO - Sul tavolo del procuratore capo Carlo Capristo c’è un fascicolo aperto dopo l’infortunio mortale di via Galeso, in cui martedì mattina hanno perso la vita il titolare di una ditta edile di Locorotondo, il 32enne Giovanni Palmisano e un operaio di Statte di 54 anni, Angelo D’Aversa.

La Procura, che coordina le indagini affidate a Polizia, Spesal e Ispettorato del lavoro, per le diverse competenze, procede per il momento «contro ignoti», ipotizzando l’omicidio colposo e l’inosservanza delle norme sulla sicurezza sui posti di lavoro. Almeno fino a quando non saranno chiarite le posizioni e le eventuali responsabilità dei titolari delle imprese coinvolte nel grave infortunio sul lavoro.
Alle indagini lavorano due sostituti procuratori: Daniela Putignano e Remo Epifani. Gli stessi che l’altra mattina hanno effettuato il sopralluogo in via Galeso.

La Procura ieri ha nominato un ingegnere che dovrà studiare il caso e stendere la perizia. Molto importante, per capire cosa sia accaduto alle 8 di martedì mattina a bordo di quel maledetto camion elevatore, risulta essere il video - acquisito dalla procura -, registrato dalle telecamere di sicurezza del negozio di ferramenta che erano puntate proprio sulla strada. La scena, come anticipato ieri dalla Gazzetta, è stata immortalata dall’occhio elettronico. Si vede il camion sobbalzare e il braccio che si piega di botto di 180 gradi. Poi sulla scena irrompono i passanti e si percepisce la disperazione sui loro volti per i due corpi catapultati giù dal cestello.

Nelle prossime ore potrebbe arrivare anche l’incarico al medico legale per eseguire l’esame autoptico delle due salme, portate l’altra mattina nell’obitorio dell’ospedale Santissima Annunziata.
Al caso lavorano in parallelo gli ispettori del lavoro, che stanno raccogliendo tutta la documentazione amministrativa relativa alle imprese coinvolte nell’incidente. L’obiettivo degli ispettori è capire se la «Gioedil srl», che faceva capo proprio a una delle due vittime, Giovanni Palmisano, avesse le carte in regola e fosse in pari con contratti e contributi. Gli ispettori dello Spesal, invece, sono al lavoro per verificare la posizione delle aziende in merito alla sicurezza. Stando a quanto si apprende, il camion con elevatore sul quale stavano operando le due vittime era fornito di gancio di sicurezza, ma né Palmisano, né D’Aversa avrebbero avuto le imbracature e né tanto meno si sarebbero ancorati al sistema salvavita.
Secondo gli esperti dello Spesal, l’obbligo di indossare l’imbracatura scatta già per chi opera ad un’altezza superiore ai due metri. Palmisano e D’Aversa sono morti schiantandosi al suolo dopo un volo di oltre 13 metri per il cedimento del braccio elevatore che ha ribaltato il cestello su cui i due erano erano montati per ristrutturare i balconi della palazzina di via Galeso. Il mezzo, sequestrato subito dopo l’infortunio mortale, sarà rimosso nelle prossime ore. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400