Domenica 21 Ottobre 2018 | 22:34

NEWS DALLA SEZIONE

La proposta
Giochi del Mediterraneo 2015Comune di Taranto si candida

Giochi del Mediterraneo 2025 Comune di Taranto si candi...

 
Nella città vecchia
Taranto, nel ristorante di pescel'energia elettrica era... a sbafo

Taranto, nel ristorante di pesce l'energia elettrica er...

 
Scoperta dal Noe di Lecce
Manduria, piantagione ulivi trasformata in discarica

Manduria, piantagione ulivi trasformata in discarica

 
Consegnate al comune
Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolte 4mila firme

Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolt...

 
Nel Tarantino
S.G. Jonico, autocarro investe e uccide ciclista 80enne

San Giorgio Jonico, autocarro investe e uccide ciclista...

 
Dopo l'intervento
Taranto, bimba gettata dal balcone: trasferita al Gemelli

Taranto, bimba gettata dal balcone: trasferita al Gemel...

 
Lotta allo spaccio
Marina di Ginosa, ritrovati 60 kg di marijuana in un casolare: 2 arresti

Marina di Ginosa, ritrovati 60 kg di marijuana in un ca...

 
Il caso
Taranto, provocò un incidente in cui una bimba rimase gravemente ferita: a giudizio 23enne

Taranto, provocò incidente e bimba perse una mano: a gi...

 
Il siderurgico
Ilva, il tempo stringe: chi assumerà Mittal? Lavoratori ancora al buio

Ilva, il tempo stringe: chi assumerà Mittal? Lavoratori...

 
A Sava (TA)
Taranto, estorce 1.500 euro e minaccia un 15enne per droga: arrestato 17enne

Taranto, estorce 1.500 euro e minaccia un 15enne per dr...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

ambiente

A salina Monaci esplode la natura, per la gioia dei fotografi

Tante le specie di flora e fauna che in questo periodo si mostrano in tutta la loro bellezza

pulli di cavalieri d'Italia (foto di Carlo Bizzini)

Pulli di cavalieri d'Italia (foto di Carlo Bizzini)

MANDURIA - E’ una primavera feconda nell’area della Salina dei Monaci, il cuore pulsante della riserva naturale a Manduria. Non solo una flora rigogliosa, colorata e ricca di essenze rarissime: poco meno di un mese fa, ad esempio, è stata individuata una pianta di Cistus Crispus, che sinora era segnalata solo in alcune zone della Sicilia e che è inserita nella lista rossa delle essenze che tendono a scomparire.

Ma è “primavera” anche per le tantissime specie della fauna presenti. Anche se è vero che “l’essenziale è invisibile agli occhi”, questa volta l’occhio di un fotografo attento come Carlo Bizzini, appassionato naturalista, ha dato una forma alla sensibilità. Ha bloccato l’attimo che descrive la meraviglia della vita: un cavaliere d’Italia insieme a due pulli. Una nuova conferma di come questa specie protetta, esile e longilinea, riesca a riprodursi all’interno della zona umida delle riserve naturali. Come si può notare dalla foto di Carlo Bizzini, il pullo di cavaliere d’Italia esce dal nido molto presto, poche ore dopo la schiusa.

Ma in queste ore le schiuse sono all’ordine del giorno e riguardano anche il Fratino (un mese fa circa furono trovati diversi nidi di quest’altro uccello in via d’estinzione) e il “Corriere Piccolo”, un’altra specie protetta. Infine, un altro fotografo, Luigi De Vivo, ha ripreso all’interno della Palude del Conte una tartaruga palustre autoctona, specie ad alto rischio a causa della competizione con Trachemys, le tartarughe americane da acquario che una volta abbandonate occupano il loro habitat.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400