Sabato 16 Febbraio 2019 | 22:10

NEWS DALLA SEZIONE

Il premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
La manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
In via Temenide
Taranto, pesta convivente 22enne per gelosia: in cella un 28enne

Taranto, pesta convivente 22enne per gelosia: in cella un 28enne

 
Denunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
Denunciato proprietario
Castellaneta Marina, convalidato sequestro lido Albatros

Castellaneta Marina, convalidato sequestro lido Albatros

 
Nel Tarantino
Pulsano, 80enne muore colpito da un vaso caduto per il vento

Pulsano, 80enne muore colpito da un vaso caduto per il vento

 
Nel tarantino
San Giorgio Jonico, pregiudicato ferito da colpi di pistola, è grave

San Giorgio Jonico, pregiudicato ferito da colpi di pistola, è grave

 
Sanità
Taranto, arrivano gli assegni di cura per gli ammalati gravissimi

Taranto, arrivano gli assegni di cura per gli ammalati gravissimi

 
Ambiente ferito
Ex Ilva, polveri su Taranto: chiesto incontro a Prefetto

Forte vento a Taranto, oggi scuole chiuse. Polveri dall'ex Ilva: chiesto incontro a Prefetto

 
Il caso
Nascondeva una pistola nel reggiseno: arrestata a Taranto

Nascondeva una pistola nel reggiseno: arrestata a Taranto

 
Dai cc di Massafra
Falsificavano banconote e le vendevano: 3 arresti nel Tarantino

Falsificavano banconote e le vendevano: 3 arresti nel Tarantino

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

L'inchiesta

Taranto, truffe sui mutui
indagato anche un notaio

Sono almeno 19 le persone indagate per aver ingannato banche e finanziarie per l'acquisto della prima casa

tribunale taranto

Il Palazzo di giustizia di Taranto

TARANTO - C’è anche un notaio tra i 19 indagati nella nuova inchiesta della procura di Taranto sulle truffe agli istituti di credito e alle finanziarie. Un’attività investigativa condotta dal pubblico ministero Daniela Putignano che ha permesso, secondo l’accusa, di individuare una vera e propria associazione a delinquere dedita alle truffe. Il sodalizio, per il pm Putignano che nelle scorse ore ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, è composto da Cosima Blasi tarantina 38enne, Cosimo Vinci brindisino 45enne residente a Taranto, Gualtiero Grassi, tarantino 51enne già coinvolto nell’inchiesta sempre truffe alle finanziarie denominata «alter ego», il tarantino 57enne Giuseppe Capobianco, il tarantino 42enne Andrea Mastrangelo, Leonardo Tortorella 45enne anch’egli tarantino e infine il tarantino Michele Vitto di 57 anni.

L’associazione a delinquere, si legge nel capo d’accusa, aveva lo scopo di «ideare, commettere e far commettere più delitti di truffa» ai danni delle società di credito attraverso la presentazione in diverse banche di richieste di mutui per l’acquisto di prima casa: a queste domande di mutuo allegavano oltre reali documenti di immobili che si procuravano fingendosi all’acquisto di appartamenti realmente in vendita, anche una serie di documenti falsi come quello di identità, buste paga e certificazione dei redditi. In una occasione il gruppo era riuscito addirittura a ottenere con una falsa identità provata con documenti fasulli il rogito dell’atto che aveva permesso loro successivamente di appropriarsi delle somme stanziate dalla società finanziaria. Non solo. In un altro episodio, attraverso documenti fasulli, avevano persino ottenuto la proprietà di un’immobile. 

In quest’ultimo episodio, oltre a Capobianco sono coinvolte anche altri soggetti. In particolare Roberto Armenti, originario di Roma ma residente a Taranto 47enne, e Concetta D’Acquisto, palermitana 47enne, che hanno ottenuto la proprietà di un’immobile grazie ai documenti fasulli presentati da Ida Roberti e Maria Luisi che si erano spacciate per le proprietarie. AL notaio Giovanna Pignatelli è stato così contestato il reato di falso per aver attestato l’avvenuta identificazione delle proprietarie senza che questo sia stato effettivamente svolta. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400