Lunedì 27 Gennaio 2020 | 12:37

NEWS DALLA SEZIONE

nuoto
Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

 
l'evento
Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

 
L'evento
Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

 
settebello
Pallanuoto, World League a Champions a Bari: è quasi fatta

Pallanuoto, World League e Champions a Bari: è quasi fatta

 
atletica leggera
La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

 
è tarantina
Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

 
a locorotondo
Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

 
record
Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

 
Il personaggioI
Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 
BariLa visita
Bari, delegata Onu dell'agricoltura ospite del Comune per diritti legati al cibo

Bari, delegata Onu dell'agricoltura ospite del Comune per diritti legati al cibo

 
PotenzaPost elezioni
Regionali in Calabria, governatore lucano Bardi: «Al Sud FI è la casa dei moderati»

Regionali in Calabria, governatore lucano Bardi: «Al Sud FI è la casa dei moderati»

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 
TarantoLa perquisizione dei cc
Cellulari e dosi di droga nel carcere di Taranto: 17 indagati

Cellulari e dosi di droga nel carcere di Taranto: 17 indagati

 
BrindisiShoah
Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

 
BatCultura
Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

 

i più letti

ha 19 anni

Taekwondo, il mesagnese Dell'Aquila vola alle Olimpiadi di Tokyo

È il più giovane italiano della storia ai giochi olimpici in questa specialità

Taekwondo, il mesagnese Dell'Aquila vola alle Olimpiadi di Tokyo

La tradizione racconta che il perimetro del centro storico di Mesagne si presenta con una curiosa forma di un cuore. Da oggi, l’anima pulsante della città brindisina porta il nome del 19enne Vito Dell’Aquila, il più giovane taekwondota italiano mai qualificatosi ad una Olimpiade.

Dopo sette anni di distanza, l’ultima volta fu con l’altro mesagnese Carlo Molfetta, oro a Londra 2012, l’Italia della più nota arte marziale centra l’ennesimo colpo da novanta. Un figlio della Puglia sbarcherà infatti a luglio ai Giochi Olimpici di Tokio dopo aver furoreggiato nei giorni scorsi alla Final Grand Prix di Mosca. Rassegna russa che ha visto Dell’Aquila superare tutti gli avversari sino alla finale contro il primatista coreano Jun Jang nella categoria meno 58 kg vinta 21-18.

Venerdì sera è tornato a Mesagne. Ci rimarrà fino al 6 gennaio: «In questo periodo - dice - mi riposerò, ma un poco devo allenarmi facendo preparazione atletica a casa. Ho un programma preciso ricevuto dal mio preparatore atletico Francesco Zambrella».

A Mosca, Dell’Aquila non si è fatto mancare niente. Sono arrivate quattro vittorie su quattro: «Torno a casa con l’oro. Non è stato per niente facile. Ho combattuto contro i migliori al mondo e averli superati mi rende davvero felice. Ho vinto il mio primo Gran Prix, quello più importante perché raccoglieva i migliori atleti del mondo. Ho battuto il numero uno, senza sconfitte da due anni. Mi sono fatto un bel regalo di Natale».

Ora la tregua dopo la fatica: «Fino al 6 gennaio non penserò più alle gare. Il percorso di lavoro verso Tokio non lo conosco. Certi dettagli li curano il preparatore atletico ed il mio direttore tecnico Claudio Nolano. Prima del Giappone sarò impegnato in altre gare alle quali non posso non partecipare perché allenarsi non basta. Occorre trovare il ritmo competizione. Bisogna fare gli Open, non tutti, ma almeno quelli più allenanti. A maggio, poi, ci sarà l’Europeo in Croazia. Sarà l’ultima gara principale, prima di volare a Tokio per l’estate. Nella mia categoria con me ci saranno anche gli atleti coreano, spagnolo, iraniano, russo e irlandese».

Il combattimento è fissato per il 25 luglio: «L’idea di partecipare ad una Olimpiade mette i brividi. Anche perché – confessa emozionato - ripenso ai primi passi con questo sport alla palestra New Marzial Mesagne. Ai tempi, cioè, di quando avevo appena otto anni. Nel 2014 ho vinto il mio primo Mondiale Cadetti. Era la prima gara all’estero, in Azerbaigian. Una vittoria del tutto inaspettata. Indescrivibile. Poi - continua - ho vinto tre titoli Europei, di cui due Junior ed un Under 21. E nel 2017 ho conquistato bronzo e mondiale Senior. Quindi, se devo indicare un’altra tappa fondamentale nel percorso di crescita, scelgo il Mondiale a Muju. Ottenere un bronzo a sedici anni nella Corea patria del taekwondo è stato stupendo».

Dell’Aquila è il ritratto della semplicità: «Non sono cresciuto con un mito di riferimento. Per quanto sia legato al maestro mesagnese Roberto Baglivo. Non ci sono aneddoti particolari, ma non dimenticherò mai la sua costante presenza al mio fianco». Quindi l’approdo al centro federale romano Acqua Acetosa: «Ci sono arrivato in pianta stabile da quest’anno, una volta conseguito il diploma al Liceo Scientifico del mio paese. In realtà, sono in Nazionale dal 2017. L’anno scorso sono anche entrato nei Carabinieri».

Dalla Capitale, il ritorno a casa è sempre speciale: «A Mesagne sono già tornato qualche giorno dopo Mosca. Ho chiesto di non organizzare feste. Voglio rimanere concentrato, stare in famiglia e godere il Natale con i miei cari, i miei genitori Leonzio e Pasana e mio fratello Mimmo».

La vita non è solo taekwondo: «Per lo studio, ho preso un anno sabbatico. L’anno prossimo mi iscriverò alla Facoltà di Scienze della Comunicazione a Roma. Nel tempo libero esco con gli amici, gioco a tennis, ascolto tanta musica, guardo la tv ed in particolare i film comici. Impazzisco per Checco Zalone. Non vedo l’ora di assistere al suo ultimo film, sperando un giorno di conoscerlo personalmente. Se legge questo articolo, spero mi contatti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie