Venerdì 05 Marzo 2021 | 21:26

NEWS DALLA SEZIONE

Il personaggio
«Io giovane sottocapo radarista ho sentito la voce del Signore»

«Io giovane sottocapo radarista ho sentito la voce del Signore»

 
marina militare
Taranto, un mare di euro per 4 nuovi sommergibili

Taranto, un mare di euro per 4 nuovi sommergibili: ecco i killer degli abissi

 
L'intervista
Esercito, il Capo di Stato Maggiore: «Lascio un Esercito coeso con la Pinerolo che è un’élite

Esercito, il Capo di Stato Maggiore: «Lascio un Esercito coeso con la Pinerolo che è un’élite

 
la «missione»
Un aereo-spia da 450 milioni nei cieli di Puglia e Basilicata

Un aereo-spia da 450 milioni nei cieli di Puglia e Basilicata

 
Il caso
Puglia, prosegue il programma degli F-35 con l’atomica

Puglia, prosegue il programma degli F-35 con l’atomica

 
Moda
Il nuovo marchio dell'Esercito a Pitti Uomo per i capi sportswear

Il nuovo marchio dell'Esercito a Pitti Uomo per i capi sportswear

 
Al porto
Marina Militare, la portaerei Cavour da Taranto approda a Norfolk

Marina Militare, la portaerei Cavour da Taranto approda a Norfolk

 
Il gesto
Lecce, militari del Cavalleggeri di Lodi donano sangue al «Vito Fazzi»

Lecce, militari del Cavalleggeri di Lodi donano sangue al «Vito Fazzi»

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariMisure restrittive
Covid 19 a Bari, stop all'asporto dalle 18 nei fine settimana: l'ordinanza

Covid Bari, stop all'asporto nei fine settimana a partire dalle 18: l'ordinanza

 
PotenzaL'idea
Basilicata, nozze in zona rossa: gli invitati ricevono il pranzo a casa

Basilicata, nozze in zona rossa: gli invitati ricevono il pranzo a casa

 
TarantoLa storia
Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

 
LecceLa curiosità
Le si rompono le acque e partorisce di notte in treno: il bimbo nasce sull'Intercity Torino-Lecce

Le si rompono le acque e partorisce di notte in treno: il bimbo nasce sull'Intercity Torino-Lecce

 
FoggiaQuesta sera
Sanremo Giovani, «Rosso Gargano» tifa Gaudiano

Sanremo Giovani, «Rosso Gargano» tifa Gaudiano

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 9 ordinanze Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

AERONAUTICA MILITARE

Conclusa l'esercitazione Red Flag, tornano in Puglia uomini e mezzi

Di nuovo a casa dagli Usa F-35 ed Eurofighter di Amendola e Gioia del Colle

Conclusa l'esercitazione Red Flagtornano in Puglia uomini e mezzi

Duecento ore di volo in uno scenario addestrativo unico, altamente realistico e complesso, per sfruttare al massimo le potenzialità dei jet e dei sistemi d'arma in dotazione. Senza dimenticare l'abilità dei piloti. Si è conclusa nella base Usa di Nellis, nel Nevada, la Red Flag, l'esercitazione più importante dell'anno, alla quale hanno preso parte anche velivoli tedeschi, spagnoli e italiani.

L'Aeronautica militare per la prima volta schierava  tre tipologie di velivoli: gli F-35 del 32° Stormo di Amendola, gli Eurofighter del 4°, 36° di Gioia del Colle e del 37° Stormo ed il CAEW (guerra elettronica) del 14° Stormo di Pratica di Mare. Lo scenario ipotizzato ha previsto il contrasto di forze nemiche, i cosiddetti aggressors, fra cui i velivoli F-16C del 57° WG, oltre a sistemi terra-aria ed altri aerei di supporto, integrati con i migliori assetti dell'aviazione americana. Si tratta di un contesto esercitativo definito non a caso "complesso" per via dell'elevato numero di velivoli impiegati parte e dello scenario di crisi riprodotto. 

I tre diversi velivoli italiani oltre a raggiungere importanti ritorni addestrativi nel loro tipico settore di impiego, hanno avuto la possibilità di interagire tra loro consolidando tattiche di impiego congiunte e implementando l'interoperabilità dei velivoli legacy con quelli di quinta generazione in un'ottica di moderna concezione del potere aereo. Gli assetti italiani hanno operato congiuntamente nelle varie missioni in particolare nel ruolo di controllo e scorta aerea, implementando l'attività di integrazione di assetti eterogenei dell'Aeronautica militare in scenari non replicabili su territorio nazionale.


"E' stata una straordinaria occasione di addestramento per tutta la squadra di professionisti che ha lavorato in questa Red Flag, ha sottolineato il colonnello Luca Maineri, capo del team di supporto all'esercitazione. "Al di là del ritorno importantissimo in termini operativi, queste occasioni sono uno straordinario banco di prova per tutte le professionalità che l'Aeronautica è in grado di esprimere. Mi preme sottolineare che per consentirci di operare qui in America ad una tale distanza da casa, la Forza armata ha saputo ancora una volta dar prova della sua capacità di logistica di proiezione, grazie alla quale siamo in grado di raggiungere con personale  e mezzi, in brevissimo tempo, qualsiasi destinazione ed essere in grado di operare ed addestrarci in ogni angolo del mondo esattamente come se fossimo in Italia". 

Gli F-35 italiani, per la prima volta presenti ad una Red Flag, hanno effettuato tutte le tipologie di missioni previste dallo scenario dell'esercitazione, con due formazioni da quattro velivoli impiegati in missioni sia diurne che notturne. I piloti del 32° Stormo hanno portato a termine con successo operazioni aeree eterogenee di tipo Escort, suppression of enemy air defenses (Sead ), Air interdiction e dynamic targeting, dimostrando quanto il velivolo sia versatile, maturo e dotato di uno spettro di capacità operative tale da consentire lo svolgimento contemporaneo ed autonomo di numerose missioni diverse nell'ambito dello stesso volo.

In particolare, la Red Flag ha consentito ai piloti di questa linea di consolidare ulteriormente tattiche tipiche dei velivoli di quinta generazione, operando con il 62nd fighter squadron di Luke, oltre a rafforzare il ruolo di questo velivolo come enabler in scenari complessi. Gli F-35, infatti, si sono dimostrati fondamentali per l'assolvimento dei commander's intent, con una spiccata capacità di targeting stand-off e ogni-tempo contro obiettivi dinamici di tipo Time sensitive target. (Tst).


Il G-550 CAEW ha rappresentato una vera e propria novità in questo contesto, in cui abitualmente viene impiegato l'Awacs, con un ventaglio di compiti e capacità non così ampio come quelle che è in grado di assicurare la piattaforma del 14° Stormo.

La prima Red Flag per gli equipaggi del CAEW ha fornito ritorni addestrativi importanti poiché ha consentito l'addestramento necessario  per garantire la condotta di missioni d dette di Battle Management and Command and control (BMC2) in un contesto esercitativo di tipo Large force employment (Lfe ), in ambiente ad alta densità e minaccia detto peer to peer/area access-area denial. Il CAEW, grazie alle capacità del velivolo, ha volato in missioni nelle quali ha fornito agli altri assetti coinvolti la situational awareness in qualità di non-traditional intelligence surveillance reconnaissance (NT-ISR), condividendo le informazioni con la stessa piattaforma capacitiva (support to info-Superiority/dominance plan).

Il contesto esercitativo internazionale in cui si è svolta la Red Flag ha inoltre consentito di familiarizzare con le regole di volo tipiche dei poligoni americani ed ha permesso, durante le fasi di deployment e re-deployment, di addestrare il personale navigante su rotte oceaniche North atlantic track .

Gli Eurofighter degli Stormi caccia hanno preso parte per la seconda volta a questa prestigiosa esercitazione conducendo operazioni di volo diurne e notturne in scenari via via sempre più complessi, che hanno consentito di standardizzare ed implementare lo sviluppo di tattiche congiunte con gli altri assetti aerei presenti. In particolare la linea F-2000 ha partecipato a missioni nelle quali ha svolto congiuntamente sia il ruolo di difesa aerea sia attività aria / suolo colpendo obiettivi pre pianificati utilizzando munizionamento di caduta a guida laser. Questo addestramento ha testimoniato l'elevato grado di maturità della macchina e la ormai consolidata capacità swing role del velivolo, perno della difesa aerea nazionale ma anche un velivolo con significative capacità di attacco al suolo nonché importanti capacità ISR grazie all'impiego del pod reccelite.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie