Venerdì 17 Gennaio 2020 | 19:44

NEWS DALLA SEZIONE

ESERCITO
Tscherkovo e la memoria storicadell'82° reggimento di Barletta

Tscherkovo e la memoria storica dell'82° reggimento di Barletta

 
AERONAUTICA MILITARE
"Prendi al volo il tuto futuro"l'Arma azzurra nelle scuole di Bari

«Prendi al volo il tuo futuro»: l'Arma azzurra nelle scuole di Bari

 
ESERCITO
Dopo la sperimentazione della "Pinerolo"arrivano i nuovi sistemi d'arma avanzati

Dopo la sperimentazione della "Pinerolo" arrivano i nuovi sistemi d'arma avanzati

 
ESERCITO
Lecce, soppresso il 31° carriarrivano i Cavalleggeri Lodi

Lecce, soppresso il 31° carri: arrivano i Cavalleggeri Lodi

 
AERONAUTICA MILITARE
Gioia, la Befana arriva in elicotteroDoni e sorrisi ai bambini più piccoli

Gioia, la Befana arriva in elicottero: doni e sorrisi ai bambini più piccoli

 
MARINA MILITARE
Monopoli, la storia dei sommergibiliMostra e fotografie nel castello Carlo V

Monopoli, la storia dei sommergibili: mostra e fotografie nel castello Carlo V

 

Il Biancorosso

mercato
Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaUn marchio storico
Foggia, «Pasta Tamma» in vendita sulla via di Gragnano

Foggia, «Pasta Tamma» in vendita sulla via di Gragnano

 
TarantoA Taranto
«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

 
PotenzaLa relazione Dia
In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

 
Leccenel Leccese
Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

 
Barila procura
Bari, chiesto processo per ex giudice Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

Bari, chiesto processo per Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

 
Batnel nordbarese
Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare Silvestris: si indaga

Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare: si indaga

 
BrindisiBuon compleanno
Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

 
MateraIl caso
Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

 

i più letti

AERONAUTICA MILITARE

Si chiude la missione in Romania: tornano a casa gli Eurofighter di Gioia

Il rischiaramento della task force con velivoli di altri Stormi era iniziato il 15 maggio

Si chiude la missione in Romaniatornano a casa gli Eurofighter di Gioia

Con il decollo verso l’Italia dei quattro Eurofighter, si è conclusa ufficialmente l’operazione Black Shield, condotta dalla task force air 4th Wing nell’ambito della missione di «Enhanced Air Policing» della Nato, presso la base aerea di Mihail Kogalniceanu, vicino Costanza in Romania. La missione, iniziata a maggio, con il rischieramento di quattro Eurofighter Typhoon dell’Aeronautica militare con relativi piloti, tecnici, specialisti e personale logistico, ha visto impiegati circa 130 militari provenienti dagli Stormi Eurofighter – 4°, 36° e 37° Stormo – con il contributo di altri reparti di forza armata e interforze e due militari appartenenti ai Carabinieri con le funzioni di Polizia militare.

Dal 14 maggio scorso, a seguito della consegna della certificazione di Full operational capability da parte del personale valutatore proveniente dal Caoc (Combined air operations centre) di Torrejon, per quattro mesi, il distaccamento italiano ha contribuito ad assicurare l’integrità dello spazio aereo della NATO, supportando l’attività di sorveglianza dei cieli della Romania già assicurata dalla Fortele Aeriene Romane con gli assetti MIG-21. In questo periodo, gli assetti della task force air hanno raggiunto il prestigioso traguardo delle 500 ore di volo, effettuando 4 alpha scramble e numerose missioni di scramble simulati (in gergo Tango scramble) per l’addestramento alla prontezza operativa degli equipaggi. A tali missioni, si aggiungono la quotidiana attività addestrativa svolta congiuntamente alla forza aerea rumena e con le altre forze aeree di paesi alleati presenti nell’area di operazione nonché con le forze di superficie e marittime. I piloti hanno svolto infatti missioni esercitative di supporto ravvicinato alle truppe di terra (Cas Close air support) in collaborazione con militari dell’esercito americano e rumeno, offrendo loro la possibilità di addestrare i militari qualificati Jtac (Joint terminal attack controller).

Oltre agli equipaggi di volo, l’addestramento ha coinvolto anche il personale italiano in organico alla task force e distaccato presso il Control and reporting centre di Balotesti, vicino Bucarest, che ha svolto attività di controllore guida caccia e di supporto ed addestramento all’omologo personale rumeno. Non sono mancate, inoltre, altre opportunità di confronto e formazione tra il personale italiano rischierato e personale della forza aerea rumena, nei settori della manutenzione e della gestione delle emergenze. Attività che non solo rappresentano opportunità di accrescimento professionale per il personale della Task Force, ma che hanno contribuito a rafforzare l’integrazione delle forze e la friendship in ambito Alleanza, promuovendo l’analisi, l’approfondimento ed il perfezionamento delle procedure e delle tattiche. Opportunità altamente apprezzate anche dalla host nation che ha sempre espresso il proprio riconoscimento al personale della task force per aver operato insieme in questi quattro mesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie