Martedì 26 Gennaio 2021 | 19:10

NEWS DALLA SEZIONE

Marina Militare
Taranto, la «Cavour» parla pugliese e si prepara per accogliere gli «F35» a decollo verticale

Taranto, la «Cavour» parla pugliese e si prepara per accogliere gli «F35» a decollo verticale

 
la storia
Da Gioia gli «angeli» del cielo: «Così abbiamo salvato i due alpinisti bloccati dal gelo»

Da Gioia gli «angeli» del cielo: «Così abbiamo salvato i due alpinisti bloccati dal gelo»

 
questa mattina
Corato, straniero dà in escandescenza in pieno centro: intervengono due militari dell'Esercito e lo bloccano

Corato, straniero dà in escandescenza in pieno centro: intervengono due militari dell'Esercito e lo bloccano

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna trovata morta in casa: si pensa ad un omicidio

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
Bariemergenza Covid
Bari, Sos lanciato dalle guide turistiche: «Siamo senza lavoro da due anni»

Bari, Sos lanciato dalle guide turistiche: «Siamo senza lavoro da due anni»

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto. Altre persone sotto le macerie: 4 feriti gravi

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

i più letti

AERONAUTICA MILITARE

Amendola, centro eccellenza dei droni
ecco i nuovi top-gun dei robot dei cieli

Dalla caccia ai terroristi alle calamità naturali: qui si formano gli operatori interforze

Amendola, centro di eccellenza dei droniqui nascono i nuovi top-gun dei robot dei cieli

Un occhio dal cielo, capace di osservare il terreno e di trasmettere immagini e informazioni in tempo reale, ad un operatore distante anche migliaia di chilometri, rappresenta una grande opportunità. Non solo nei teatri operativi militari. Infatti l’utilizzo dei droni, in chiave dual use, cioè in missioni di pubblica utilità, dalla ricerca e soccorso alle calamità naturali, alla sorveglianza di un’area specifica, si sta diffondendo sempre più, grazie alla semplicità di impiego e al costo abbordabile rispetto ad altri strumenti tradizionali.
L’Aeronautica militare, con lungimiranza, ha saputo cogliere la nuova sfida e si è candidata a diventare punto di riferimento per quanti hanno la necessità di formare ed addestrare operatori specializzati nel pilotaggio e nell’utilizzo dei vari sensori montati sui droni. Un’attività, rivolta alle altre Forze armate e agli enti governativi, che ha trasformato la base di Amendola in un centro di eccellenza nel settore degli aeromobili a pilotaggio remoto. La scelta, non è casuale. Perché qui hanno sede il gruppo Predator e il team di esperti incaricato di studiare l’evoluzione tecnologica dei droni sia in chiave di sviluppo che di contrasto alle minacce portate dai droni.


 In dieci anni, presso il centro di eccellenza di Amendola, sono stati già formati centinaia di operatori. Tutti a sciola di droni, dunque. Nei corsi - che prevedono una parte teorica con lezioni su materie aeronautiche come la meteorologia, i regolamenti e le normative del traffico aereo, la cartografia, ed una parte pratica con simulatori di ultima generazione - vengono messe a frutto le competenze e le professionalità maturate dall'Aeronautica militare in oltre 15 anni di impiego operativo di sistemi a pilotaggio remoto. Dalla prima missione in Iraq nel 2005, infatti, i Predator non hanno mai smesso di volare per attività di ricognizione e sorveglianza, sia in Italia sia all'estero, superando le 40mila ore di volo (l'equivalente di 1670 giorni, circa quattro anni e mezzo in volo senza mai fermarsi). Una attività molto apprezzata in ambito internazionale, in particolare in Afghanistan, dove i Predator hanno operato dal 2007 al 2015 sotto egida NATO a supporto delle truppe e delle operazioni multinazionali, e tuttora in Iraq, nell'ambito della coalizione anti Isis. Anche in territorio nazionale sono state diverse le operazioni alle quali i Predator  hanno preso parte, da quelle a supporto di forze dell'ordine e di polizia per la protezione di grandi eventi (es. G8, vertici internazionali, Giubileo) e per il contrasto della criminalità organizzata, a quelle di concorso per attività di ricognizione nelle emergenze a favore della Protezione civile e nella lotta agli incendi nel sud Italia. Tutto, naturalmente, parte dalla tecnologia militare. I droni rappresentano gli “occhi” dell’intelligence moderna sul campo di battaglia. Possono seguire un bersaglio “target” rimanendo praticamente invisibili e trasmettere una miriade di informazioni alle forze schierate sul campo. I Predator tricolori non sono armati. Lascelta della politica italiana, finora, è stata questa.


I nostri “robot del cielo” possono solo effettuare missione di ricognizione e di sorveglianza. Senza dimenticare la preziosa attività mirata a sventare agguati con le bombe improvvisate, le temute IED in Afghanistan e Iraq. O il controllo di un percorso, la verifica di eventuali alterazioni alla pavimentazione stradale, la segnalazione di anomalie.
Il Predator è guidato via satellite (quelli italiani per monitorare l’Afghanistan e l’Iraq partono dal Kuwait) e solo per le fasi di decollo e atterraggio è seguito da un equipaggio presente nella stessa base di partenza. Amendola ha anche un nucleo di Predator schierato a Sigonella in modo da coprire la parte sud del Mediterraneo e una fascia di continente africano, lì dove ci sono missioni italiane (dalla Libia al Niger). La missione di un equipaggio (pilota, specialista, addetto all’intelligence, tecnico) dura di solito otto ore, intervallate da turni di riposo così da far volare il Predator anche per una giornata intera. Insomma, sta nascendo una nuova classe di “top gun”, completamente dedicata ai “robot del cielo”. Tenendo presente sempre l’importanza dell’analisi e della valutazione (spetta ancora all’uomo) dei dati raccolti: un particolare di primo piano, che fa la differenza in campo decisionale.   

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie