Venerdì 22 Marzo 2019 | 16:04

NEWS DALLA SEZIONE

MARINA MILITARE
Golfo di Taranto, testate procedure Natosi addestrano navi, sommergibili e aerei

Golfo di Taranto, testate procedure Nato
si addestrano navi, sommergibili e aerei

 
Scintille Nato-Russia
I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

 
AERONAUTICA MILITARE
Comando scuole-Terza Regione aereail generale Colagrande nuovo comandante

Comando scuole-Terza Regione aerea
il generale Colagrande nuovo comandante

 
AERONAUTICA MILITARE
Formazione, ricerca e sperimentazionesiglato accordo con l'Università di Bari

Formazione, ricerca e sperimentazione
siglato accordo con l'Università di Bari

 
AERONAUTICA MILITARE
Compleanno dell'Arma azzurraGioia, porte aperte al 36° Stormo

Compleanno dell'Arma azzurra
Gioia, porte aperte al 36° Stormo

 
L'ANNIVERSARIO
Brigata San Marco cento anni di storiala festa dei fucilieri di Marina

Brigata San Marco cento anni di storia
la festa dei fucilieri di Marina

 
L'INIZIATIVA
Una cultura della Difesa nelle scuoleL'Esercito offre opportunità professionali

Una cultura della Difesa nelle scuole
L'Esercito offre opportunità professionali

 
IL RICONOSCIMENTO
De Carolis, il carabiniere-scrittoreè stato premiato al Campidoglio

De Carolis, il carabiniere-scrittore
è stato premiato al Campidoglio

 
AERONAUTICA MILITARE
Gli F-35 di Amendola si addestrano in GermaniaPromosso il rischiaramento sulla base di Istrana

Gli F-35 di Amendola si addestrano in Germania
Promosso il rischieramento sulla base di Istrana

 
L'APPUNTAMENTO
Tammaro, a lezione di leadershipdall'ex comandante della Pan

Tammaro, a lezione di leadership
dall'ex comandante della Pan

 
L'ANALISI
Iraq, acqua risorsa strategicauna minaccia alla stabilità

Iraq, acqua risorsa strategica
una minaccia alla stabilità

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl siderurgico
Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale

Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale

 
BariL'operazione della Gdf
Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

 
LecceIl caso
Lecce, truffe ad Inps e Agenzie delle entrate: due indagati

Lecce, truffe ad Inps e Agenzie delle entrate: due professionisti salentini arrestati

 
FoggiaIl rito religioso
Foggia si stringe intorno all’Iconavetere: in migliaia alla Festa Patronale

Foggia si stringe intorno all’Iconavetere: in migliaia alla Festa Patronale

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 
BrindisiA brindisi
In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

 

CARABINIERI

Iraq, i Caschi blu italiani della cultura
impegnati a salvare il patrimonio artistico

Contro le distruzioni dell'Isis in prima linea anche i militari pugliesi

Iraq, i Caschi blu italiani della cultura impegnati  a salvare il patrimonio artistico

La guerra in Siria ed in Iraq contro lo Stato Islamico, a prescindere dall’esito sul terreno, avrà un grande sconfitto: il patrimonio culturale. Lo si evince anche da un comunicato stampa del comando multinazionale impegnato nell’operazione “Inherent Resolve”, a guida statunitense nel Medio Oriente, in cui si racconta che in un attacco mirato è stato distrutto un centro di comando e controllo dell’Isis posizionato in una moschea a Safafiyah, in Siria. “L'Isis continua a violare il diritto internazionale dei conflitti armati e abusa di strutture protette come ospedali e moschee, e fa sì che un edificio di questo genere perda la sua tutela giuridica di neutralità” – specifica la nota. La medesima situazione si è verificata nella parte orientale della Siria. La Coalizione con entrambe le azioni avrebbe eliminato alcuni terroristi dell'Isis che costituiscono una minaccia costante alle forze siriane alleate degli Stati Uniti e contrarie al regine di Damasco. Il supporto agli alleati siriani continua specie ora che è in corso l’ultima offensiva per liberare gli ultimi lembi di territorio ancora occupato dall'Isis.


Fortunatamente ci sono storie che infondono una maggiore speranza; in Iraq, tra la capitale irachena ed Erbil si sono appena conclusi alcuni corsi di Cultural heritage protection (CHP) condotti dal personale dell’Arma dei Carabinieri della Police task force (tra loro anche diversi pugliesi) , impegnati nel Paese asiatico nell’ambito dell’operazione “Prima Parthica”.
Dall’Italia, presente in Iraq dal 2003 (Baghdad - Nassyria), è giunto personale specializzato del comando Tutela patrimonio culturale, reparto noto per le specifiche attività di protezione e recupero di beni culturali sia in Italia che all’estero.
Nel 2018 il personale della Task force Unite for heritage - U4H, meglio conosciuta come “Caschi blu della cultura”, ha condotto in Iraq 15 corsi addestrativi formando oltre 400 unità provenienti dalle forze di polizia e di sicurezza locali e da uffici e dipartimenti civili che si occupano della specifica materia.
Ad Erbil dal 2016 sono stati svolti 7 corsi di protezione del patrimonio culturale, ospitati da vari dipartimenti del ministero degli Interni, della polizia regionale e di altre istituzioni pubbliche, quali l’Università Saladdhin o l’Istituto iracheno per la Conservazione delle antichità e del Patrimonio culturale.
Come dimostrato in occasione delle cerimonie di fine corso, nelle quali sono stati consegnati gli attestati di frequenza ai partecipanti, le personalità locali ed internazionali intervenute hanno manifestato un grandissimo interesse a queste importanti attività addestrative, manifestando i più sentiti ringraziamenti all’Italia. Nel corso delle lezioni sono stati illustrati e discussi temi quali le norme sulla circolazione internazionale dei beni culturali, le convenzioni e gli accordi transnazionali che sanciscono le modalità di restituzione al Paese di origine, le normative nazionali circa il divieto di scavi archeologici senza autorizzazione, esportazione illegale e contrabbando, l’obbligo di denuncia di rinvenimento, i princìpi fondanti del concetto di patrimonio culturale nazionale e mondiale e le modalità di assistenza investigativa.
L’attività dei Carabinieri contribuisce ad “accrescere negli iracheni la consapevolezza della ricchezza del loro Paese attraverso la tutela del patrimonio culturale di quella che è universalmente conosciuta come la Terra della Civiltà” .
Nell’ottica della rinascita, anche del patrimonio storico-culturale, il patriarca caldeo cardinale Louis Raphael Sako a Bagdad ha presieduto la consacrazione del padre domenicano Najib Mikhael Moussa, neo arcivescovo di Mosul e di padre Robert Jarjis, vescovo ausiliare di Baghdad (la Babilonia del Caldei). 
Per il primate caldeo la nomina di Mosul ha un significato particolare, perché “è fonte di speranza” per tutta la comunità locale. I vescovi  neoeletti dovranno portare felicità ed essere fonte di fiducia nel futuro in una realtà che esce a fatica da una devastazione enorme. 
Per padre Najib, originario proprio di Mosul dove è nato il 9 settembre del 1955, sarà “una sfida enorme e una missione molto grave con una grande responsabilità” ammette il cardinale Sako, il quale aggiunge anche che “potrà fare molto” per la città. “Conosce bene quella realtà - spiega - e può vantare molte amicizie e una rete significativa di rapporti personali” anche con i musulmani. 


Durante gli anni di occupazione dello Stato islamico il padre domenicano (ordinato sacerdote il 16 maggio 1987) ha contribuito all’opera di sostegno agli sfollati di Mosul e della piana di Ninive. Grazie alla sua formazione di archivista, egli ha preservatodalla distruzione parte del patrimonio culturale (cristiano e non) della metropoli del nord, dove comunque le devastazioni sono state ingenti verso i monumenti pre-islamici, i luoghi di culto non islamici e sciiti.
“I due fattori sui quali dovrà insistere - sottolinea il primate caldeo - sono la riconciliazione e la fiducia fra la gente della città, perduta a causa delle violenze dell’Isis e dell’ideologia fondamentalista. Al nuovo vescovo il compito di riavviare il dialogo e di incoraggiare gli stessi musulmani alla riconciliazione e alla ricostruzione della società irachena in una prospettiva di pace duratura. Infine, egli dovrà aiutare i cristiani a “riallacciare i fili della storia a Mosul, far rinascere le chiese e i luoghi di culto, alcuni dei quali sono fra i più antichi e importanti per la Chiesa. Essi sono parte della vita e della storia della città” – ha concluso i capo spirituale dei Caldei. 
Il ruolo dell’Italia in questo settore è stato riconosciuto dal presidente iracheno  Barham Salih che a Roma, in qualità di ospite d’onore della sessione di apertura della IV edizione della conferenza internazionale Mediterranean dialogues, aveva evidenziato "il contributo italiano in termini di assistenza, soprattutto nel settore della sicurezza e del patrimonio culturale".
 
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400